UMBRIA AGRITURISMO 2019UMBRIA: prorogato il bando creazione e sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali.
FINALITÀ: favorire la crescita delle prestazioni economiche delle imprese agricole e forestali ricadenti nel territorio regionale e lo sviluppo economico delle aree rurali in cui le stesse si trovano ad operare, attraverso la creazione e riqualificazione delle attività agrituristiche, di fattorie didattiche e fattorie sociali quali attività connesse dell’imprenditore agricolo in forme compatibili con la tutela e la valorizzazione del territorio rurale.
BENEFICIARI: imprenditori agricoli singoli o associati che svolgono o intendono svolgere le attività oggetto della presente tipologia di intervento, titolari di imprese agricole.
INTERVENTI AMMESSIcreazione di nuovi agriturismi e la riqualificazione di agriturismi esistenti: è previsto un adeguamento strutturale degli immobili esistenti e l’acquisto di beni mobili per l’esercizio delle attività agrituristiche, nonché l’acquisto di beni immateriali quali brevetti o software per la gestione della domanda/offerta in tempo reale al fine intercettare maggiormente la domanda mondiale sul mercato del web e andare ad aumentare l’indice di utilizzo medio dei posti letto/posti tavola/utenza per i diversi servizi offerti dagli agriturismi.
Creazione e riqualificazione di strutture destinate alle attività di fattoria didattica;
Incentivare le attività di agricoltura sociale esercitate da fattorie socialicon l’obiettivo di creare una rete diffusa di servizi sociali nelle aree rurali meno servite rispetto alle aree urbane. 
CONTRIBUTO: il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale determinato sulla base di una valutazione della congruità e ragionevolezza delle spese previste in domanda di aiuto e ritenute ammissibili, quantificate sulla base di computi metrici preventivi e dei preventivi di spesa redatti e presentati come prescritto.
MASSIMALE CONTRIBUTO: il sostegno massimo concedibile è di € 100.000,00 per ciascun beneficiario, l’aliquota di sostegno è pari al 60% della spesa ammissibile.
Il sostegno è concesso in regime De Minimis.
DOMANDA: scadenza 23 settembre 2019.

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  

UMBRIA: creazione e sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali

 Chiedi un appuntamento a Milano
Chiedi un appuntamento a Torino
Chiedi un appuntamento a Verona
Chiedi un appuntamento a Venezia
Chiedi un appuntamento a Bologna
Chiedi un appuntamento a Perugia 
Chiedi un appuntamento a Firenze
Chiedi un appuntamento a Roma
Chiedi un appuntamento a Napoli

Chiedi un appuntamento in altre città

UMBRIA: creazione e sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE PER L’UMBRIA 2014-2020

  • MISURA 6
  • Sottomisura 6.4:
    Sostegno a investimenti nella creazione e nello sviluppo di attività extra-agricole
  • Intervento 6.4.1:
    Creazione e sviluppo di agriturismi, fattorie didattiche e fattorie sociali

FINALITÀ

Favorire la crescita delle prestazioni economiche delle imprese agricole e forestali ricadenti nel territorio regionale e lo sviluppo economico delle aree rurali in cui le stesse si trovano ad operare, attraverso la creazione e riqualificazione delle attività agrituristiche, di fattorie didattiche e fattorie sociali quali attività connesse dell’imprenditore agricolo in forme compatibili con la tutela e la valorizzazione del territorio rurale.

  • Gli investimenti finanziabili sono finalizzati a creare, ampliare e consolidare le attività agrituristiche, di fattoria didattica e di fattoria sociale quali attività connesse a quella agricola in forme compatibili con la tutela e la valorizzazione del territorio rurale;

La finalità è quella di promuovere nell’ambito dell’impresa agricola la diversificazione di tali attività favorendo la creazione di nuove opportunità di lavoro e di reddito per le imprese agricole e forestali umbre con lo scopo di evitare l’abbandono delle zone di montagna e svantaggiate.

  • L’aiuto pubblico previsto dal presente Bando ha inoltre l’obiettivo di contribuire a realizzare investimenti finalizzati ad intercettare target di mercato sempre più ampi e specializzati attraverso la creazione e lo sviluppo di strutture e infrastrutture altamente qualificate sia sotto il profilo innovativo, di prestazione energetica, che di inserimento paesaggistico per un’offerta di servizi adeguata alle nuove tendenze della domanda turistica, alla domanda sempre crescente di servizi sociali innovativi e alla domanda di accoglienza finalizzata all’educazione ambientale.

Per quanto concerne le attività agrituristiche l’obbiettivo è anche quello di aumentare le presenze turistiche per unità di posto letto considerato che dai dati statistici regionali sul flusso turistico emerge una insufficiente utilizzazione delle strutture agrituristiche umbre rispetto alla potenziale domanda turistica.

INTERVENTI AMMESSI

  • la creazione di nuovi agriturismi e la riqualificazione di agriturismi esistenti.
    E’ previsto un adeguamento strutturale degli immobili esistenti (come previsto dalla normativa urbanistica vigente) e l’acquisto di beni mobili per l’esercizio delle attività agrituristiche, nonché l’acquisto di beni immateriali quali brevetti o software per la gestione della domanda/offerta in tempo reale al fine intercettare maggiormente la domanda mondiale sul mercato del web e andare ad aumentare l’indice di utilizzo medio dei posti letto/posti tavola/utenza per i diversi servizi offerti dagli agriturismi.
  • la creazione e riqualificazione di strutture destinate alle attività di fattoria didattica.
    E’ previsto un adeguamento strutturale degli immobili esistenti e l’acquisto di beni mobili da destinare all’attività di fattoria didattica nonché l’acquisto di beni immateriali quali brevetti o software per la gestione della domanda/offerta in tempo reale al fine intercettare maggiormente la domanda sul mercato del web;
  • incentivare le attività di agricoltura sociale esercitate da fattorie sociali come previste dalla legge l.r. n. 12/2015 con l’obiettivo di creare una rete diffusa di servizi sociali nelle aree rurali meno servite rispetto alle aree urbane. 

AMBITO TERRITORIALE

Sono oggetto di aiuto del presente Bando gli investimenti realizzati da imprenditori agricoli in unità locali ricadenti nel territorio regionale. 

Gli investimenti possono essere realizzati su tutto il territorio regionale con esclusione dei seguenti ambiti territoriali:

  • Centro urbano di Perugia: fogli catastali nn. 214, 215, 233, 234, 251, 253, 267, 268, 401, 402, 403;
  • Centro urbano di Terni: fogli catastali nn. da 106 a 111, da 113 a119, da 122 a 129, da 131 a 139.

Sono previsti fondi aggiuntivi per le domande di aiuto di imprese che prevedano interventi su unità locali situate nelle zone di pertinenza dei progetti ITI Trasimeno (Comuni di Passignano sul Trasimeno, Magione, Castiglione del Lago, Tuoro sul Trasimeno, Città della Pieve, no, Paciano, Panicale, Piegaro) e SNAI Orvietano (Comuni di Città della Pieve, Monteleone di Orvieto, Montegabbione, Parrano, San Venanzo, Ficulle, Fabro, Allerona, Castel Viscardo, Castel Giorgio, Orvieto, Porano, Baschi, Montecchio, Guardea, Alviano, Lugnano in Teverina, Attigliano, Giove e Penna in Teverina).

BENEFICIARI

Imprenditori agricoli singoli o associati che svolgono o intendono svolgere le attività oggetto della presente tipologia di intervento, titolari di imprese agricole aventi i seguenti requisiti:

  • a) imprese agricole iscritte all’Elenco regionale Agriturismo o che abbiano avanzato relativa istanza di iscrizione alla data di pubblicazione del presente Bando;
  • b) imprese agricole iscritte all’elenco regionale Fattorie didattiche o che abbiano avanzato relativa istanza di iscrizione alla data di pubblicazione del presente Bando;
  • c) imprese agricole che esercitano o intendono esercitare attività di fattoria sociale ai sensi della legge regionale n. 12/2015 che abbiano i seguenti requisiti al momento di presentazione della domanda di aiuto:
    • imprese agricole autorizzate o accreditate nel rispetto della normativa vigente in materia di autorizzazione e accreditamento per i servizi socio assistenziali e socio sanitari;
    • imprese agricole che abbiano stipulato accordi di partenariato, per l’esercizio dell’attività sociale oggetto dell’investimento previsto in domanda, con enti pubblici competenti per territorio, cooperative sociali, organizzazioni di volontariato, imprese sociali e associazioni di promozione sociale, autorizzate o accreditate per i servizi socio assistenziali e socio sanitari.
    • I suddetti accordi di partenariato devono avere durata temporale di almeno quinquennale e comunque fino alla copertura del periodo vincolativo.

ESCLUSIONI

Non possono in ogni caso beneficiare degli aiuti previsti dal presente Bando:

  • le imprese che non rientrano nella definizione di microimprese e piccole imprese di cui al paragrafo 8.2
  • le imprese in difficoltà ai sensi degli orientamenti comunitari sugli aiuti di Stato per il salvataggio e la ristrutturazione di imprese in difficoltà ai sensi dell’art. 2, punto 14 del regolamento (UE) n. 702/2014.

DOTAZIONE FINANZIARIA

Le risorse finanziarie destinate all’attuazione degli interventi previsti dal presente Bando, ammontano ad € 3.443.568 a cui si aggiungono € 400.000 come quota riservata per proposte progettuali da realizzate esclusivamente nel territorio dei comuni dell’area interna Sud Est Orvietano rientranti nella SNAI (DGR n. 475 del 8 maggio 2017) e € 400.000 nel territorio dei comuni interessati dall’ITI Trasimeno (D.G.R. 859 del 01/08/2016 e s.m.i.). 

REQUISITI

Possono avanzare domanda di aiuto ai finanziamenti previsti dal presente Bando gli imprenditori agricoli singoli o associati titolari di azienda agricola in qualità di proprietari dei beni immobili oggetto di investimento o titolari di altro diritto reale o personale di godimento di tali beni con esclusione del contratto di comodato.

  • La proprietà o il diritto reale o personale di godimento degli immobili oggetto di investimento deve essere dimostrato tramite contratti o atti regolarmente registrati oltreché validati nell’ambito del Fascicolo aziendale SIAN antecedentemente alla data di presentazione della domanda di aiuto.

L’IMPRENDITORE AGRICOLO RICHIEDENTE DEVE:

  • essere titolare con stesso CUAA di un fascicolo aziendale SIAN, aggiornato con i dati contenuti nella domanda di aiuto e validato presso il Centro di assistenza agricola (CAA) prima la presentazione della stessa domanda di aiuto;
  • essere iscritto ai registri della C.C.I.A.A. nella sezione imprese agricole. In caso di più sedi, nella visura camerale, che deve essere regolarmente aggiornata, deve risultare l’unità operativa oggetto di investimento ricadente nel territorio regionale umbro;
  • essere titolare di un’impresa con caratteristiche dimensionali di microimpresa o piccola impresa come previsto dalla Raccomandazione della Commissione Europea 2003/361/CE del 6 maggio 2003 come di seguito specificato al paragrafo 8.2.;
  • avere quale attività o oggetto sociale l’esercizio dell’attività agricola di cui all’art. 2135 del c.c. (come risultante dal certificato di rilascio di Partita Iva);
  • essere proprietari o titolari di altro diritto reale o personale di godimento (con esclusione del contratto di comodato) dei beni immobili oggetto della domanda di aiuto sulla base di uno dei seguenti titoli: proprietà, comproprietà, affitto, usufrutto, usi civici, concessione o locazione di beni immobili demaniali ed enfiteusi. Per tutti i suddetti titoli di possesso ad eccezione della proprietà i soggetti richiedenti saranno tenuti a produrre autorizzazione firmata dal proprietario alla realizzazione dell’investimento e alla riscossione dell’aiuto pubblico previsto. Il titolo di possesso dovrà essere mantenuto fino a completo adempimento degli impegni assunti con l’adesione alla presente tipologia di intervento.
  • nel caso di attività riconducibili ad agriturismo, essere regolarmente iscritto o aver avanzato relativa istanza di iscrizione all’elenco regionale Agriturismo alla data di pubblicazione del presente Bando ;
  • nel caso di attività riconducibili alle fattorie didattiche, essere regolarmente iscritto o aver avanzato relativa istanza di iscrizione all’Elenco regionale Fattorie didattiche alla data di pubblicazione del presente Bando;
  • nel caso di attività riconducibili alle fattorie sociali come previste dall’art. 153 della lr 12/2015,
  • essere autorizzate o accreditate nel rispetto della normativa vigente in materia di autorizzazione e accreditamento per i servizi socio assistenziali e socio sanitari ovvero avere stipulato accordi di partenariato, per l’esercizio dell’attività sociale oggetto dell’investimento previsto in domanda, con enti pubblici competenti per territorio, cooperative sociali, organizzazioni di volontariato, imprese sociali e associazioni di promozione sociale, autorizzate o accreditate per i servizi socio assistenziali e socio sanitari e regolarmente iscritti ai relativi registri regionale e/o nazionali aventi durata almeno quinquennale e comunque fino alla copertura del periodo vincolativo. Tali requisiti devono essere posseduti al momento di presentazione della domanda di aiuto;
  • essere in regola con gli oneri previdenziali, assistenziali ed assicurativi;
  • essere in regola con le disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e sul riposo giornaliero e settimanale dei lavoratori, come previsto dall’art. 5, comma 1 della l. 3 agosto 2007, n. 123 e non aver riportato provvedimento definitivo o sentenza passata in giudicato per le suddette violazioni;
  • non aver subito, negli ultimi 5 anni, sentenza di condanna passata in giudicato o decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità europea che incidono sulla moralità professionale o per delitti finanziari.
  • non trovarsi in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo e in qualsiasi altra situazione equivalente secondo la legislazione vigente;
  • non aver ottenuto altre agevolazioni pubbliche per le opere o acquisti oggetto della domanda di aiuto (è sufficiente aver ricevuto l’atto di concessione del contributo ancorché non liquidato);
  • non aver ricevuto nell’anno in corso e nei due anni finanziari precedenti atti di concessione di contributi soggetti al regime “de minimis” oltre i limiti previsti dal Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione, relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea agli aiuti «de minimis». A tal fine il beneficiario deve dichiarare l’ammontare e le date di concessione ed erogazione di eventuali altri contributi ovvero che non ha beneficiato di altri contributi nel periodo di riferimento.

SPESE AMMISSIBILI

Le spese relative agli investimenti oggetto della domanda di aiuto devono essere sostenute e liquidate con relativi attestati di pagamento a far data di presentazione della domanda di aiuto, pena la non ammissibilità di tali spese, fino alla data di scadenza per l’ultimazione dei lavori e presentazione della domanda di saldo.

  • Sono ammissibili se sostenute prima della presentazione della domanda di aiuto solamente le spese sostenute dalla Ditta relative alla progettazione e alle operazioni propedeutiche alla presentazione della domanda di aiuto (predisposizione progetti, domande, redazione documenti relativi alla cantierabilità, piani di fattibilità, certificazioni, etc.).

Non sono riconosciute ammissibili a contributo le spese sostenute in data successiva alla data di presentazione della domanda di pagamento di saldo.

SONO AMMISSIBILI AL CONTRIBUTO LE SEGUENTI SPESE:

  • Spese per interventi di ristrutturazione e miglioramento dei fabbricati aziendali

In questa categoria rientrano le spese relative agli investimenti finalizzati alla ristrutturazione e al miglioramento di beni immobili e all’adeguamento di strutture presenti in azienda.

Gli interventi possono riguardare l’ampliamento della capacità ricettiva, la riqualificazione dei fabbricati esistenti, il miglioramento delle condizioni d’inserimento nel contesto paesaggistico, l’abbattimento delle barriere architettoniche, etc.

Sono ammissibili a titolo esemplificativo le spese relative a:

▪   Miglioramento/ristrutturazione delle strutture per l’ospitalità, per la ricettività dell’azienda e per lo svolgimento delle attività agrituristiche, didattiche e sociali;

▪   Miglioramento delle condizioni di sicurezza e delle condizioni di agibilità e accessibilità aziendale e abbattimento delle barriere architettoniche;

▪   Interventi di restauro e di risanamento conservativo dei fabbricati e interventi di ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica nonché di ampliamento dei fabbricati esistenti ai sensi di quanto previsto ai commi 1,6 e 8 dell’art. 91 della l.r. 1/2015 e s.m.i.;

▪   Interventi di rinnovamento e sostituzione delle finiture degli edifici ai fini del risparmio energetico comprovato da relative attestazioni;

▪   Interventi per impiantistica elettrica, idraulica, idrotermosanitaria e altra impiantistica, purché venga modificata sostanzialmente la tecnologia utilizzata o la natura del servizio anche finalizzata al risparmio idrico ed energetico debitamente comprovata da relative attestazioni;

▪   Miglioramento dell’efficienza degli impianti di riscaldamento/raffreddamento;

▪   Realizzazione o miglioramento dell’isolamento termico degli edifici;

Se gli investimenti sono effettuati allo scopo di ottemperare ai requisiti obbligatori per legge, il sostegno può essere concesso solo per quegli investimenti che siano finalizzati al rispetto di requisiti di nuova introduzione per i quali non siano ancora scaduti i termini per l’adeguamento.

  • Spese per ristrutturazione e miglioramento delle aree pertinenziali ai fabbricati aziendali

In questa categoria rientrano le spese relative agli interventi volti al miglioramento e incremento dei servizi offerti negli spazi aperti come di seguito elencati a titolo esemplificativo:

▪   Realizzazione e/o sistemazione di aree verdi attrezzate per lo svolgimento in azienda di attività ricreative all’aria aperta (allestimento di aree esterne a fini ricreativi su scala limitata, del tipo attrezzature per spazi giochi e/o intrattenimenti per adulti e bambini, maneggi, campi da bocce, piscine, punti di osservazione della fauna selvatica, etc.);

▪   Realizzazione dei percorsi didattici e l’allestimento di aree esterne, la realizzazione di impianti, tecnologie e/o opere accessorie funzionali all’investimento necessari per lo svolgimento dell’attività di fattoria didattica e fattoria sociale;

▪   Realizzazione di investimenti per attività sociali come ad esempio centri di ippoterapia, di riabilitazione e convalescenza, intrattenimento per l’infanzia e la terza età, etc.;

▪   Realizzazione di eventuali volumi tecnici, strettamente necessari alle attività in oggetto, volti a contenere gli impianti tecnologici (idrico, termico, di ventilazione, ecc.) che non possono, per esigenze tecniche di funzionalità o di sicurezza, trovare luogo entro il corpo dell’edificio.

▪   Interventi volti a favorire il risparmio energetico e idrico nell’ambito dell’attività agrituristica, didattica e sociale (installazione di pannelli solari o fotovoltaici in aree esterne anche posizionate su tettoie destinate a parcheggio etc.);

▪   Opere per la realizzazione di recinzioni, sentieri, strade private, parapetti, corrimano, tenuta di terrapieni, scalette, gradinate, regimazione idraulica, illuminazione esterna, etc. ad esclusivo uso dell’attività agrituristica, didattica e sociale;

▪   Realizzazione e/o sistemazione di aree attrezzate per la sosta dei campeggiatori nei limiti previsti dall’art. 141 della l.r. 12/2015 e regolamento regionale n. 1/2019;

▪   Realizzazione di elementi non in muratura, finalizzate alle attività in oggetto quali divisori, tettoie, etc. nei limiti previsti dalle leggi urbanistiche ed edilizie e realizzate nel rispetto del contesto paesaggistico nel quale vengono realizzate (coperture vegetali, tettoie in legno, pergolati, etc);

▪   Interventi relativi all’impiantistica esterna (irrigazione, illuminazione delle aree esterne, etc.) e alla cartellonistica.

  • Spese per acquisto di beni mobili quali nuovi macchinari, attrezzature e mobilio da destinare allo svolgimento delle attività agrituristiche, didattiche e sociali

Gli interventi possono consistere nell’ acquisto di arredi, attrezzatura per la ristorazione, materiale per l’attività di agriturismo, fattoria didattica e sociale ad esclusione di beni di consumo e di quelli non inventariabili (materiali tessili, stoviglie).

Sono ammissibili a titolo esemplificativo le spese per l’acquisto di:

▪   Mobili, arredi, cucine, piccoli laboratori, ecc.;

▪   attrezzature idonee per la trasformazione degli alimenti, per la preparazione e conservazione dei cibi nell’ambito della somministrazione dei pasti e degustazione nell’ambito delle attività agrituristiche, didattiche e sociali;

▪   altre attrezzature apparecchiature varie per lo svolgimento di attività agrituristiche, didattiche e sociali

L’acquisto di beni mobili può avvenire attraverso locazione finanziaria con contratti di leasing a condizione che il contratto sia stipulato in data successiva a quella di presentazione della domanda di sostegno e preveda il patto di riacquisto. È ammissibile la spesa sostenuta dal beneficiario, comprovata da fatture o da documenti equipollenti, sino alla domanda di saldo. Sono esclusi i costi connessi al contratto (garanzie del concedente, costi di rifinanziamento, interessi, spese generali e oneri assicurativi).

  • Spese per acquisto di hardware e/o software e realizzazione siti internet e applicazioni volti alla promo commercializzazione delle attività e acquisizione di brevetti, licenze e diritti d'autore

Sono ammissibili a titolo esemplificativo:

- acquisizione di personal computer ed attrezzature informatiche accessorie comprese le licenze di programmi software finalizzati alla gestione della ospitalità agrituristica, di fattoria didattica e di fattoria sociale e all’avviamento di sistemi di vendita on-line dei prodotti e servizi offerti;

- realizzazione di siti internet e/o sviluppo di applicazioni (app) per la promo commercializzazione delle attività oggetto dell’investimento;

- tecnologie per le connessioni alle reti Web;

- acquisizione di brevetti, licenze e diritti d'autore.

Anche l’acquisto di beni appartenenti a tale categoria può avvenire attraverso locazione finanziaria con contratti di leasing alle condizioni riportate nel precedente paragrafo.

  • SPESE GENERALI

- ai sensi dell’art.45 paragrafo 2 del Reg. (UE) n. 1305/2013 - le spese devono essere basate su costi effettivi relativi all’esecuzione dell’operazione cofinanziata con il FEASR.

La definizione della spesa deve avvenire, al fine di garantire la ragionevolezza dei costi, in base alle procedure di affidamento servizi previsti dal D. Lgs. 18 aprile 2016 n. 50.

Le spese generali vengono calcolate sia in fase preventiva che consuntiva in percentuale non superiore a:

− 12% dell’importo relativo agli investimenti di tipo immobiliare;

− 5% dell’importo relativo agli investimenti di tipo mobiliare e beni mobili fissi per destinazione nonché per le spese relative all’acquisto di beni immateriali di cui ai paragrafi 10.3 e 10.4.

Tali spese dovranno essere strettamente correlate e facenti parte delle operazioni ammesse e previste nella domanda di sostegno e le relative fatture devono menzionare l’operazione di riferimento.

Rientrano nella categoria delle spese generali le seguenti tipologie di spesa:

▪   onorari di professionisti abilitati per consulenze (compresa la consulenza per la presentazione della domanda di aiuto per il presente Bando), studi di fattibilità, etc;

▪   spese per l’acquisizione di certificazioni relative alle attività in oggetto con particolare riferimento alle certificazioni ambientali e di ospitalità oggetto del presente Bando.

Relativamente alle spese per la certificazione, l’investimento si intende concluso quando viene rilasciata la certificazione dal relativo ente certificatore regolarmente accreditato. Il sostegno non è concesso per i costi di mantenimento della certificazione.

  • Contributi in natura sotto forma di forniture di opere, beni e servizi (spese in economia)

Le spese in economia sono ammissibili al sostegno previsto dal presente Bando limitatamente ad un importo di € 20.000,00 (al netto dei materiali fatturati) se rispettano le condizioni previste dall’articolo 69 del Regolamento UE n. 1303/2013 nonché le seguenti condizioni:

            -        le spese sono calcolate con riferimento ai prezzi previsti nel prezzario regionale per la valutazione di investimenti di carattere agricolo in vigore alla data di presentazione della domanda di sostegno (al netto del 26,50% per utile d’impresa) ovvero, qualora non previsti nel prezzario, siano computati sulla scorta di un’analisi prezzi (senza scorporo del 26,50% per utile di impresa);

            -        consistono in lavori riconducibili al normale esercizio dell’attività agricola compresi gli scavi per la realizzazione di impianti di irrigazione e miglioramenti fondiari. Sono esclusi i lavori edili, compresa qualsiasi operazione di movimento terra per realizzare edifici e relativi impianti tecnologici, invasi artificiali e interventi inerenti la viabilità.

Possono essere prese in considerazione solo le spese relative a prestazioni di opera da parte della famiglia coltivatrice o dipendenti dell’impresa agricola, purché risultanti iscritti al relativo regime previdenziale agricolo. Inoltre l’impresa deve dimostrare il possesso dei mezzi tecnici utilizzati per la prestazione in natura, anche mediante noleggio degli stessi, da comprovarsi con idonea fattura e le fatture per l’acquisto di materiale necessario all’operazione.

A norma dell’art. 69 lettera a), del Regolamento UE n. 1303/2013, il sostegno pubblico totale a favore dell’operazione che comprende contributi in natura non supera il totale delle spese ammissibili, escluso l’importo delle prestazioni in natura al termine dell’operazione. Nello specifico se:

A = sostegno pubblico totale

B = totale spese ammissibili ad operazione ultimata

C = Importo delle prestazioni in natura

A deve risultare inferiore o uguale alla differenza tra B e C (A ≤ (B – C)).

Nel caso in cui il sostegno pubblico totale superi la differenza tra l’Importo totale degli investimenti ammessi e l’importo delle prestazioni in natura effettuate dall’impresa richiedente, lo stesso è ridotto fino al valore risultante dalla suddetta equazione.

SPESE ESCLUSE

Non sono ammissibili al contributo del FEASR le spese quietanzate con conto corrente intestato ad un soggetto diverso dalla Ditta beneficiaria dell’aiuto.

Inoltre non sono ammissibili a contributo le seguenti categorie di spese quali:

  • Spese per acquisto di terreni e fabbricati
    • Pagamenti che sono stati regolati con modalità diverse da quelle previste 
    • Pagamenti che sono stati regolati anche parzialmente mediante ritiro da parte del venditore dell’usato
    • Pagamenti di fatture di Importo imponibile complessivo inferiore ai 50,00 euro
    • Spese per IVA, imposte, tasse e oneri
    • Spese per interventi su fabbricati o porzioni di fabbricati ed accessori (garage, depositi ad uso domestico ecc.) destinati ad uso privato
    • Interventi relativi ad opere di manutenzione ordinaria
    • Spese per lavori in economia eccedenti l’importo di € 20.000
    • Spese per interventi su strade aziendali per uso esclusivamente agricolo
    • Spese per acquisto di materiali di consumo (piccoli attrezzi, guanti da lavoro pennelli, chiodi, ecc)
    • Spese per l’acquisto di animali e piante annuali e la loro messa a dimora
    • Spese relative a teleria da cucina, biancheria in genere, tendaggi
    • Spese per posate e stoviglie, soprammobili, quadri e simili
    • Spese per investimenti i cui pagamenti sono antecedenti alla presentazione della domanda salvo quanto previsto al paragrafo 10 relative alla progettazione e alle operazioni propedeutiche all’investimento
    • Spese per interventi su fabbricati e terreni fuori regione
    • Spese finanziate da altre misure del PSR (es. misure per investimenti agricoli)
    • Pagamento di abbonamenti, affiliazioni o costi per partecipazioni a reti di vendita o acquisto servizi
    • Spese per interessi passivi, bancari e legali
    • Spese per la stipula delle polizze fidejussorie e polizze assicurative
    • Quote annuali per la partecipazione a sistemi di certificazioni (fatta eccezione la quota di prima adesione);
    • Acquisto di attrezzature di seconda mano nonché quanto previsto e alle condizioni sancite all’art. 13 del reg. delegato (UE) n. 807/2014 della Commissione;
    • gli onorari professionali per i quali non sia documentato, se dovuto, il versamento della ritenuta d’acconto (F24).

CONTRIBUTO

Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale determinato sulla base di una valutazione della congruità e ragionevolezza delle spese previste in domanda di aiuto e ritenute ammissibili, quantificate sulla base di computi metrici preventivi e dei preventivi di spesa redatti e presentati come meglio specificato al paragrafo 10.6.

Il sostegno concesso verrà erogato sulla base delle spese effettivamente sostenute e documentate dal beneficiario per la realizzazione degli investimenti ammessi in domanda di aiuto e ritenute ammissibili e verrà erogato a seguito dell’istruttoria delle domande di pagamento.

Il sostegno massimo concedibile è di € 100.000,00 per ciascun beneficiario, l’aliquota di sostegno è pari al 60% della spesa ammissibile.

Il sostegno è concesso in regime De Minimis (Regolamento UE n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013).

 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO

CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 

 

 

SLIDER FINANZIAMENTI AGEVOLATI 800

 

 

ITALIA CONTRIBUTI SLIDER PRE FATTIBILITA GRATUITA 800

 

 

SABATINI PER ACQUISTO ATTREZZATURE 800

 

 

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO SLIDER 2019 800

 

 

SMART START BANNER 800X115

 

 

SLIDER CULTURA CREA 2019 800

 

 

RESTO AL SUD INVITALIA MISE SLIDER 800

 

 

SLIDER FINANZAIMENTO DI STRUTTURE PERMANENTI IN PAESI EXREA UE 800

 

 

CONTRATTI DI SVILUPPO IMPRESE AGROINDUSTRIALI BANNER 800 

 .

 .

INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 800

 .

 . 

LIQUIDITà 800

 

 

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 800

 

 

 

 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

 

 

 

ITALIA CONTRIBUTI HEADER960.LOGO.500

 VI INTERESSANO AGEVOLAZIONI FINANZIARIE DI UN'ALTRA REGIONE?

VISITA I NOSTRI SITI REGIONALI:

LombardiaContributi.it

PiemonteContributi.it

VenetoContributi.it

ValledAostaContributi.it

LiguriaContributi.it

TrentinoAltoAdigeContributi.it

FriuliVeneziaGiuliaContributi.it

EmiliaRomagnaContributi.it

ToscanaContributi.it

UmbriaContributi.it

MarcheContributi.it

LazioContributi.it

AbruzzoContributi.it

MoliseContributi.it

CampaniaContributi.it

PugliaContributi.it

BasilicataContributi.it

CalabriaContributi.it

SiciliaContributi.it

SardegnaContributi.it


 
Logo Italia Contributi
® ITALIA CONTRIBUTI E' UN MARCHIO REGISTRATO E PROTETTO
Tutti i diritti sono riservati
Vietato riprodurre, copiare o ripubblicare articoli e contenuti senza autorizzazione
 
 
 
 
 
 
 
 
 

CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

 

FINANZIAMENTI DA FONDI PRIVATI DI INVESTIMENTO

FINANZIAMENTI PRIVATI

 

NUOVI FINANZIAMENTI AGEVOLATI

nuovi finanziamenti agevolati 2019

 

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE FNI

FONDO NAZIONALE INNOVAZIONE FNI

Pre-Fattibilità Gratuita

ITALIA CONTRIBUTI PRE FATTIBILTA GRATUITA 300

NUOVA SABATINI

NUOVA SABATINI 2019 2020

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO 2019

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

START UP INNOVATIVE

SMART START 2019

CHIEDI APPUNTAMENTO

chiedi appuntamento 2 Giallo

STRUTTURE PERMANENTI IN PASI EXTRA UE

UFFICI NEGOZI SHOW ROOM permanenti in paesi extra ue

CERCA

PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI

PARTECIPAZIONE A FIERE INTERNAZIONALI.300

 

IMPRESE SOCIALI

MISE IMPRESE SOCIALI 250

 

ESPANSIONE ALL'ESTERO

mise.internazionalizzazione 2

CONTRATTO DI SVILUPPO TURISTICO

CONTRATTI DI SVILUPPO TURISTICO

CULTURA CREA 2019 LINEA 1

CULTURA CREA nuove imprese dellindustria culturale 2019

CULTURA CREA 2019 LINEA 2

CULTURA CREA SOCIETA IMPRESE GIA COSTITUITE ALMENO DA 3 ANNI DELLINDUSTRIA CULTURALE E TURISTICA 2019 2

CULTURA CREA LINEA 3

CULTURA CREA ONLUS ONG. COOPERATIVE SOCIALI E VOLONTARIATO OPERATIVI NEL SETTORE DELLINDUSTRIA CULTURALE 2019

CONTRATTO DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018

CONTRATTO DI SVILUPPO INDUSTRIALE

CONTRATTI DI SVILUPPO INDUSTRIALE

RICERCA E SVILUPPO

RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

IMPRESE AGROINDUSTRIALI

CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE 250

INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE

INTERNAZIONALIZZAZIONE SPESE PROMOZIONALI INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE 250

Patrimonializzazione delle Pmi Esportatrici

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PATRIMONIALIZZAZIONE.PMI 250

MARCHI+3

MARCHI3 2018 MISE

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

PULSANTE FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

CULTURA CREA 2019

CULTURA CREA 2019

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

AGEVOLAZIONI PER L'EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 250

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

INVITALIA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO 2017

START UP INNOVATIVE

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

PRESTITO SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

Iscriviti alla Newsletter

IMPRESE E COOPERATIVE SOCIALI

MISE ECONOMIA SOCIALE

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

Banca nazionale delle Terre Agricole

ismea banca nazionale delle terre agricole

ACCORDI PER L'INNOVAZIONE

RICERCA.SVILUPPO ACCORDI PER LINNOVAZIONE.250

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO PULSANTE QUADRATO

PROGRAMMI EUROPEI A GESTIONE DIRETTA

programmi europei a gestione diretta

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA LOTTO 3 PROROGA

LOMBARDIA ARTIGIANATO

Lombardia.Artigianato.Investimenti 200

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CREDITO DI IMPOSTA 50%

CREDITO DI IMPOSTA 50

SMART & START ITALIA 2017

SMART.E.START.250

IPER E SUPER AMMORTAMENTO

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

BEI LIFE4ENERGY

LIFE4ENERGY.JPG FINANZIAMENTI EFFICIENZA ENERGETICA IMPRES

CONTRATTI DI SVILUPPO PER LA TUTELA AMBIENTALE

MISE TUTELA AMBIENTALE ENERGIA E GAS

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

PIEMONTE RISPARMIO ENERGETICO ENTI LOCALI PIEMONTESI

PIEMONTE RIDUZIONE CONSUMI ENEGETICI

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER DONNE E GIOVANI

INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO

Beni Sequestrati alla Criminalità

MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

AGEVOLAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE E EXPORT

mise.internazionalizzazione

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI


HORIZON 2020 - PON IMPRESE & COMPETITIVITA'

PON 2014 2020 RICERCA SVILUPPO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

MICROCREDITO E FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

BENI CULTURALI: IMPRESE CREATIVE

PON.FESR.CULTURA

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

No Profit, Sociale e Volontariato

NOPROFIT.SOCIALE.VOLONTARIATO

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FINALITA

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI

SETTORI

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Agevolazioni inserimento sui mercati esteri

INTERNAZIONALIZZAZIONE.CREDITI.ESPORTAZIONE

CERCA

Partecipazione a Fiere

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PRIMA PARTECIPAZIONE.FIERE.E.MOSTRE

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI