AREA DI CRISI MOLISE 2MOLISE: attivato intervento per area di crisi Molise, area di crisi industriale complessa di Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto.
Il Ministero mette a disposizione 15 milioni per i progetti di riconversione e riqualificazione.
Si tratta dell'attuazione del “Progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa di Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto”, aiuto ai sensi della legge n. 181/1989.
FINALITA': la misura, in sintesi, promuove la realizzazione di una o più iniziative imprenditoriali nell’area di crisi molisana, finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.
ATTIVITÀ AMMISSIBILI: sono ammissibili alle agevolazioni, purché realizzate nel territorio dei Comuni ammessi, le iniziative che: a) prevedano la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione, con spese ammissibili non inferiori a 1,5 milioni di euro; b) comportino un incremento degli addetti dell’unità produttiva oggetto del programma di investimento.
PROGETTI AMMESSI: Ampliare o avviare un’impresa;  Riorganizzare/ammodernare un’impresa; Essere inserito in un percorso di riqualificazione o reimpiego professionale;
AMBITI DI ATTIVITA' AMMESSE: Investimenti produttivi; R&S e innovazione.
CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato. In particolare, il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili.
PROCEDIMENTO: l’iter istruttorio prevede essenzialmente tre fasi: 1)  verifica, per tutte le domande presentate, della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni; 2) definizione di una specifica graduatoria, sulla base di un parametro di riferimento costituito dall’incremento del numero degli addetti delle imprese proponenti; 3) valutazione delle domande, secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili, sulla base di specifici criteri di merito individuati.
RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI:  le risorse finanziarie disponibili ai fini della concessione delle agevolazioni ammontano a 15 milioni di euro, a valere sulle risorse della legge n. 181/1989
DOMANDE: dal 18 ottobre al 17 novembre 2017.

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 

 

AREA DI CRISI DEL MOLISE

Chiedi un appuntamento a Milano
Chiedi un appuntamento a Roma
Chiedi un appuntamento in altre città

Chiedi Informazioni

SEI UN PROFESSIONISTA? COLLABORA CON NOI

 

 

AIUTI PER L’AREA DI CRISI INDUSTRIALE COMPLESSA DI “VENAFRO–CAMPOCHIARO-BOJANO E AREE DELL’INDOTTO"

Il territorio ricompreso tra le due province di Isernia e Campobasso corrispondente ai Comuni di Venafro (IS), Campochiaro (CB) e Bojano (CB) e alle aree di localizzazione delle aziende dell’indotto, è stato riconosciuto nel 2015 “area di crisi industriale complessa”, ai sensi della disciplina in materia riordinata dal decreto-legge n. 83/2012 (art. 27).

In data 27 luglio 2017 è stato sottoscritto tra Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero dello sviluppo economico, Agenzia nazionale politiche attive lavoro - ANPAL, Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, Regione Molise, Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A. – Invitalia, un Accordo di programma per l’attuazione del “Progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa di Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto” (PRRI), finalizzato al rilancio delle attività industriali, alla salvaguardia dei livelli occupazionali, al sostegno dei programmi di investimento e allo sviluppo imprenditoriale.

Nel PRRI, la cui attuazione è affidata a Invitalia in base alla vigente normativa in materia di riconversione e riqualificazione produttiva di aree di crisi industriale complessa, sono previsti gli interventi di rispettiva competenza dei soggetti sottoscrittori dell’Accordo, che prevedono:

  • la promozione di iniziative imprenditoriali in grado di sostenere l’economia locale e tracciare traiettorie di sviluppo sostenibile, anche tramite programmi di investimento in attività di R&S e creazione e consolidamento di start up innovative;
  • il ricollocamento lavorativo del personale appartenente a uno specifico bacino tramite azioni volte alla riqualificazione e reimpiego dei lavoratori;
  • interventi infrastrutturali prioritari per l’area di crisi, tramite le azioni previste nel Patto per lo Sviluppo della Regione Molise.

LA ZONA INDUSTRIALE DI “VENAFRO-CAMPOCHIARO-BOJANO E AREE DELL’INDOTTO”

La zona industriale di “Venafro-Campochiaro-Bojano e aree dell’indotto” è stata riconosciuta “area di crisi industriale complessa” per le problematiche legate alla grave crisi che ha colpito le principali aziende, più l’indotto, operanti nei poli:

  • avicolo e agro-alimentare (Solagrital-GAM);
  • tessile (Ittierre Spa);
  • metalmeccanico (ambito Venafro-Pozzilli).

L’Area di crisi comprende 67 Comuni così articolati:

  • Comuni soci del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Isernia-Venafro;
  • Comuni soci e/o appartenenti al comprensorio del Consorzio per lo Sviluppo Industriale Campobasso-Bojano;
  • Comuni con presenza di aziende dell’indotto avicolo, tessile, metalmeccanico e di aree artigianali/industriali comunque denominate.

ELENCO COMUNI AREA DI CRISI

PROVINCIA DI CAMPOBASSO:

  • Baranello,
  • Bojano,
  • Bonefro,
  • Busso,
  • Campobasso,
  • Campochiaro,
  • Casacalenda,
  • Casalciprano,
  • Castropignano,
  • Cercemaggiore,
  • Cercepiccola,
  • Civitacampomarano,
  • Colled’Anchise,
  • Colletorto,
  • Guardiaregia,
  • Lucito,
  • Mafalda,
  • Matrice,
  • MirabelloSannitico,
  • Montefalcone nel Sannio,
  • Pietracatella,
  • Ripalimosani,
  • San Giuliano del Sannio,
  • SanMassimo,
  • SanPolo,
  • Sant’EliaaPianisi,
  • Santa Croce di Magliano,
  • Sepino,
  • Spinete,
  • Torella del Sannio,
  • Trivento,
  • Tufara,
  • Vinchiaturo


PROVINCIA DI ISERNIA:

  • Acqua viva d’Isernia,
  • Agnone,
  • Bagnoli del Trigno,
  • Cantalupo,
  • Carpinone,
  • Castel San Vincenzo,
  • Castelpetroso,
  • Castelpizzuto,
  • Cerroal Volturno,
  • Collial Volturno,
  • Filignano,
  • Fornelli,
  • Frosolone,
  • Isernia,
  • Longano,
  • Macchia d’Isernia,
  • Macchiagodena,
  • Miranda,
  • Montaquila,
  • Montenero Val Cocchiara,
  • Monteroduni,
  • Pesche,
  • Pettoranello,
  • Pietrabbondante,
  • Pizzone,
  • Pozzilli,
  • Rionero Sannitico,
  • Rocchetta al Volturno,
  • Sant’Agapito,
  • Sant’Elena Sannita,
  • Santa Maria del Molise,
  • Sessano del Molise,
  • Sesto Campano,
  • Venafro

AGEVOLAZIONI CONCEDIBILI

Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, entro i limiti previsti dal regolamento (UE) n. 651/2014 (“Regolamento GBER”).

In particolare, il finanziamento agevolato concedibile è pari al 50% degli investimenti ammissibili.

  • Il contributo in conto impianti e l’eventuale contributo diretto alla spesa sono complessivamente di importo non inferiore al 3% della spesa ammissibile.

PROCEDIMENTO

L’ITER ISTRUTTORIO PREVEDE ESSENZIALMENTE TRE FASI:

  • verifica, per tutte le domande presentate, della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni;
  • definizione di una specifica graduatoria, sulla base di un parametro di riferimento costituito dall’incremento del numero degli addetti delle imprese proponenti;
  • valutazione delle domande, secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili, sulla base di specifici criteri di merito individuati dal D.M. 9 giugno 2015.

RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI

Le risorse finanziarie disponibili ai fini della concessione delle agevolazioni ammontano a 15 milioni di euro, a valere sulle risorse della legge n. 181/1989

DOMANDE

Le domande di accesso alle agevolazioni potranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a., Invitalia,

  • a partire dalle ore 12.00 del 18 ottobre 2017
  • e fino alle ore 12.00 del 17 novembre 2017.

 

 

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 


SEI UN PROFESSIONISTA ESPERTO IN FINANZA AGEVOLATA?
COLLABORA CON NOI

COLLABORA CON NOI

COLLABORA


SEI UN IMPRESA O UN ASPIRANTE IMPRENDITORE?

MODULO ABBONAMENTO

ABBONATI

ABBONAMENTO X


SEI UN CONSULENTE?

 TI INTERESSA LA FINANZA AGEVOLATA?

AFFILIAZIONI INFORMAZIONI
 

SCOPRI I VANTAGGI DELL'AFFILIAZIONE IN CON ITALIA CONTRIBUTI

PULSANTE INFORMAZIONI AFFILIAZIONE


 

ITALIA CONTRIBUTI HEADER960.LOGO.500

  VI INTERESSANO AGEVOLAZIONI FINANZIARIE DI UN'ALTRA REGIONE?

CHIEDI INFORMAZIONICHIEDI APPUNTAMENTO

VISITA I NOSTRI SITI REGIONALI:

- LombardiaContributi.it

- PiemonteContributi.it

- VenetoContributi.it

- ValledAostaContributi.it

- LiguriaContributi.it

- TrentinoAltoAdigeContributi.it

- FriuliVeneziaGiuliaContributi.it

- EmiliaRomagnaContributi.it

- ToscanaContributi.it

- UmbriaContributi.it

- MarcheContributi.it

- LazioContributi.it

- AbruzzoContributi.it

- MoliseContributi.it

- CampaniaContributi.it

- PugliaContributi.it

- BasilicataContributi.it

- CalabriaContributi.it

- SiciliaContributi.it

- SardegnaContributi.it

PULSANTE.CHIEDI.INFORMAZIONI


 
Logo Italia Contributi
(TM) ITALIA CONTRIBUTI E' UN MARCHIO DEPOSITATO E PROTETTO
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione