TOSCANA.PiombinoToscana: PAR FAS (Fondo Aree Sottoutilizzate) 2007/2013. 
Linea di intervento 1.6. A - "Interventi di sostegno alle imprese dell’area di crisi di Piombino".
Agevolazione sotto forma di finanziamento agevolato a tasso zero.

Il fondo supporta programmi di investimento in attivi materiali e/o immateriali realizzati da PMI nell’Area di crisi di Piombino, ed in particolare nei Comuni di Piombino, Campiglia Marittima, Suvereto e San Vincenzo, per installare un nuovo stabilimento, ampliare uno stabilimento esistente, diversificare la produzione di uno stabilimento mediante prodotti nuovi aggiuntivi o trasformare radicalmente il processo produttivo complessivo di uno stabilimento esistente. 
Data inizio presentazione domande: dal 07/03/2016 fino al 30 aprile 2016. Richiedi informazioni

TOSCANFONDO PER PRESTITI

Logo Italia Contributi

 

Richiedi un Appuntamento a Milano

Richiedi un appuntamento in altre città

Richiedi informazioni

Richiedi una Pre-Fattibilità

 

 

PAR FAS (FONDO AREE SOTTOUTILIZZATE) 2007/2013

LINEA DI INTERVENTO 1.6. A
"INTERVENTI DI SOSTEGNO ALLE IMPRESE DELL’AREA DI CRISI DI PIOMBINO"

 

BENEFICIARI

Possono presentare domanda le Micro, Piccole e Medie Imprese (PMI), ivi comprese le società consortili anche di nuova costituzione, regolarmente iscritte al registro delle imprese, aventi
sede o unità locale destinatarie dell'intervento, nel territorio dei Comuni di Piombino, Campiglia
Marittima, Suvereto e San Vincenzo, che realizzino un programma di investimenti in detti
territori.

ATTIVITÀ AMMESSE

Le imprese beneficiarie devono esercitare un’attività economica identificata come prevalente nell’unità, che realizza il programma di investimento, rientrante nelle seguenti sezioni:
B – Estrazione di minerali da cave e miniere,
C – Attività manifatturiere
D - Fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata
E – Fornitura di acqua; reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento
F – Costruzioni
G – Commercio all’ingrosso e al dettaglio, con esclusione delle seguenti categorie: 45.11.02, 45.19.02, 45.31.02, 45.40.12, 45.40.22 e del gruppo 46.1
H – Trasporto e magazzinaggio
I – Attività dei servizi di alloggio e di ristorazione
J – Servizi di informazione e comunicazione
M – Attività professionali, scientifiche e tecniche
N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese
P– Istruzione, limitatamente al gruppo 85.52
Q – Sanità e assistenza sociale, ad eccezione del gruppo 86.1
R–Attività artistiche, sportive, di intrattenimento e divertimento
S – Altre attività di servizi, limitatamente alla divisione 95 e 96

  • Per imprese di nuova costituzione si intendono le imprese costituite da non oltre 24 mesi dalla data di presentazione della domanda. Per data di costituzione si intende la data di iscrizione alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura.

CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO

Gli aiuti per la realizzazione dei progetti di investimento sono concessi nella forma di finanziamento a tasso zero pari al:

  • - 60% del programma di investimento ammesso all’agevolazione a seguito di valutazione;
  • - 70% del programma di investimento ammesso all’agevolazione a seguito di valutazione, limitatamente ai programmi di investimento proposti da imprese giovanili e femminili così come definite dalla L.R. 35/2000.

DURATA FINANZAIMENTO

La durata del finanziamento è prevista in:

  • -cinque anni, nel caso di programmi di investimento di importo complessivo fino a € 300.000;
  • -otto anni, nel caso di programmi di investimento di importo complessivo superiore a € 300.000;
  • -otto anni nel caso dei prestiti partecipativi di seguito descritti.


Il rimborso del finanziamento prevede un preammortamento iniziale di due semestri (oltre al preammortamento tecnico di massimo 30 giorni), decorso il quale inizia il piano di rientro sviluppato in rate semestrali posticipate costanti.


Limitatamente alle società di capitali, il finanziamento può assumere anche la forma del prestito partecipativo a tasso zero volto ad anticipare le risorse di un futuro aumento del capitale sociale, da effettuare con la sottoscrizione e il versamento da parte dei soci attuali o futuri, in misura pari alla quota capitale delle rate d’ammortamento del prestito partecipativo medesimo.

Il prestito partecipativo è pari al 100% del valore dell’aumento di capitale sottoscritto e deliberato dall’assemblea dei soci, che deve essere pari al valore del finanziamento concesso.

MASSIMALI D’INVESTIMENTO

  • Il costo totale del progetto di investimento ammesso non può essere inferiore a € 42.000,00.
  • Il valore totale del progetto di investimento ammesso non può essere superiore a € 1.000.000,00.

MAGGIORI INFORMAZIONI

RICHIEDI

 

VI INTERESSANO ALTRE AGEVOLAZIONI FINANZIARIE?

 

Logo Italia Contributi