Tutte le agevolazioni finanziarie per le imprese in Calabria

- CLICCA SUL TITOLO DI CIASCUN ARTICOLO PER LEGGERE TUTTO.


- REGISTRATI GRATUITAMENTE CLICCANDO QUI


- PER RICHIEDERE INFORMAZIONI CLICCA QUI

  • CONTRATTO DI SVILUPPO DELLE IMPRESE INDUSTRIALI: ampliate le modalità di intervento per contributi e finanziamenti nel settore industriale per progetti industriali di grandi dimensioni. Domande a sportello.

    CONTRATTI DI SVILUPPO INDUSTRIALECONTRATTO DI SVILUPPO INDUSTRIALE: intervento per i contributi e finanziamenti nel settore industriale per i progetti industriali di grandi dimensioni.
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 20 milioni di €;
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: 1,5 milioni di €;
    INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: 10 milioni di €;
    BENEFICIARI: tutte le imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato anche da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    AGEVOLAZIONI: CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI: le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: 
    - FINANZIAMENTO AGEVOLATO: nei limiti del 75% delle spese ammissibili; 
    - CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI: (vedi tabella sottostante);
    - CONTRIBUTO IN CONTO IMPIANTI:(vedi tabella sottostante);
    - CONTRIBUTO DIRETTO ALLA SPESA:(vedi tabella sottostante);
    - PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI RISCHIO: con decreto del mise sono state inoltre ampliate le modalità di intervento in favore delle imprese, prevedendo la possibilità per Invitalia, di integrare le agevolazioni in forma di contributo o di finanziamento intervenendo per integrare il capitale di rischio del soggetto proponente.
    DOMANDE: misura aperta. Domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CALABRIA: avviso DI concessione incentivi per lo sviluppo dell’artigianato calabrese.

    CALABRIA FONDO ARTIGIANATOCALABRIA FONDO ARTIGIANATO: agevolazioni per la concessione di incentivi a sostegno e per lo sviluppo dell’artigianato calabrese.
    FINALITÀ: la misura di aiuto è finalizzata alla concessione contributi in conto interessi ed in conto capitale in favore delle imprese artigiane della Regione Calabria.
    CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: concessione di un contributo in conto capitale del 20%;
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: concessione di un contributo in conto interessi per tutta la durata del finanziamento concesso da Istituti Bancari;
    RIMBORSO GARANZIA CONFIDI: parziale rimborso del costo della garanzia rilasciata dai Confidi;
    BENEFICIARI: le imprese artigiane aventi sede in Calabria costituite anche in forma di cooperativa o consortile, che abbiano stipulato con gli Istituti di Credito contratti di finanziamento per la realizzazione di investimenti materiali e immateriali.
    MASSIMALE DELLE AGEVOLAZIONI: 
    -Per gli investimenti l’importo massimo del finanziamento ammissibile, non potrà essere superiore ad euro 70.000,00;
    -Per il reintegro del capitale circolante l’importo massimo del finanziamento ammissibile non potrà essere superiore ad euro 35.000,00;
    - Per la quota del finanziamento ammessa al contributo in conto interessi il contributo stesso è determinato nella misura massima del 4%;
    Per il contributo a fondo perduto in conto capitale, il limite è del 20%, per le sole spese sostenute per l’acquisto di macchinari ed attrezzature, hardware, software e spese per la realizzazione di siti web.
    DOMANDE: a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RIAPRE "MARCHI +3": IL CONTRIBUTO PER LE PMI PER LO SVILUPPO E L'ESTENSIONE DEL PROPRIO MARCHIO NAZIONALE. Domande dal 11 dicembre 2018.

    MARCHI3 2018 MISE

    "MARCHI +3": dal 11 dicembre 2018 riprende il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico in favore delle piccole e medie imprese per la registrazione del proprio marchio nazionale a livello comunitario ed internazionale.
    FINALITA':supportare le imprese, in particolare le PMI, per la valorizzazione dei titoli della proprietà industriale. In particolare si intende supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero.
    BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese con sede legale e operativa in Italia. iscritte nel registro delle imprese, attive e in regolacon il pagamento del diritto annuale, che siano titolari del marchio oggetto della domanda di agevolazioni.
    REQUISITI: aver ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI (Romarin) per la Misura B e di aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito.
    MISURE AGEVOLATIVE: MISURA A - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici; MISURA B - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.
    CONTRIBUTO: L’agevolazione è concessa fino all’80% (90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio.
    CONTRIBUTO MASSIMO: MISURA A - L’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a € 6.000,00 per domanda relativa ad un marchio depositato presso l’EUIPO.
    CONTRIBUTO MASSIMO: MISURA B - Per le domande di registrazione internazionale depositate dal 1o giugno 2016 l’importo massimo dell’agevolazione è pari a: - € 6.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi un solo Paese; - € 7.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi due o più Paesi.
    DOMANDE: le domande potranno essere presentate a partire dal 7 marzo 2018.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • PROGRAMMI DI INSERIMENTO SUI MERCATI EXTRA UE: finanziamento agevolato fino a 2.500.000 di € per l'apertura delle prime strutture commerciali nei mercati extra UE.

    INTERNAZIONALIZZAZIONE SPESE PROMOZIONALI INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE 250PROGRAMMI DI INSERIMENTO SUI MERCATI EXTRA UE: finanziamento a tasso zero per l'apertura delle prime strutture commerciali nei mercati extra UE.
    FINALITA': concessione di un finanziamento delle spese per la realizzazione di un ufficio, show room, negozio o corner in un Paese extra UE e relative attività promozionali.
    BENEFICIARI: tutte le imprese operanti in tutti i settori, in forma singola o associata.
    IMPORTO MASSIMO: L'importo massimo finanziabile può raggiungere il 100% del totale preventivato e non può superare il 25% del fatturato medio dell'ultimo triennio, fino a 2,5 milioni di euro.
    DURATA DEL FINANZIAMENTO: 6 anni, di cui 2 di preammortamento.
    PAESI AMMESSI AI FINANZIAMENTI: tutti i Paesi extra UE.
    PROGRAMMA DI SPESA AMMESSO: ciascuna domanda di finanziamento deve riguardare un programma che deve essere realizzato in un solo Paese di destinazione e massimo due Paesi di proiezione situati nella stessa area geografica, dove sostenere esclusivamente spese promozionali. Fermi restando i suddetti limiti, l’impresa può presentare più domande di finanziamento.
    PRODOTTI AMMESSI AL FINANZIAMENTO: Beni e/o servizi prodotti in Italia; beni e/o servizi non prodotti in Italia ma comunque distribuiti con il marchio di imprese italiane.
    DOMANDE :Misura aperta - Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • SVILUPPO DELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI: contributo a fondo perduto del 50% per investimenti minimi di 3 milioni.

    CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE 250

    CONTRATTO DI SVILUPPO DELLE IMPRESE AGROINDUSTRIALI
    Si tratta del principale strumento agevolativo dedicato al sostegno di investimenti produttivi strategici ed innovativi di grandi dimensioni.
    IL CONTRATO DI SVILUPPO: è composto da uno o più progetti di investimento e da eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, connessi e funzionali tra loro.
    FINALITA': realizzazione di programmi di sviluppo riguardanti l’attività di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni.
    INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: settore trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per il settore agroalimentare.
    BENEFICIARI: tutte le imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI:
    le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: 
    -finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; 
    - contributo in conto interessi; 
    - contributo in conto impianti; 
    -contributo diretto alla spesa;
    PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI RISCHIO: con decreto del mise sono state inoltre ampliate le modalità di intervento in favore delle imprese, prevedendo la possibilità per Invitalia, di integrare le agevolazioni in forma di contributo o di finanziamento intervenendo per integrare il capitale di rischio del soggetto proponente.
    DOMANDE: Misura operativa. Domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CONTRATTO DI SVILUPPO DELLE IMPRESE TURISTICHE: contributi per progetti di investimento di rilevanti dimensioni. Domande a sportello.

    CONTRATTI DI SVILUPPO TURISTICOCONTRATTO DI SVILUPPO DELLE IMPRESE TURISTICHE: ampliate le modalità di intervento per i contributi e finanziamenti agevolati ai progetti di investimento di rilevanti dimensioni nel settore turistico.
    Il Contratto di sviluppo è il principale strumento agevolativo dedicato al sostegno di investimenti produttivi strategici ed innovativi di grandi dimensioni.
    IL PROGRAMMA DI SVILUPPO di tipo turistico è composto da uno o più progetti di investimento e da eventuali progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, connessi e funzionali tra loro e può prevedere anche la realizzazione di infrastrutture di pubblico interesse.
    FINALITA':Il contratto di sviluppo di attività turistiche può comprendere, per un importo non superiore al 20% degli investimenti da realizzare, anche programmi destinati allo sviluppo delle attività commerciali.
    CONTRATTO DI RETE: i programmi di sviluppo possono essere realizzati da una o più imprese, italiane o estere, anche mediante il ricorso al contratto di rete.
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    - INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: 1,5 milioni; 
    - INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: 5 milioni;
    - INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 20 milioni.
    BENEFICIARI: tutte le imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI: le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: 
    - finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; 
    - contributo in conto interessi; 
    - contributo in conto impianti; 
    -contributo diretto alla spesa;
    EVENTUALE PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI RISCHIO: con decreto del mise sono state inoltre ampliate le modalità di intervento in favore delle imprese, prevedendo la possibilità per Invitalia, di integrare le agevolazioni in forma di contributo o di finanziamento intervenendo per integrare il capitale di rischio del soggetto proponente.
    DOMANDE: Misura operativa. Domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE, BONUS MOBILI E ELETTRODOMESTICI: pubblicata la nuova guida dell'Agenzia delle Entrate del 23 novembre 2018 con la proroga al 31 dicembre 2019.

    RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE 2019RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE, BONUS MOBILI E ELETTRODOMESTICI: pubblicata la nuova guida dell'Agenzia delle Entrate del 23 novembre 2018 con la proroga al 31 dicembre 2019.
    AGENZIA DELLE ENTRATE NUOVA GUIDA, novità: proroga al 31 dicembre 2019 della maggiore detrazione irpef, aggiornamenti dei beneficiari al diritto alle detrazioni, introduzione della comunicazione obbligatoria all'Enea dei lavori effettuati.
    RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: la Legge di Bilancio approvata dal Consiglio dei ministri prevede la proroga delle agevolazioni al 31 dicembre 2019. Le agevolazioni consistono in una detrazione del 50% della spesa, che il contribuente otterrà in dieci quote annuali, cioè con una rata ogni anno per dieci anni.
    BONUS MOBILI: a Legge di Bilancio proroga anche il bonus mobili, cioè la detrazione utilizzabile in caso di lavori di ristrutturazione edilizia per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici di classe energetica elevata. Si tratta di una agevolazione, che sarà operativa pertanto per tutto il 2019. La finalità è di permettere l’arredo degli immobili sottoposti alla ristrutturazione.
    VERDE PRIVATO: si tratta di una ulteriore proroga al 31 dicembre 2019 concessa sempre dalla legge di bilancio che riguarda alcuni interventi sul verde privato. L'agevolazione consiste in una detrazione del 36% per interventi di cura, ristrutturazione e irrigazione del verde privato, per esempio nel caso di un giardino privato.
    INTERVENTI ANTISISMICI: per il periodo compreso tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021 è stata introdotta una detrazione di imposta dal 50% al 85%, fruibile in cinque rate annuali di pari importo, per le spese sostenute per l’adozione di misure antisismiche su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1, 2 e 3), vedi tabella nel prosieguo dell'articolo.
    La detrazione va calcolata su un importo complessivo di 96.000 euro per unità immobiliare per ciascun anno. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RICERCA & SVILUPPO, Fabbrica intelligente e Agrifood: al via le agevolazioni per progetti di Ricerca & Sviluppo per i progetti da 800.000 € a 5 milioni. Domande dal 22 gennaio 2019

    RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

    PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE. Con decreto direttoriale 20 novembre 2018 sono stati stabiliti i termini e le modalità per la presentazione delle domande di agevolazione.
    Dal 22 gennaio 2019 le imprese potranno presentare, anche in forma congiunta, i progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale d’importo non inferiore a 800 mila e non superiore ai 5 milioni di euro.
    FABBRICA INTELLIGENTE, AGRIFOOD: si tratta della misura nazionale per promuovere l'innovazione e accrescere la competitività delle imprese italiane. 
    AGEVOLAZIONI: la misura prevede l'agevolazione per progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale (R&S).
    RISORSE: sono disponibili oltre 560 milioni di euro. 
    TERRITORIALITA' :la destinazione territoriale delle risorse prevede 287,6 milioni per le regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), 100 milioni per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 175,1 milioni alle restanti regioni.PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO: per i progetti più piccoli, con costi ammissibili fino a 5 milioni di euro, sarà applicata la procedura valutativa a sportello.
    BENEFICIARI: imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria (attività di cui all’art. 2195 del c.c., nn. 1, 3 e 5), e i centri di ricerca.  Per i soli progetti congiunti (fino a tre, per la procedura a sportello e fino a cinque per quella negoziale), anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo “Agrifood”, anche le imprese agricole che esercitano le attività di cui all’art. 2135 c.c.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concedibili nella forma del contributo alla spesa e del finanziamento agevolato, vedi tabella nel prosieguo dell'articolo.
    DOMANDE: dal 22 gennaio 2019

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CAMPANIA, PUGLIA, CALABRIA, BASILICATA E SICILIA, APRE IL BANDO MACCHINARI INNOVATIVI: contributo a fondo perduto del 35% e finanziamento agevolato del 40% per investimenti innovativi da € 500.000 fino a 3 milioni.

    FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150MACCHINARI INNOVATIVI SUD 2019CAMPANIA, PUGLIA, CALABRIA, BASILICATA E  SICILIA, APRE IL BANDO MACCHINARI INNOVATIVI: si tratta della nuova è l’agevolazione messa a disposizione dal Ministero dello sviluppo economico con l’obiettivo di sostenere la realizzazione, nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), di programmi di investimento diretti a consentire la transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta “Fabbrica intelligente”.
    FINALITA':  s
    ostenere gli investimenti innovativi che consentono l’interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo, innalzando il livello di efficienza e di flessibilità nello svolgimento dell’attività economica, favorendo l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi
    informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.
    BENEFICIARI: le micro, piccole e medie imprese (PMI) e i professionisti.
    SETTORI AMMESSI: tutti i settori manifatturieri di cui alla sezione C della classificazione delle attività economiche ATECO 2007.
    CONTRIBUTO: Le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %.
    IL FINANZIAMENTO AGEVOLATO: non è assistito da particolari forme di garanzia e deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.
    AGEVOLAZIONI: il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:
    - Per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35 % e un finanziamento agevolato pari al 40 %;
    - Per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25 % e un finanziamento agevolato pari al 50 %.
    Domande a  partire dal 9 gennaio 2019

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RICERCA & SVILUPPO: Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita: al via le agevolazioni per progetti di Ricerca & Sviluppo. Domande dal 27 novembre 2018.

    RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

    LIQUIDITà 150PROGETTI DI RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE
    FABBRICA INTELLIGENTE, AGRIFOOD E SCIENZE DELLA VITA: si tratta della misura nazionale per promuovere l'innovazione e accrescere la competitività delle imprese italiane. 
    AGEVOLAZIONI: la misura prevede l'agevolazione per progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale (R&S).
    RISORSE: sono disponibili oltre 560 milioni di euro. 
    TERRITORIALITA' :la destinazione territoriale delle risorse prevede 287,6 milioni per le regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), 100 milioni per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 175,1 milioni alle restanti regioni.
    PROCEDURA VALUTATIVA NEGOZIALE: l'intervento sarà attuato con la procedura valutativa negoziale prevista per gli Accordi per l'innovazione. 
    PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO: per i progetti più piccoli, con costi ammissibili fino a 5 milioni di euro, sarà applicata la procedura valutativa a sportello.
    BENEFICIARI: imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria (attività di cui all’art. 2195 del c.c., nn. 1, 3 e 5), e i centri di ricerca.  Per i soli progetti congiunti (fino a tre, per la procedura a sportello e fino a cinque per quella negoziale), anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo “Agrifood”, anche le imprese agricole che esercitano le attività di cui all’art. 2135 c.c.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concedibili nella forma del contributo alla spesa e del finanziamento agevolato, in misura coerente con i limiti fissati dal regolamento (UE) n. 651/2014.
    DOMANDE: a partire dal 27 novembre 2018. 
    Dal 27 novembre 2018 le imprese potranno presentare, anche in forma congiunta, le proposte progettuali per la realizzazione di attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale d’importo superiore a 5 milioni di euro e fino a 40 milioni.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IMPRESE SOCIALI: finanziamenti agevolatI da € 200.000 fino a 10 milioni per imprese sociali, cooperative e Onlus. Domande a sportello.

    MISE IMPRESE SOCIALI 250 SABATINI 150NUOVE IMPRESE SOCIALI: finanziamento agevolato per le nuove imprese sociali, cooperative e onlus..
    FINALITA': agevolare le imprese sociali,  già costituite o ancora da costituire, che perseguono finalità di utilità sociale e di interesse generale.
    OBIETTIVO: avorire la nascita o la crescita di imprese sociali, cooperative sociali (e relativi consorzi) e società cooperative aventi qualifica di onlus.
    BENEFICIARI: 1) imprese sociali costituite in forma di società; 2) cooperative sociali e relativi consorzi che  hanno acquisito di diritto la qualifica di imprese sociali; 3) società cooperative aventi qualifica di Onlus.
    AGEVOLAZIONE: L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla creazione o allo sviluppo di imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale, in qualunque settore e su tutto il territorio nazionale.
    CONTRIBUTO: per i programmi che prevedono investimenti non superiori a 3 milioni di euro e che rientrano nel campo di applicazione del De Minimism al finanziamento agevolato può essere aggiunto un contributo a fondo perduto non rimborsabile, del 5% delle spese ammissibili complessive.
    SPESE MASSIME E MINIME AMMISSIBILI: i programmi di investimento devono presentare spese ammissibili, al netto IVA, non inferiori a 200.000,00 euro e non superiori a 10.000.000,00 di euro.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: al tasso agevolato di 0,5%, ha una durata non superiore a 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni.
    FINANZIAMENTO BANCARIO: al finanziamento agevolato deve essere associato un finanziamento bancario, a tasso di mercato e di pari durata, erogato dalla banca finanziatrice individuata dall’impresa nell’ambito dell’elenco delle banche che hanno aderito alla Convenzione Ministero-ABI- CDP.
    FINANZIAMENTO COMPLESSIVO: il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario saranno regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento gestito dalla banca finanziatrice, per una copertura delle spese ammissibili pari all’80%, di cui la quota di finanziamento bancario sarà pari al 30% e la quota di finanziamento agevolato sarà pari al 70%.
    RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI: la misura è dotata di 223 milioni di euro, di cui 200 milioni di euro per la concessione dei finanziamenti agevolati e 23 milioni di euro per la concessione dei contributi in conto capitale.
    DOMANDA: procedura aperta, domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CALABRIA: nuovi centri antiviolenza e Case di accoglienza per donne vittime di violenza

    MISE IMPRESE SOCIALI 150calabria case di accoglienza antiviolenza sulle donne

    CALABRIA: approvato dalla Regione un bando per la realizzazione di nuovi Centri antiviolenza e nuove Case accoglienza/Rifugio per donne vittime di violenza e loro figli.
    BENEFICIARI: possono partecipare al presente Avviso per la istituzione, realizzazione e apertura di nuovi CAV e CR i seguenti soggetti:
    a) Enti locali, in forma singola o associata;
    b) associazioni e organizzazioni operanti nel settore del sostegno e dell’aiuto alle donne vittime di violenza, che abbiano maturato esperienze e competenze specifiche in materia di violenza contro le donne, che utilizzino una metodologia di accoglienza basata sulla relazione tra donne, con personale formato specificatamente sulla violenza di genere;
    c) soggetti di cui alle lettere a) e b), d’intesa o in forma consorziata/partenariato.
    CONTRIBUTO: il finanziamento regionale potrà essere pari al 100% del costo totale previsto per la realizzazione della proposta progettuale. Il finanziamento regionale per ciascun progetto non potrà in ogni caso superare l’importo massimo di: € 30.000,00 per i progetti presentati dai soggetti proponenti gestori di CAV; € 100.000,00 per i progetti presentati dai soggetti proponenti gestori di CR. L’eventuale quota eccedente quella massima finanziabile dalla Regione sarà a totale carico del soggetto proponente che dovrà indicare le relative fonti di finanziamento.
    DOMANDA: scadenza 14 dicembre 2018. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO: pubblicato il bando nazionale per i contributi alle organizzazioni della società civile a ai soggetti senza finalità di lucro. Scadenza 19 dicembre 2018

    COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO BANDO 2018

    MISE IMPRESE SOCIALI 150

    COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO: pubblicato il bando per i contributi alle organizzazioni della società civile a ai soggetti senza finalità di lucro.
    FINALITA': il bando è finalizzato alla selezione, mediante procedura comparativa pubblica, di iniziative proposte dalle Organizzazioni della società civile e dai soggetti senza finalità di lucro (di seguito “OSC”), da realizzarsi prioritariamente nei Paesi e nei settori indicati nel Documento triennale di programmazione e di indirizzo della politica di cooperazione allo sviluppo 2017-2019.
    PAESI E SETTORI PRIORITARI: leggi tutto l'articolo.
    BENEFICIARI: le OSC che alla data di scadenza della presentazione delle proposte risultino regolarmente iscritte all’Elenco di cui all’articolo 26, comma 3 della Legge n. 125/2014 e all’articolo 17 del D.M. n. 113/2015.
    RISORSE FINANZIARIE: la dotazione finanziaria complessiva prevista per la presente procedura è pari a € 70.000.000 per il finanziamento complessivo delle iniziative utilmente collocate in graduatoria.
    MASSIMALE DEL CONTRIBUTO RICHIEDIBILE: il contributo richiedibile deve essere pari al massimo a un ammontare non superiore al doppio dei propri proventi complessivi del triennio 2015-2017, come da bilanci annuali.
    La richiesta di contributo complessivamente non deve essere superiore a € 1.800.000 per iniziative di durata triennale, a € 1.200.000 per iniziative di durata biennale e € 600.000 per iniziative di durata annuale;
    PERCENTUALE DEL CONTRIBUTO RICHIEDIBILE: é possibile richiedere un contributo non superiore al 90% del costo totale dell’iniziativa;
    PARTECIPAZIONE MONETARIA AL FINANZIAMENTO DEL PROPONENTE: è richiesta la partecipazione monetaria al finanziamento del proponente, sia con risorse proprie sia di altri donatori che non siano Amministrazioni pubbliche italiane, pari almeno al 10% del costo totale dell’iniziativa;
    DOMANDE: scadenza 19 dicembre 2018. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RESTO AL SUD: la legge di Bilancio 2019 estende gli incentivi ai professionisti e agli under 46

    LIQUIDITà 150

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD: Il governo potenzia l’incentivo Resto al Sud, gestito da Invitalia per favorire la nascita di nuove imprese nel Mezzogiorno. 
    La legge di Bilancio 2019, attualmente in approvazione, prevede l’ampliamento della platea dei destinatari e l’innalzamento dell’età: i finanziamenti potranno essere richiesti anche dai liberi professionisti e dagli under 46 (il limite attuale è fino a 36 anni non compiuti). 
    OBIETTIVO: rafforzare l’azione di sostegno e di stimolo all’imprenditoria meridionale messa in campo con Resto al Sud: ad oggi sono quasi 4.900 le domande presentate nelle otto regioni interessate: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. 
    AGEVOLAZIONI: i giovani che vogliono restare o tornare nel Mezzogiorno possono contare su un mix agevolazioni che copre il 100% delle spese: 35% di fondo perduto e 65% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di garanzia per le Pmi e coperto, per gli interessi, da un altro contributo. 
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • GIOVANI AGRICOLTORI: nuovo bando Ismea per ricambio generazionale e autoimpreditorialità, contributi e mutui agevolati per giovani agricoltori.

    LIQUIDITà 150

    ISMEA.SUBENTRO.E.AMPLIAMENTO.AGRICOLTURA.250AUTOIMPRENDITORIALITÀ E RICAMBIO GENERAZIONALE IN AGRICOLTURA.
    OBIETTIVO: favorire il ricambio generazionale in agricoltura e l'ampliamento di aziende agricole esistenti.
    SETTORI AMMESSI: ISMEA finanzia la realizzazione di progetti di sviluppo o consolidamento nei settori della produzione agricola, della trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli e della diversificazione del reddito agricolo.
    BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese agricole organizzate sotto forma di ditta individuale o di società, composte da giovani di età compresa tra i 18 e i 40 anni non compiuti, con i seguenti requisiti:
    SUBENTRO: imprese agricole regolarmente costituite da non più di 6 mesi con sede operativa sul territorio nazionale, con azienda cedente attiva da almeno due anni, economicamente e finanziariamente sana;
    AMPLIAMENTO: imprese agricole attive e regolarmente costituite da almeno due anni, con sede operativa sul territorio nazionale, economicamente e finanziariamente sane
    INTERVENTI AMMESSI: investimenti fino a 1.500.000 €; Durata da 5 a 15 anni.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: mutuo agevolato, a tasso zero, per un importo non superiore al 75 per cento delle spese ammissibili.
    CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, in alternativa ai mutui agevolati di cui al punto precedente, un contributo a fondo perduto fino al 35 per cento della spesa ammissibile nonché un mutuo agevolato, a tasso zero, di importo non superiore al 60 per cento della spesa ammissibile.
    AGRITURISMO E LE ALTRE ATTIVITÀ DI DIVERSIFICAZIONE: per le attività di agriturismo e le altre attività di diversificazione del reddito agricolo saranno concesse agevolazioni in regime de minimis nel limite massimo di 200.000,00 €. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTI IMPRESE ESPORTATRICI: finanziamento agevolato fino a € 400.000 alle PMI che hanno realizzato almeno il 35% del fatturato verso l'estero. Domande a sportello

    LIQUIDITà 150

    FINANZIAMENTI IMPRESE ESPORTATRICIPATRIMONIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ESPORTATRICI: finanziamento agevolato fino a € 400.000 alle PMI che hanno realizzato almeno il 35% del fatturato verso l'estero. 
    OBIETTIVO: si tratta di una misura per sostenere la solidità patrimoniale delle imprese esportatrici con il Fondo 394/81 e con l'intervento del Fondo per la crescita sostenibile, che consente di ridurre le garanzie richieste per l'utilizzo del finanziamento.
    BENEFICIARI: tutte le PMI italiane, costituite in forma di società di capitali, che nell'ultimo triennio abbiano realizzato all'estero almeno il 35% del proprio fatturato.
    FINALITA': il finanziamento è finalizzato al miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale (rapporto patrimonio netto / attività immobilizzate nette) al momento della richiesta di finanziamento ("livello d'ingresso") rispetto a un "livello soglia" predeterminato. Le imprese con "livello di ingresso" uguale o superiore al "livello soglia" possono accedere a una riduzione di garanzia.
    TERRITORIALITA': sono ammissibili al finanziamento le imprese con sede in tutte le regioni.
    MASSIMALE FINANZIABILE: € 400.000, fino al 25% del patrimonio netto della tua impresa.
    DURATA DEL FINANZIAMENTO: massimo 7 anni, di cui 1 o 2 di preammortamento.
    AGEVOLAZIONI: rimborso a tasso agevolato pari al 10% del tasso di riferimento UE (con il limite a zero) in caso di miglioramento o mantenimento del livello di solidità patrimoniale.   
    DOMANDE: procedura aperta, domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • SVILUPPO DELLE IMPRESE: contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati alle PMI per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni. Ora prevista anche la partecipazione al capitale di rischio delle imprese.

    CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018

    SABATINI 150CONTRATTO DI SVILUPPO DELLE IMPRESE: ampliate le modalità di intervento per i contributi e finanziamenti nel settore industriale, compreso il settore agroalimentare, turistico, tutela ambientale, risparmio energetico, nonchè ricerca e sviluppo.
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    - INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.- - INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni.
    - INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori.
    BENEFICIARI: tutte le imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI: le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro:
    -finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili;
    - contributo in conto interessi;
    - contributo in conto impianti;
    -contributo diretto alla spesa;
    PARTECIPAZIONE AL CAPITALE DI RISCHIO: con decreto del mise sono state inoltre ampliate le modalità di intervento in favore delle imprese, prevedendo la possibilità per Invitalia, di integrare le agevolazioni in forma di contributo o di finanziamento intervenendo per integrare il capitale di rischio del soggetto proponente.
    DOMANDE: Misura operativa. Domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: in sole 48 ore.

    anticipo fatture 90 in 48 oreFINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: si tratta della possibilità di ottenere in 48 ore il 90% dell' importo delle tue fatture e il rimanente 10% alla scadenza.
    CESSIONE DEL CREDITO: non si tratta di un conto antipici bancario ma di una cessione di credito, pertanto non influisce su eventuale castelletto o affidamento già concesso con la tua banca, e non costituisce un ulteriore affidamento, pertanto non ci sono limiti massimi. Si tratta di una procedura di factoring.
    GARANZIE: nessuna.
    REQUISITI: il credito deve essere certo ed esigibile e il debitore deve essere affidabile e avere un fatturato minimo di 500.000 € e almeno 1 bilancio depositato.
    TEMPI: preventivo entro 48 ore. 
    PREVENTIVO: gratuito, non vincolante e non comporta alcun tipo di notifica né al tuo cliente, né a SIC o centrali rischi private.
    PROCEDURA: anche completamente digitale dal preventivo, alla comunicazione del plafond ammesso e alla quotazione per il finanziamento. 
    FIRMA DEL CONTRATTO anche in modalità telematica con con firma digitale.
    TERRITORIALITA': MISURA OPERATIVA IN TUTTA ITALIA.
    EROGAZIONE DEL SERVIZIO: il prodotto finanziario non è erogato direttamente da Italia Contributi, ma da un operatore finanziario specializzato.
    COSTI: NESSUN COSTO FISSO pagherai solo se accetti il preventivo e se non accetti non paghi nulla.
    ADEMPIMENTI: il tuo cliente continuerà a pagare la fattura regolarmente sul tuo IBAN.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • PIEMONTE: finanziamenti a tasso zero fino a € 2milioni, alle imprese non ancora ubicate in Piemonte.

    PIEMONTE SOSTEGNO ALLE IMPRESE NON ANCORA UBICATE IN PIEMONTESABATINI 150PIEMONTE: finanziamenti a tasso zero alle imprese non ancora ubicate in Piemonte.
    FINALITA': Sostegno all'attrazione e al radicamento di investimenti in Piemonte. 
    La misura intende favorire tramite sostegno finanziario, il rilancio della propensione agli investimenti del sistema produttivo, attraverso l’attrazione e lo sviluppo di investimenti diretti, idonei a sviluppare l’indotto e le filiere di fornitura, ad agire da volano per il consolidamento del tessuto imprenditoriale locale e a creare nuovi posti di lavoro diretti e indiretti.
    BENEFICIARI :piccole e medie imprese, non ancora presenti in Piemonte o già presenti che hanno de localizzato la produzione e intendono re insediarsi, oppure che intendono diversificare funzionalmente la produzione.
    PROGETTI AGEVOLARTI: investimenti fissi e progetti di ricerca e sviluppo per la realizzazione di nuovi impianti di produzione, centri direzionali, centri di R&S.
    AGEVOLAZIONE: finanziamento agevolato di importo fino al 100% delle spese ritenute ammissibili e con le seguenti caratteristiche: durata: 84 mesi di cui eventualmente preammortamento di 12 mesi; forma: rimborso con rate trimestrali posticipate; composizione 70% fondi regionali, a tasso zero (con un limite massimo di € 2.000.000) e 30% fondi bancari attraverso banche convenzionate.
    CONTRIBUTO: L’intensità di aiuto non potrà superare il 20% dei costi ammissibili nel caso delle micro/piccole imprese e il 10% dei costi ammissibili nel caso delle medie imprese.
    DOMANDE: Misura aperta, fino ad esaurimento delle risorse disponibili. Domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • Fabbrica intelligente, Agrifood e Scienze della vita: domande dal 27 novembre 2018.

    RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

    LIQUIDITà 150MISE: il Ministero ha avviato un nuovo intervento per promuovere l'innovazione e accrescere la competitività delle imprese italiane. 
    La misura prevede l'agevolazione di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale (R&S) nei settori applicativi della Strategia nazionale di specializzazione intelligente relativi a:
    -FABBRICA INTELLIGENTE; - AGRIFOOD; -SCIENZE DELLA VITA.
    RISORSE: sono disponibili oltre 560 milioni di euro. 
    TERRITORIALITA' :la destinazione territoriale delle risorse prevede 287,6 milioni per le regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), 100 milioni per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 175,1 milioni alle restanti regioni.
    PROCEDURA VALUTATIVA NEGOZIALE: l'intervento sarà attuato con la procedura valutativa negoziale prevista per gli Accordi per l'innovazione. 
    PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO: per i progetti più piccoli, con costi ammissibili fino a 5 milioni di euro, sarà applicata la procedura valutativa a sportello.
    BENEFICIARI: imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria (attività di cui all’art. 2195 del c.c., nn. 1, 3 e 5), e i centri di ricerca. 
    Per i soli progetti congiunti (fino a tre, per la procedura a sportello e fino a cinque per quella negoziale), anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo “Agrifood”, anche
    le imprese agricole che esercitano le attività di cui all’art. 2135 c.c.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concedibili nella forma del contributo alla spesa e del finanziamento agevolato, in misura coerente con i limiti fissati dal regolamento (UE) n. 651/2014.
    PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ: le risorse sono a valere sul PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e sul Fondo per la crescita sostenibile.
    DOMANDE: a partire dal 27 novembre 2018.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • NUOVE IMPRESE INNOVATIVE: contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati per progetti fino a € 1.500.000.

    SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

    SABATINI 150

    SMART & START ITALIA, è il principale incentivo del Governo dedicato alla nascita e alla crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico.
    TERRITORIALITA': le agevolazioni Smart&Start Italia sono riservate alle startup innovative localizzate su tutto il territorio nazionale.
    LA BUSINESS IDEA: dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca.
    L’AGEVOLAZIONE: consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all'avvio del progetto proposto. Per le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è previsto un contributo a fondo perduto pari al 20% del mutuo.
    SMART & START ITALIA: finanzia programmi di spesa tra 100 mila e 1,5 milioni di euro. 
    BENEFICIARI: start-up innovative , iscritte nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese,  che presentano un progetto imprenditoriale caratterizzato da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o  mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, e/o  finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.
    Le società devono essere di piccola dimensione ed essere costituite da non più di 60 mesi.
    Per richiedere le agevolazioni non sarà necessario aver già costituito la società.
    FINANZIAMENTO: è’ previsto un mutuo senza interessi e senza richiesta di garanzie per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all'avvio del progetto, inclusi i costi del personale dipendente. 
    CONTRIBUTO: le startup localizzate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia beneficiano anche di una quota di finanziamenti a fondo perduto (20%).
    DOMANDA:sportello. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CONTRATTO DI SVILUPPO: contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati alle PMI per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni.

    CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018

    SABATINI 150CONTRATTO DI SVILUPPO: è il più importante strumento di politica industriale del nostro Paese per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni nel settore industriale, compreso il settore agroalimentare, turistico, tutela ambientale, risparmio energetico, nonchè ricerca e sviluppo.
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori. 
    INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni:
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.
    BENEFICIARI: imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI : le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: -finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; -contributo in conto interessi; -contributo in conto impianti; -contributo diretto alla spesa.
    DOMANDE: Misura operativa. Domande a sportello

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IMPRESE SOCIALI: finanziamenti agevolatI fino a 10 milioni per le nuove imprese e cooperative sociali. Domande a sportello.

    MISE IMPRESE SOCIALI 250 SABATINI 150NUOVE IMPRESE SOCIALI: finanziamento agevolato per le nuove imprese sociali, cooperative e onlus..
    FINALITA': agevolaRE le nuove imprese sociali che perseguono finalità di utilità sociale e di interesse generale.
    OBIETTIVO: avorire la nascita o la crescita di imprese sociali, cooperative sociali (e relativi consorzi) e società cooperative aventi qualifica di onlus.
    BENEFICIARI: 1) imprese sociali costituite in forma di società; 2) cooperative sociali e relativi consorzi che  hanno acquisito di diritto la qualifica di imprese sociali; 3) società cooperative aventi qualifica di Onlus.
    AGEVOLAZIONE: L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla creazione o allo sviluppo di imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale, in qualunque settore e su tutto il territorio nazionale.
    CONTRIBUTO: per i programmi che prevedono investimenti non superiori a 3 milioni di euro e che rientrano nel campo di applicazione del De Minimism al finanziamento agevolato può essere aggiunto un contributo a fondo perduto non rimborsabile, del 5% delle spese ammissibili complessive.
    SPESE MASSIME E MINIME AMMISSIBILI: i programmi di investimento devono presentare spese ammissibili, al netto IVA, non inferiori a 200.000,00 euro e non superiori a 10.000.000,00 di euro.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: al tasso agevolato di 0,5%, ha una durata non superiore a 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni.
    FINANZIAMENTO BANCARIO: al finanziamento agevolato deve essere associato un finanziamento bancario, a tasso di mercato e di pari durata, erogato dalla banca finanziatrice individuata dall’impresa nell’ambito dell’elenco delle banche che hanno aderito alla Convenzione Ministero-ABI- CDP.
    FINANZIAMENTO COMPLESSIVO: il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario saranno regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento gestito dalla banca finanziatrice, per una copertura delle spese ammissibili pari all’80%, di cui la quota di finanziamento bancario sarà pari al 30% e la quota di finanziamento agevolato sarà pari al 70%.
    RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI: la misura è dotata di 223 milioni di euro, di cui 200 milioni di euro per la concessione dei finanziamenti agevolati e 23 milioni di euro per la concessione dei contributi in conto capitale.
    DOMANDA: procedura aperta, domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • INTERNAZIONALIZZAZIONE: finanziamenti agevolati per l'internazionalizzazione delle imprese italiane di tutte le regioni. Domande: misura aperta, procedura a sportello.

    INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 250

    INTERNAZIONALIZZAZIONE: finanziamenti agevolati per l'internazionalizzazione delle imprese Italiane di tutte le regioni. Domande: misura aperta, procedura a sportello.
    AGEVOLAZIONE: sostegno alla tua impresa con uno strumento conveniente e adatto per ogni fase della crescita sui mercati esteri.
    SPESE AMMESSE: i Finanziamenti agevolati per l’Internazionalizzazione coprono le spese per:
    PARTECIPAZIONE A FIERE, mostre e missioni di sistema per promuovere il tuo business all’estero;
    STUDI DI FATTIBILITÀ necessari per aiutarti a fare la scelta migliore;
    PROGRAMMI DI INSERIMENTO SUI MERCATI EXTRA UE della tua azienda attraverso l’apertura delle prime strutture commerciali;
    PROGRAMMI DI ASSISTENZA TECNICA per la formazione in loco del tuo personale.
    PATRIMONIALIZZAZIONE: è previsto un sostegno alle piccole e medie impresa per rafforzarsi per competere meglio attraverso i finanziamenti per la Patrimonializzazione delle PMI esportatrici.
    BENEFICIARI: imprese operanti in tutti i settori.
    DOMANDE :Misura aperta - Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • AGEVOLAZIONI PER INVESTIMENTI: acquisto macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali con la Nuova Sabatini: a settembre 2018 ancora disponibili 119 milioni di €. Domande a sportello.

    NUOVA SABATINI 2017 2018FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150NUOVA SABATINI: a settembre 2018 ancora disponibili 119 milioni di € per le imprese, in tutta Italia.
    OBIETTIVO: finanziamenti a tasso zero per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    MASSIAMALE: i finanziamenti coprono il 100% dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta fino ad esaurimento fondi. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • BASILICATA, CALABRIA, CAMPANIA, PUGLIA E SICILIA: in arrivo il bando macchinari innovativi per micro, piccole e medie imprese del Sud.

    MACCHINARI INNOVATIVI Basilicata Calabria Campania Puglia e SiciliaRESTO AL SUD CHIEDI INFO 150 X 75 MACCHINARI INNOVATIVI: sono disponibili oltre 340 milioni di Euro per il nuovo intervento Macchinari Innovativi avviato dal Ministero dello Sviluppo Economico a favore delle micro, piccole e medie imprese del Sud.
    MACCHINARI INNOVATIVI: si tratta della misura è a valere sul PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e sul collegato Programma nazionale complementare di azione e coesione ed è volta a sostenere la realizzazione nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) di programmi di investimento, diretti a consentire la transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta Fabbrica Intelligente.
    FINALITA': favorire la crescita economica e rafforzare le piccole e medie imprese che sono più in ritardo nel fronteggiare la sfida del mercato globale.
    BENEFICIARI: possono beneficiare dell’agevolazione le micro, piccole e medie imprese (PMI), compresi i professionisti.
    SETTORI AMMESSI: sono ammessi tutti i settori manifatturieri di cui alla sezione C della classificazione delle attività economiche ATECO 2007.
    PROGRAMMI AMMESSI: i programmi di investimento ammissibili devono prevedere spese non inferiori a euro 500.000,00 e non superiori a euro 3.000.000,00; essere realizzati esclusivamente presso unità produttive localizzate nei territori delle Regioni meno sviluppate; prevedere l’acquisizione dei sistemi e delle tecnologie riconducibili all’area tematica “Fabbrica intelligente” della Strategia nazionale di specializzazione intelligente.
    AGEVOLAZIONI: per le imprese che realizzeranno investimenti innovativi che consentono l'interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo è prevista una combinazione di agevolazioni. Quest'ultima articolata in relazione alla dimensione dell'impresa, composta da contributi in conto impianti e finanziamenti agevolati.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: non è assistito da particolari forme di garanzia, deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.
    IL MIX DI AGEVOLAZIONI è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa come segue:
    - PER LE IMPRESE DI MICRO E PICCOLA DIMENSIONE, un contributo in conto impianti pari al 35 % e un finanziamento agevolato pari al 40 %;
    - PER LE IMPRESE DI MEDIA DIMENSIONE, un contributo in conto impianti pari al 25 % e un finanziamento agevolato pari al 50 %.
    DOMANDE: i termini di apertura e le modalità di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: dal 14 settembre è possibile presentare la richiesta di erogazione. Scadenza 14 marzo 2019.

    mise voucher digitalizzazione pmi LIQUIDITà 150VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: le imprese assegnatarie del Voucher possono presentare la richiesta di erogazione a partire dal 14 settembre 2018.
    PROROGA: iL MISE aveva già prorogato fino al 14 dicembre 2018 il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico.
    RICHIESTA DI EROGAZIONE: a seguito della proroga, le imprese assegnatarie del Voucher possono presentare la richiesta di erogazione, dopo aver provveduto al pagamento a saldo di tutte le spese, fino al 14 marzo 2019.
    Resta ferma la possibilità per le imprese di presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 settembre 2018.
    DECRETO: ricordiamo che con il decreto direttoriale 1 giugno 2018 è approvato l'elenco, consultabile per regione, delle imprese assegnatarie delle agevolazioni contenente l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato. Nel medesimo provvedimento sono indicate anche le istanze non agevolabili.
    ELENCO IMPRESE ASSEGNTARIE DEL VOUCHER :é disponibile e consultabile per regione l'elenco delle imprese assegnatarie delle agevolazioni con l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato.
    L’elenco è stato definito a seguito dell’integrazione della dotazione finanziaria dell’intervento, avvenuta con il decreto ministeriale 23 marzo 2018, e dell’espletamento dei controlli amministrativi su tutte le domande presentate.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IL CONTRATTO DI SVILUPPO: modificato ulteriormente il principale strumento agevolativo per i progetti di grosse dimensione delle imprese.

    SABATINI 150CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018IL NUOVO DI SVILUPPO è il più importante strumento di politica industriale del nostro Paese per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni nel settore industriale, compreso il settore agroalimentare, turistico, tutela ambientale, risparmio energetico, nonchè ricerca e sviluppo.
    LOCALIZZAZIONE: tutto il territorio nazionale.
    L’INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori. 
    INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni:
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.
    BENEFICIARI: imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI : le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: -finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; -contributo in conto interessi; -contributo in conto impianti; -contributo diretto alla spesa.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: proroga del termine per l'ultimazione delle spese al 14 dicembre 2018. Richiesta di erogazione entro il 14 marzo 2019.

    mise voucher digitalizzazione pmi LIQUIDITà 150VOUCHER DIGITALIZZAZIONE, MISE: prorogato fino al 14 dicembre 2018 il termine per l’ultimazione delle spese progettuali connesse agli interventi di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico.
    RICHIESTA DI EROGAZIONE: a seguito della proroga, le imprese assegnatarie del Voucher possono presentare la richiesta di erogazione, dopo aver provveduto al pagamento a saldo di tutte le spese, fino al 14 marzo 2019.
    Resta ferma la possibilità per le imprese di presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 settembre 2018.
    DECRETO: ricordiamo che con il decreto direttoriale 1 giugno 2018 è approvato l'elenco, consultabile per regione, delle imprese assegnatarie delle agevolazioni contenente l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato. Nel medesimo provvedimento sono indicate anche le istanze non agevolabili.
    ELENCO IMPRESE ASSEGNTARIE DEL VOUCHER :é disponibile e consultabile per regione l'elenco delle imprese assegnatarie delle agevolazioni con l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato.
    L’elenco è stato definito a seguito dell’integrazione della dotazione finanziaria dell’intervento, avvenuta con il decreto ministeriale 23 marzo 2018, e dell’espletamento dei controlli amministrativi su tutte le domande presentate.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RESTO AL SUD: continuano con successo le agevolazioni per i giovani del sud e delle isole che vogliono avviare una nuova impresa. A settembre previste importanti novità migliorative.

    RESTO AL SUD INVITALIA

    LIQUIDITà 150RESTO AL SUD: previste importanti novità migliorative a settembre 2018. In discussione la possibilità di estendere la platea dei beneficiari.
    Ricordiamo che si tratta di un agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi.
    I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno. 
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. 
    Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, agroalimentare, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici. 
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • NUOVA SABATINI: novita per le agevolazioni per acquisto macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali. Ampliato l'elenco dei beni che godono del contributo aggiuntivo maggiorato del 30%.

    NUOVA SABATINI 2017 2018FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150NUOVA SABATINI: il Ministero dello Sviluppo economico ha pubblicato circolare direttoriale 3 agosto 2018, n. 269210 che adegua l’elenco dei beni immateriali riconducibili al Piano Nazionale “Industria 4.0” in relazione ai quali può essere riconosciuta la misura massima del contributo.
    OBIETTIVO: finanziamenti a tasso zero per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali, a cui si aggiunge un contributo del 2,75% annuo sugli investimenti ordinari maggiorato o del 3,575% annuo per la realizzazione di investimenti in tecnologie digitali. Tale intervento può beneficiare anche garanzia rilasciata dal Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    MASSIAMALE: i finanziamenti coprono il 100% dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta fino ad esaurimento fondi. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • SMART&START ITALIA: contributi alle nuove imprese innovative per progetti fino a 1.500.000 di €. Sportello aperto.

    SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

    LIQUIDITà 150

    SMART&START ITALIA: contributi alle nuove imprese innovative per progetti fino a 1.500.000 di €. Sportello aperto.
    SMART & START ITALIA, è il principale incentivo del Governo dedicato alla nascita e alla crescita delle startup innovative ad alto contenuto tecnologico.
    TERRITORIALITA': le agevolazioni Smart&Start Italia sono riservate alle startup innovative localizzate su tutto il territorio nazionale.
    LA BUSINESS IDEA: dovrà avere caratteristiche tecnologiche e innovative, oppure sviluppare prodotti, servizi o soluzioni nel mondo dell’economia digitale, o valorizzare economicamente i risultati del sistema della ricerca.
    L’AGEVOLAZIONE: consiste in un mutuo senza interessi per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all'avvio del progetto proposto. Per le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, è previsto un contributo a fondo perduto pari al 20% del mutuo.

    SMART & START ITALIA: finanzia programmi di spesa tra 100 mila e 1,5 milioni di euro. 
    BENEFICIARI: start-up innovative , iscritte nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese,  che presentano un progetto imprenditoriale caratterizzato da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o  mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, e/o  finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata.
    Le società devono essere di piccola dimensione ed essere costituite da non più di 60 mesi.
    Per richiedere le agevolazioni non sarà necessario aver già costituito la società.
    FINANZIAMENTO: è’ previsto un mutuo senza interessi e senza richiesta di garanzie per la copertura dei costi di investimento e di gestione legati all'avvio del progetto, inclusi i costi del personale dipendente. 
    CONTRIBUTO: le startup localizzate in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia beneficiano anche di una quota di finanziamenti a fondo perduto (20%).
    DOMANDA: a sportello. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IMPRESE SOCIALI: finanziamenti agevolatI fino a 10 milioni per le nuove imprese e cooperative sociali. Domande a sportello.

    SABATINI 150MISE IMPRESE SOCIALI 250 NUOVE IMPRESE SOCIALI: il finanziamento agevolato nazionale per le nuove imprese e cooperative sociali.
    ECONOMIA SOCIALE: si tratta delle agevolazioni del Ministero dello Sviluppo Economico rivolto alle imprese che perseguono finalità di utilità sociale e di interesse generale.
    OBIETTIVO: le agevolazioni puntano a favorire la nascita o la crescita di imprese sociali, cooperative sociali (e relativi consorzi) e società cooperative aventi qualifica di onlus.
    BENEFICIARI, sono tre le tipologie di beneficiari: 1) imprese sociali di cui al decreto legislativo n. 112/2017 (ex D.Lgs n.  155/2006) e ss.mm.ii. costituite in forma di società; 2) cooperative sociali di cui alla legge n. 381/1991 e ss.mm.ii. e relativi consorzi, che con D.Lgs 112/2017 hanno acquisito di diritto la qualifica di imprese sociali; 3) società cooperative aventi qualifica di ONLUS ai sensi del decreto legislativo n. 460/1997 e ss.mm.ii.
    AGEVOLAZIONE: L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla creazione o allo sviluppo di imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale, in qualunque settore e su tutto il territorio nazionale.
    CONTRIBUTO: per i programmi che prevedono investimenti non superiori a 3 milioni di euro e che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (UE) n. 1407/2013, al finanziamento agevolato può essere aggiunto un contributo non rimborsabile, nel limite massimo del 5% delle spese ammissibili complessive.
    SPESE MASSIME E MINIME AMMISSIBILI: i programmi di investimento devono presentare spese ammissibili, al netto IVA, non inferiori a 200.000,00 euro e non superiori a 10.000.000,00 di euro.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: al tasso agevolato di 0,5%, ha una durata non superiore a 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni.
    FINANZIAMENTO BANCARIO: al finanziamento agevolato deve essere associato un finanziamento bancario, a tasso di mercato e di pari durata, erogato dalla banca finanziatrice individuata dall’impresa nell’ambito dell’elenco delle banche che hanno aderito alla Convenzione Ministero-ABI- CDP del 28 luglio 2017 (pdf).
    UNICO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO: Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario saranno regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento gestito dalla banca finanziatrice, per una copertura delle spese ammissibili pari all’80%, di cui la quota di finanziamento bancario sarà pari al 30% e la quota di finanziamento agevolato sarà pari al 70%.
    RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI: la misura è dotata di 223 milioni di euro, di cui 200 milioni di euro per la concessione dei finanziamenti agevolati e 23 milioni di euro per la concessione dei contributi in conto capitale.
    DOMANDA: procedura aperta, domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO, incentivi nazionali per giovani e donne che vogliono avviare una nuova impresa. Fino al 75% a tasso zero per progetti fino a 1.500.000

    iNVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO.2017.250

    NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO:  incentivo nazionali per giovani e donne che vogliono avviare una nuova impresa: fino al 75% a tasso zero per progetti fino a 1.500.000. 

    SABATINI 150

    GLI INCENTIVI SONO VALIDI IN TUTTA ITALIA e finanziano progetti d’impresa con spese fino a 1,5 milioni di euro. 

    LE AGEVOLAZIONI: consistono in un finanziamento agevolato senza interessi (tasso zero) della durata massima di 8 anni, che può coprire fino al 75% delle spese totali.
    CAPITALE PROPRIO: le imprese devono garantire la restante copertura finanziaria  con il 25% residuo di mezzi propri che può essere garantito con capitali proprie o mediante finanziamenti bancari.
    REALIZZAZIONE DELL'INVESTIMENTO: entro 24 mesi dalla firma del contratto di finanziamento.
    BENEFICIARI:  i beneficiari sono i giovani tra i 18 e i 35 anni le donne di qualsiasi età, che possono ottenere finanziamenti a tasso zero per l'avvio di una micro impresa e il 25% residuo può essere garantito con risorse proprie o mediante finanziamenti bancari.
    Possono presentare la domanda per i finanziamenti a tasso zero sia le imprese già costituite da non più di 12 mesi alla data di presentazione della domanda che le imprese non ancora costituite, cioè le persone fisiche pronte a costituire la società entro 45 giorni dall’eventuale ammissione alle agevolazioni.
    AGEVOLAZIONE: Le agevolazioni sono concesse nella forma del finanziamento agevolato a tasso zero, della durata massima di 8 anni, a copertura di non più del 75 per cento delle spese.
    MASSIMALE: I programmi d’investimento devono prevedere spese non superiori a 1,5 milioni di euro.
    SETTORI AMMESSI: sono ammessi i progetti di impresa del costo massimo di 1.500.000 milioni di euro negli ambiti produzione di beni nei settori industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli, fornitura di servizi alle imprese e alle persone, commercio di beni e servizi, turismo, attività riconducibili a più settori di particolare rilevanza per lo sviluppo dell’imprenditorialità giovanile, riguardanti la filiera turistico-culturale e l’innovazione sociale.
    TERRITORI AMMESSI: tutto il territorio nazionale.
    DOMANDE: procedura valutativa a sportello. Domande on line.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro, senza garanzie, anche per liquidità. Domande a sportello.

    PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITAFINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro anche per liquidità. Domande a sportello.
    Si tratta di finanziamenti senza garanzie reali concesse ai possessori di un reddito di qualsiasi tipologia e senza vincoli di destinazione.
    AGEVOLAZIONE: mancanza di richiesta di garanzie reali.
    BENEFICIARI: Privati, imprenditori e professionisti, anche pensionati, che siano in possesso di un reddito di qualsiasi tipologia.
    REQUISITI: assenza di eventi negativi pregiudizievoli o segnalazioni alla centrale rischi.
    FINALITA': qualsiasi finalità, anche per incrementare il capitale proprio.
    CUMULABILITA': il presente finanziamento è cumulabile con qualsiasi altra agevolazione regionale, statale o europea, e pertanto essendo esente da aiuti di stato è possibile utilizzarlo anche come quota di capitale proprio necessaria all'accesso ai progetti che prevedono contributi a fondo perduto quale quota di capitale proprio a carico del richiedente.
    TERRITORIALITA': lo strumento è operativo in tutto il territorio nazionale.
    MASSIMALE FINANZIABILE: fino a 60.000 euro.
    IMPORTI SUPERIORI: per richieste di importo superiore a 60.000 euro e per finalità diverse dalla liquidità,  sono possibili altre agevolazioni o forme di finanziamento, con caratteristiche differenziate a seconda degli importi richiesti e delle finalità.
    GARANZIE: può essere richiesta la garanzia agevolata di cui alla L.662/90 o di un confidi.
    TEMPISTICA  DI EROGAZIONE: pochi giorni.
    RESTITUZIONE: fino a 10 anni.
    DOMANDE A SPORTELLO.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • BONUS PUBBLICITÀ: pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 luglio 2018 il regolamento sul credito di imposta per gli investimenti in pubblicità che ora diventa pienamente operativo. Entrata in vigore 8 agosto 2018.

    BONUS PUBBLICITA 2018LIQUIDITà 150BONUS PUBBLICITÀ:  pubblicato sussa Gazetta Ufficiale del 24 luglio il regolamento del decreto sul bonus pubblicità che ora diventa pienamente operativo.
    Si tratta del credito d’imposta per gli investimenti relativi all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, anche online.
    TAX CREDIT INVESTIMENTI PUBBLICITARI INCREMENTALI: Presidenza Consiglio dei Ministri, iMinistero dello Sviluppo Economico e Ministero dell'Economia e delle Finanze hanno firmato il decreto attuativo relativo al tax credit per investimenti pubblicitari incrementali effettuati sulla stampa quotidiana e periodica e sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, il cosiddetto bonus pubblicità.
    BENEFICIARI: tutti i soggetti titolari di reddito d'impresa o di lavoro autonomo e gli enti non commerciali e enti no profit che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie, il cui valore superi di almeno l’1% gli analoghi investimenti effettuati nell’anno precedente sugli stessi mezzi di informazione.
    CONTRIBUTO: il credito d’imposta è stabilito nella misura del 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati.
    MAGGIORAZIONE: il credito di imposta è elevato al 90% nel caso di microimprese, piccole e medie imprese e start-up innovative.
    INVESTIMENTI AMMESSI: investimenti riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari  e  inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, ovvero nell’ambito della
    programmazione di  emittenti  televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.
    RISORSE: le risorse stanziate per il 2018 ammontano a 62,5 milioni di euro, di cui 50 milioni per gli investimenti sulla stampa (20 milioni per gli investimenti effettuati nel secondo semestre del 2017, più 30 milioni per quelli da effettuare nel 2018) e 12,5 milioni per gli investimenti da effettuare nel 2018 sulle emittenti radio-televisive.
    DOMANDE: dal sessantesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del decreto nella Gazzetta Ufficiale e fino al novantesimo giorno. 

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • RESTO AL SUD, pubblicati i risultati provvisori a luglio 2018: 6.617 domande in compilazione, 3.612 domande presentate, 958 domande approvate.

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD, pubblicati i risultati provvisori a luglio 2018: 6.617 domande in compilazione, 3.612 domande presentate, 958 domande approvate.

    RESTO AL SUD: si tratta di un agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi. I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici. 
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • NUOVA SABATINI: agevolazioni per acquisto macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali, ancora disponibili 174 milioni di €.

    NUOVA SABATINI 2017 2018FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150NUOVA SABATINI: a luglio 2018 ancora disponibili 174 milioni milioni per le imprese, in tutta Italia.
    OBIETTIVO: finanziamenti a tasso zero per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    MASSIAMALE: i finanziamenti coprono il 100% dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta fino ad esaurimento fondi. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CALABRIA, pubblicato il bando di ingegneria finanziaria

    calabria fondo ingegneria finanziariaCALABRIA, pubblicato il bando di ingegneria finanziaria.SABATINI 150
    FONDO REGIONALE DI INGEGNERIA FINANZIARIA (FRIF):
    FINALITÀ: l’Intervento finanziario è finalizzato a sostenere le imprese, attraverso la concessione di finanziamenti a tasso agevolato e la concessione di contributi in conto capitale, nella realizzazione di programmi di Investimento produttivo e/o nell’acquisizione di Servizi per l’Internazionalizzazione e la penetrazione di mercati esteri, ed è rivolto alla crescita e/o all’espansione di attività imprenditoriali giudicate
    potenzialmente redditizie.
    BENEFICIARI: microimprese, Piccole e Medie Imprese, economicamente e finanziariamente sane, in possesso, alla data di presentazione della domanda, di parametri economico-aziendali specificamente prefissati, costituite da almeno 3 anni, aventi unità operativa in Calabria ed operanti nei settori di attività specificamente previsti.
    FONDO PER L' OCCUPAZIONE E L' INCLUSIONE (FOI):
    FINALITÀ: l’Intervento finanziario è finalizzato a sostenere finanziariamente le imprese - attraverso la concessione di finanziamenti a tasso zero; nell’incremento netto della base occupazionale mediante assunzione, subordinata ed a tempo indeterminato, di nuove unità di personale rientranti nella categoria di soggetti “svantaggiati” e/o “molto svantaggiati” e/o “disabili”.
    Il “Fondo per l’Occupazione e l’Inclusione” (FOI) è rivolto, esclusivamente, in favore delle imprese, giudicate potenzialmente redditizie, che risulteranno beneficiarie anche dell’Intervento finanziario finalizzato alla realizzazione di un programma di investimento produttivo a valere sul “Fondo Regionale di Ingegneria Finanziaria (FRIF)”, rientrante anch’esso tra gli Strumenti di Ingegneria finanziaria del Por Calabria Fesr-Fse 2014/2020.
    BENEFICIARI: microimprese, Piccole e Medie Imprese, economicamente e finanziariamente sane, in possesso, alla data di presentazione della domanda, di parametri economico-aziendali specificamente prefissati, costituite da almeno 3 anni, aventi unità operativa in Calabria ed operanti nei settori di attività specificamente previsti.
    DOMANDE: mediante procedura telematica dal 3 settembre.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • MACCHINARI INNOVATIVI: 340 milioni per le imprese del Sud: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

    MACCHINARI INNOVATIVI Basilicata Calabria Campania Puglia e SiciliaMACCHINARI INNOVATIVI: 340 milioni per le imprese del Sud: Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
    Sono disponibili oltre 340 milioni di Euro per il nuovo intervento MacchinariInnovativiavviato dal Ministero dello Sviluppo Economico a favore delle micro, piccole e medie imprese.
    FABBRICA INTELLIGENTE: la misura è a valere sul PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e sul collegato Programma nazionale complementare di azione e coesione ed è volta a sostenere la realizzazione nelle regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) di programmi di investimento, diretti a consentire la transizione del settore manifatturiero verso la cosiddetta Fabbrica Intelligente.
    FINALITA': con questo programma s'intende favorire la crescita economica e al contempo rafforzare le piccole e medie imprese che sono più in ritardo nel fronteggiare la sfida del mercato globale, che per molte realtà, specialmente del Sud, rappresenta una montagna che non può essere scalata in solitudine, ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo Economico, del Lavoro e delle Politiche Sociali Luigi Di Maio.
    INVESTIMENTI INNOVATIVI: per le imprese che realizzeranno investimenti innovativi che, in coerenza con il piano nazionale “Impresa 4.0” e la “Strategia nazionale di specializzazione intelligente”, consentono l'interconnessione tra componenti fisiche e digitali del processo produttivo è prevista una combinazione di agevolazioni.
    AGEVOLAZIONI DIVERSE : le agevolazioni previste sono articolate in relazione alla dimensione dell'impresa, e sono composte da contributi in conto impianti e finanziamenti agevolati.
    DOMANDE: i termini di apertura e le modalità di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CALABRIA: bando internazionalizzazione domande dal 9 luglio.

    CALABRIA INTERNAZIONALIZZAZIONE BANDO 2018CALABRIA: BANDO INTERNAZIONALIZZAZIONE 2018, incentivi all'acquisto di servizi per l'internazionalizzazione in favore delle PMI, disposta l'apertura dello sportello a partire dal 9 luglio 2018.FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150
    OBIETTIVI: la Regione Calabria mira a incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.
    BENEFICIARI: Le PMI calabresi; I lavoratori autonomi calabresi, anche in associazione; I consorzi, le società consortili di imprese, le reti di PMI calabresi già costituiti e comprensivi di almeno 4 imprese.
    INIZIATIVE AMMESSE: il bando prevede la concessione di aiuti esclusivamente per iniziative ricadenti nelle aree di innovazione della Smart Specilization Strategy (S3) della Regione Calabria, ossia: Agroalimentare; Edilizia sostenibile; Turismo e Cultura; Logistica; ICT e Terziario Innovativo; Smart Manufacturing; Ambiente e Rischi Naturali; Scienze della vita.
    INTERVENTI AMMESSI: l’Avviso sostiene la realizzazione progetti per l’export, riferiti a non più di due paesi target individuati nel Programma Attuativo 2017/2018 per l’internazionalizzazione. Gli interventi dovranno riguardare:
    -La partecipazione a fiere e saloni internazionali e la realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
    -La realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
    -La promozione di incontri bilaterali e partnership tra operatori italiani ed esteri;
    -L’attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
    -Il rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
    -La certificazione per l’export.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di:
    - € 200.000,00 per progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o associazioni tra lavoratori autonomi;
    - € 50.000,00 per progetti proposti da singole PMI o singoli lavoratori autonomi.
    DOMANDE: on line dal 9 luglio e fino alla data stabilita da un successivo decreto.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CONTRATTO DI SVILUPPO: anche partecipazione al capitale per le imprese ubicate in Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Abuzzo, Molise e Sardegna.

    SABATINI 150

    CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0CONTRATTO DI SVILUPPO: ora possibili anche partecipazione al capitale per le imprese ubicate in Campania, Calabria, Puglia, Basilicata, Abuzzo, Molise e Sardegna.
    Si tratta della pubblicazione del D.M.23 marzo 2018 in materia di contratti di sviluppo. 
    NUOVE RISORSE: il MISE ha destinato 20 milioni di € per attivare una nuova agevolazione nell'ambito dei contratti di sviluppo.
    NOVITA': il Decreto prevede che Invitalia, oltre a concedere contributi e finanziamenti, possa assumere, su richiesta del soggetto proponente, anche partecipazioni temporanee e di minoranza nel capitale sociale dell'impresa.
    REGIONI AMMESSE ALLA PARTECIPAZIONE:  per le sole iniziative ubicate nelle Regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e oggetto di Accordi di programma o di sviluppo finalizzati al rilancio produttivo di stabilimenti industriali di rilevanti dimensioni, altrimenti dismessi o comunque nei quali l’attività produttiva è stata o verrebbe interrotta.
    PARTECIPAZIONE: deve essere acquisita, gestita e dismessa dal soggetto gestore prevedendo l’apporto di risorse finanziarie da parte di investitori privati indipendenti in misura economicamente rilevante, per un ammontare pari almeno al 50% dell’operazione.
    QUASI EQUITY: in aggiunta all’acquisizione della partecipazione di minoranza, che può essere detenuta per un arco temporale non superiore a 5 anni, Invitalia può realizzare investimenti in quasi equity, compresi i prestiti obbligazionari, rilasciare garanzie o effettuare una combinazione di tali strumenti in favore delle impresa partecipate.
    L CONTRATTO DI SVILUPPO: è il principale strumento di incentivazione destinato alle imprese che, singolarmente o in forma associata intendono realizzare investimenti di grande dimensione nel nostro Paese nei settori industriale, turistico e della tutela ambientale.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori. 
    INVESTIMENTO MINIMO DELL'IMPRESA PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, Trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni.
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.
    BENEFICIARI: imprese italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI : le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: -Finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; -Contributo in conto interessi; -Contributo in conto impianti; -Contributo diretto alla spesa.
    IL DECRETO 23 MARZO 2018: è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 144  del 23 giugno 2018.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • Al via il Credito d'imposta nazionale per la formazione 4.0: 40% delle spese in compensazione.

    LIQUIDITà 150

    CREDITO DI IMPOSTA FORMAZIONECREDITO D'IMPOSTA NAZIONALE PER LA FORMAZIONE: al via il credito d'imposta nazionale per gli investimenti effettuati dalle imprese per la formazione del personale negli ambiti funzionali al processo di trasformazione tecnologica e digitale 4.0. Il decreto attuativo è stato pubblicato nella Gazzetta ufficiale del 22 giugno 2018.
    FINALITà: stimolare gli investimenti delle imprese nella formazione del personale nelle materie aventi a oggetto le tecnologie rilevanti per il processo di trasformazione tecnologica e digitale delle imprese previsto dal “Piano Nazionale Impresa 4.0”, cosiddette “tecnologie abilitanti”.
    BENEFICIARI: possono accedere al beneficio tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali. Enti non commerciali residenti svolgenti attività commerciali rilevanti ai fini del reddito d'impresa. Imprese residenti all'estero con stabili organizzazioni sul territorio italiano.
    AGEVOLAZIONE: credito d'imposta del 40% delle spese relative al personale dipendente impegnato nelle attività di formazione ammissibili, limitatamente al costo aziendale riferito alle ore o alle giornate di formazione, sostenute nel periodo d'imposta agevolabile e nel limite massimo di 300.000 euro per ciascun beneficiario, pattuite attraverso contratti collettivi aziendali o territoriali.
    DOMANDA DI ACCESSO: si accede in maniera automatica in fase di redazione del bilancio, con successiva compensazione mediante presentazione del modello F24 in via esclusivamente telematica all'Agenzia delle Entrate. Sussistono obblighi di documentazione contabile certificata.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • SABATINI: agevolazioni per acquisto macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali, a giugno ancora disponibili 212 milioni

    NUOVA SABATINI 2017 2018FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150NUOVA SABATINI: a giugno ancora disponibili 212 milioni milioni per le imprese, in tutta Italia.
    OBIETTIVO: finanziamenti a tasso zero per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    MASSIAMALE: i finanziamenti coprono il 100% dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta. Procedura a sportello.

     

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro, senza garanzie, anche per liquidità. Domande a sportello.

    PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITAFINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro anche per liquidità. Domande a sportello.
    Si tratta di finanziamenti senza garanzie reali concesse ai possessori di un reddito di qualsiasi tipologia e senza vincoli di destinazione.
    AGEVOLAZIONE: mancanza di richiesta di garanzie reali.
    BENEFICIARI: Privati, imprenditori e professionisti, anche pensionati, che siano in possesso di un reddito di qualsiasi tipologia.
    REQUISITI: assenza di eventi negativi pregiudizievoli o segnalazioni alla centrale rischi.
    FINALITA': qualsiasi finalità, anche per incrementare il capitale proprio.
    CUMULABILITA': il presente finanziamento è cumulabile con qualsiasi altra agevolazione regionale, statale o europea, e pertanto essendo esente da aiuti di stato è possibile utilizzarlo anche come quota di capitale proprio necessaria all'accesso ai progetti che prevedono contributi a fondo perduto quale quota di capitale proprio a carico del richiedente.
    TERRITORIALITA': lo strumento è operativo in tutto il territorio nazionale.
    MASSIMALE FINANZIABILE: fino a 60.000 euro.
    IMPORTI SUPERIORI: per richieste di importo superiore a 60.000 euro e per finalità diverse dalla liquidità,  sono possibili altre agevolazioni o forme di finanziamento, con caratteristiche differenziate a seconda degli importi richiesti e delle finalità.
    GARANZIE: in certi casi, per le imprese, può essere richiesta la garanzia agevolata di cui alla L.662/90 o di un confidi.
    TEMPISTICA  DI EROGAZIONE: pochi giorni.
    RESTITUZIONE: fino a 10 anni.
    DOMANDE A SPORTELLO.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • Al via il credito d’imposta del 50% per le PMi che decidono di quotarsi.


    CREDITO DI IMPOSTA QUOTAZIONE PMIVENDERE LAZIENDA 150 MISE: al via il credito d’imposta per le PMI che decidono di quotarsi in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo.
    CREDITO D'IMPOSTA: Il credito d’imposta sostiene le PMI che decidono di quotarsi in un mercato regolamentato o in sistemi multilaterali di negoziazione di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo.
    CREDITO DI IMPOSTA: le PMI potranno usufruire di un credito d’imposta pari al 50% delle spese di consulenza sostenute, fino a un massimo di 500.000 euro.
    NORMATIVA:
    il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 23 aprile 2018 definisce le modalità e i criteri di concessione.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE, MISE: pubblicati gli importi dei contributi concessi alle imprese

    mise voucher digitalizzazione pmi LIQUIDITà 150VOUCHER DIGITALIZZAZIONE, MISE: pubblicati gli importi dei contributi concessi alle imprese assegnatarie dei voucher.

    DECRETO: con il decreto direttoriale 1 giugno 2018 è approvato l'elenco, consultabile per regione, delle imprese assegnatarie delle agevolazioni contenente l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato. Nel medesimo provvedimento sono indicate anche le istanze non agevolabili.
    ELENCO IMPRESE ASSEGNTARIE DEL VOUCHER :é disponibile e consultabile per regione l'elenco delle imprese assegnatarie delle agevolazioni con l’indicazione dell’importo del Voucher prenotato.
    L’elenco è stato definito a seguito dell’integrazione della dotazione finanziaria dell’intervento, avvenuta con il decreto ministeriale 23 marzo 2018, e dell’espletamento dei controlli amministrativi su tutte le domande presentate.
    ULTIMAZIONE DEL PROGETTO: si ricorda che il progetto di digitalizzazione dei processi aziendali e ammodernamento tecnologico deve avere una durata non superiore a 6 mesi (a decorrere dal 14 marzo 2018) e pertanto deve essere ultimato entro il 14 settembre 2018.
    RICHIESTA DI EROGAZIONE: le imprese assegnatarie del Voucher, a seguito della realizzazione del progetto e del pagamento a saldo di tutte le relative spese, possono presentare la richiesta di erogazione a partire dal 14 settembre 2018 e per i successivi 90 giorni.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • MISE: in arrivo 560 milioni per fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita

    RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITALIQUIDITà 150MISE: in arrivo 560 milioni per fabbrica intelligente, agrifood e scienze della vita
    Il Ministero ha avviato un nuovo intervento per promuovere l'innovazione e accrescere la competitività delle imprese italiane. 
    La misura prevede l'agevolazione di progetti di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale (R&S) nei settori applicativi della Strategia nazionale di specializzazione intelligente relativi a:
    -Fabbrica intelligente; - Agrifood; -Scienze della vita.
    RISORSE: sono disponibili oltre 560 milioni di euro. La destinazione territoriale delle risorse prevede 287,6 milioni per le regioni meno sviluppate (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), 100 milioni per le regioni in transizione (Abruzzo, Molise e Sardegna) e 175,1 milioni alle restanti regioni.
    PROCEDURA VALUTATIVA NEGOZIALE: l'intervento sarà attuato con la procedura valutativa negoziale prevista per gli Accordi per l'innovazione. 
    PROCEDURA VALUTATIVA A SPORTELLO: per i progetti più piccoli, con costi ammissibili fino a 5 milioni di euro, sarà applicata la procedura valutativa a sportello.
    BENEFICIARI: imprese di qualsiasi dimensione che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria (attività di cui all’art. 2195 del c.c., nn. 1, 3 e 5), e i centri di ricerca. 
    Per i soli progetti congiunti (fino a tre, per la procedura a sportello e fino a cinque per quella negoziale), anche gli Organismi di ricerca e, per i progetti del settore applicativo “Agrifood”, anche
    le imprese agricole che esercitano le attività di cui all’art. 2135 c.c.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concedibili nella forma del contributo alla spesa e del finanziamento agevolato, in misura coerente con i limiti fissati dal regolamento (UE) n. 651/2014.
    PON IMPRESE E COMPETITIVITÀ: le risorse sono a valere sul PON Imprese e Competitività 2014-2020 FESR e sul Fondo per la crescita sostenibile.
    DOMANDE: i termini di apertura e le modalità di presentazione delle domande saranno definiti con successivo provvedimento.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CALABRIA: bando internazionalizzazione 2018, Incentivi all'acquisto di servizi per l'internazionalizzazione in favore delle PMI.

    CALABRIA INTERNAZIONALIZZAZIONE BANDO 2018CALABRIA: pubblicato in pre-informazione il bando internazionalizzazione 2018, incentivi all'acquisto di servizi per l'internazionalizzazione in favore delle PMI.FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150

    OBIETTIVI: la Regione Calabria mira a incrementare e qualificare la quota di esportazione dei prodotti e dei servizi delle imprese regionali sui mercati esteri, favorendo l’apertura del sistema produttivo calabrese.
    BENEFICIARI: Le PMI calabresi; I lavoratori autonomi calabresi, anche in associazione; I consorzi, le società consortili di imprese, le reti di PMI calabresi già costituiti e comprensivi di almeno 4 imprese.
    INIZIATIVE AMMESSE: il bando prevede la concessione di aiuti esclusivamente per iniziative ricadenti nelle aree di innovazione della Smart Specilization Strategy (S3) della Regione Calabria, ossia: Agroalimentare; Edilizia sostenibile; Turismo e Cultura; Logistica; ICT e Terziario Innovativo; Smart Manufacturing; Ambiente e Rischi Naturali; Scienze della vita.
    INTERVENTI AMMESSI: l’Avviso sostiene la realizzazione progetti per l’export, riferiti a non più di due paesi target individuati nel Programma Attuativo 2017/2018 per l’internazionalizzazione. Gli interventi dovranno riguardare:
    -La partecipazione a fiere e saloni internazionali e la realizzazione di eventi collaterali alle manifestazioni fieristiche internazionali;
    -La realizzazione di sale espositive e uffici temporanei all’estero;
    -La promozione di incontri bilaterali e partnership tra operatori italiani ed esteri;
    -L’attivazione di azioni di comunicazione sui mercati esteri;
    -Il rafforzamento dell’organizzazione delle imprese per l’internazionalizzazione;
    -La certificazione per l’export.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni «de minimis» sono concesse nella forma di un contributo a fondo perduto nella misura massima del 70% delle spese ammissibili, fino all’importo massimo di:
    - € 200.000,00 per progetti proposti da consorzi/società consortili, reti di imprese o associazioni tra lavoratori autonomi;
    - € 50.000,00 per progetti proposti da singole PMI o singoli lavoratori autonomi.
    DOMANDE: on line a decorrere dalla data che sarà fissata con successivo decreto.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • Credito di Imposta per Investimenti nel mezzogiorno: procedura di ammissione

    credito di imposta sud 45Credito di Imposta per Investimenti nel mezzogiorno: dal Mise la nuova procedura  per la fruizione da parte delle piccole e medie imprese del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno ubicate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150

    BONUS SUD: pubblicato il decreto direttoriale del 23 aprile 2018 dal Ministero dello Sviluppo economico (MiSE) che ha definito la procedura di ammissione delle PMI alle risorse del PON Imprese e Competitività 2014-2020, relativamente al credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, noto anche come Bonus investimenti Sud.
    ALIQUOTE: grandi aziende 25%; medie imprese si passal 35%;  piccole imprese 45%.
    BENEFICIARI sono tutte le società e gli enti titolari di reddito d’impresa ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo). 
    CONTRIBUTO: il beneficio consiste nel riconoscimento di un credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi effettuati tra il 2016 e il 2019 a partire dalla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL, quindi per tutti gli acquisti effettuati successivamente a tale data.
    CONTRIBUTO: la misura dell’agevolazione è differenziata in relazione alle dimensioni aziendali: 45% PMI; 35% Medie Imprese; 25% Grandi Imprese.
    CUMULABILITA': Il Credito di Imposta è anche cumulabile con il superammortamento.
    MASSIMALE: tetto massimo per ciascun progetto d’investimento 3 milioni di euro e 10 milioni per le medie imprese.
    INVESTIMENTI AMMESSI: investimenti facenti parte di un progetto di investimento iniziale relativi all’acquisto, anche tramite leasing, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive nuove o già esistenti.
    PERIODO AMMESSO: investimenti realizzati a decorrere dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019 effettuati successivamente alla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • INVITALIA: RESTO AL SUD: ecco la video guida per predisporre la domanda on line

    RESTO AL SUD INVITALIAINVITALIA: RESTO AL SUD: publicata la video guida per predisporre la domanda on line. FINANZIAMENTO SU ANTICIPO FATTURE 48 ore.150Gli esperti di Invitalia chiariscono alcuni degli aspetti più importanti delle agevolazioni e rispondono alle più frequenti richieste di informazioni provenienti dai potenziali beneficiari.
    Ecco tre sintetiche video-guide rivolte a chi vuole chiedere i finanziamenti o a chi li ha già chiesti e desidera comprendere meglio le fasi successive. Per le video guide leggi tutto l'articolo.
    RESTO AL SUD: si tratta di un agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi. I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici. 
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CESSIONE CREDITI PRO SOLUTO: possibilità di incassare subito i crediti verso la pubblica amministrazione

    CESSIONE PRO SOLUTO 250CESSIONE CREDITI PRO SOLUTO: possibilità di incassare subito i crediti verso la pubblica amministrazione.
    DURATA PROCEDURA: 15 giorni.
    BENEFICIARI: tutti i creditori verso le pubbliche amministrazioni, nessun limite di fatturato, dimensioni, settore operativo.
    REQUISITI IMPRESA CEDENTE: assenza di segnalazioni negative, regolarità contributiva e erariale.
    REQUISITI CREDITI DA CEDERE: i crediti devono essere certificati come certi ed esigibili, attraverso la piattaforma on line dei crediti commerciali (PCC) del Ministero dell'Economia e delle Finanze, con possibilità di assistenza gratuita per ottenere la certificazione.
    CESSIONE PRO SOLUTO: a titolo definitivo e senza essere registrata alla centrale rischi con incasso in unica soluzione e trasferimento della gestione del rischio di credito.
    LIQUIDITA' OTTENIBILE SUL CREDITO: fino al 99% del valore nominale.
    VANTAGGI DELLA CESSIONE PRO SOLUTO: non incide nell'affidamento complessivo bancario dell'impresa e quindi maggiori possibilità di affidamenti bancari.
    IMPATTO SUL BILANCIO: positivo, in quanto comporta un miglioramento del rating.
    TIPOLOGIE DI CREDITI CEDIBILI: forniture, appalti, inclusi stati di avanzamanto lavori.
    IMPORTO MINIMO CEDIBILE: 30.000 €
    ISTRUTTORIA: gratuita, non ci sono spese notarili e il tasso di sconto è deducibile fiscalmente.
    EROGAZIONE DEL SERVIZIO: il prodotto finanziario non è erogato direttamente da Italia Contributi, ma da un operatore finanziario specializzato.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • CAMPANIA, LIGURIA E UMBRIA: al via le domande per il sostegno alle aree industriali. LIGURIA (Savona), CAMPANIA (Acerra) e UMBRIA (Terni e Narni).

    AREE DI CRISI SAVONA TERNI NARNI E ACERRALIQUIDITà 150CAMPANIA, LIGURIA E UMBRIA: al via le domande per il sostegno alle aree industriali. LIGURIA (Savona), CAMPANIA (Acerra) e UMBRIA (Terni e Narni).
    Al via nelle aree di crisi di Savona, Terni-Narni e Acerra gli interventi per promuovere iniziative imprenditoriali finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.
    RISORSE: Per la concessione delle agevolazioni sono disponibili, a valere sulle risorse della legge n. 181/1989: 20 milioni per l’area di crisi di Savona; 20 milioni per l’area di crisi di Terni-Narni; 6 milioni e 300 mila euro per l’area di crisi di Acerra.
    INIZIATIVE AMMESSE: sono ammissibili alle agevolazioni, purché realizzate nel territorio dei Comuni agevolati, le iniziative che prevedano la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione, con spese ammissibili non inferiori a 1,5 milioni di euro.

    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, entro i limiti previsti dal regolamento UE n. 651/2014 (“Regolamento GBER”).
    ITER ISTRUTTORIO. l’iter istruttorio prevede essenzialmente tre fasi:
    - verifica, per tutte le domande presentate, della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni;
    - per le sole Aree di Savona e Terni–Narni la definizione della graduatoria, sulla base delle griglie di valutazione definite nei rispettivi Avvisi;
    - valutazione delle domande, secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili.
    DOMANDE: le domande per l’accesso alle agevolazioni potranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a. Invitalia a partire dal 15 giugno 2018 per l’area di crisi di Acerra, dal 2 luglio per Savona, dal 2 luglio per Terni e Narni.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: in sole 48 ore.

    anticipo fatture 90 in 48 oreFINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: si tratta della possibilità di ottenere in 48 ore il 90% dell' importo delle tue fatture e il rimanente 10% alla scadenza.
    CESSIONE DEL CREDITO: non si tratta di un conto antipici bancario ma di una cessione di credito, pertanto non influisce su eventuale castelletto o affidamento già concesso con la tua banca, e non costituisce un ulteriore affidamento, pertanto non ci sono limiti massimi. Si tratta di una procedura di factoring.
    GARANZIE: nessuna.
    REQUISITI: il credito deve essere certo ed esigibile e il debitore deve essere affidabile e avere un fatturato minimo di 1.000.000 € e almeno 1 bilancio depositato.
    TEMPI: preventivo entro 48 ore. 
    PREVENTIVO: gratuito, non vincolante e non comporta alcun tipo di notifica né al tuo cliente, né a SIC o centrali rischi private.
    PROCEDURA: anche completamente digitale dal preventivo, alla comunicazione del plafond ammesso e alla quotazione per il finanziamento. 
    FIRMA DEL CONTRATTO anche in modalità telematica con con firma digitale.
    TERRITORIALITA': MISURA OPERATIVA IN TUTTA ITALIA.
    EROGAZIONE DEL SERVIZIO: il prodotto finanziario non è erogato direttamente da Italia Contributi, ma da un operatore finanziario specializzato.
    COSTI: NESSUN COSTO FISSO pagherai solo se accetti il preventivo e se non accetti non paghi nulla.
    ADEMPIMENTI: il tuo cliente continuerà a pagare la fattura regolarmente sul tuo IBAN.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE PER LE PMI: il Mise ha stanziato ulteriori 242 milioni e presto verrà comunicato l'importo del voucher.

    mise voucher digitalizzazione pmi VENDERE LAZIENDA 150 VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: stanziati ulteriori 242 mln per le Pmi.
    ULTERIORI RISORSE: il Ministro dello Sviluppo Economico Carlo Calenda ha disposto con decreto l’integrazione della dotazione finanziaria dei Voucher per la digitalizzazione delle PMI per 242,5 milioni di euro.
    RISORSE COMPLESSIVE:  le risorse complessivamente disponibili per la concessione del contributo salgono, così, a 342,5 milioni di euro.
    DOMANDE PRESENTATE:  la decisione è stata presa, a fronte di oltre 90.000 domande presentate, per evitare che il riparto delle risorse stanziate all’origine  (100 milioni di euro per l’intero territorio nazionale) sia sensibilmente inferiore a quello richiesto dalla singola impresa.
    IMPORTO DEL VOUCHER: nei prossimi giorni verrà comunicato l’importo del Voucher concedibile a ciascuna impresa per la realizzazione dei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico proposti.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro, senza garanzie, anche per liquidità. Domande a sportello.

    PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITAFINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro anche per liquidità. Domande a sportello.
    Si tratta di finanziamenti senza garanzie reali concesse ai possessori di un reddito di qualsiasi tipologia e senza vincoli di destinazione.
    AGEVOLAZIONE: mancanza di richiesta di garanzie reali.
    BENEFICIARI: Privati, imprenditori e professionisti, anche pensionati, che siano in possesso di un reddito di qualsiasi tipologia.
    REQUISITI: assenza di eventi negativi pregiudizievoli o segnalazioni alla centrale rischi.
    FINALITA': qualsiasi finalità, anche per incrementare il capitale proprio.
    CUMULABILITA': il presente finanziamento è cumulabile con qualsiasi altra agevolazione regionale, statale o europea, e pertanto essendo esente da aiuti di stato è possibile utilizzarlo anche come quota di capitale proprio necessaria all'accesso ai progetti che prevedono contributi a fondo perduto quale quota di capitale proprio a carico del richiedente.
    TERRITORIALITA': lo strumento è operativo in tutto il territorio nazionale.
    MASSIMALE FINANZIABILE: fino a 60.000 euro.
    IMPORTI SUPERIORI: per richieste di importo superiore a 60.000 euro e per finalità diverse dalla liquidità,  sono possibili altre agevolazioni o forme di finanziamento, con caratteristiche differenziate a seconda degli importi richiesti e delle finalità.
    GARANZIE: In certi casi, per le imprese, può essere richiesta la garanzia agevolata di cui alla L.662/90 o di un confidi.
    TEMPISTICA  DI EROGAZIONE: pochi giorni.
    RESTITUZIONE: fino a 10 anni.
    DOMANDE A SPORTELLO.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • NUOVA SABATINI: al 2 maggio 2018 ancora disponibili 282 milioni per le imprese, in tutta Italia, per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.

    NUOVA SABATINI 2017 2018NUOVA SABATINI: al 2 maggio 2018 ancora disponibili 282 milioni per le imprese, in tutta Italia, per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: - Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE GIA' ATTIVE DA ALMENO UN ANNO: QUALSIASI IMPORTO CON L'AUSILIO DELLE GARANZIE STATALI, ANCHE PER LIQUIDITA', SCORTE, CIRCOLANTE, INVESTIMENTI O ALTRO.

    PULSANTE FINANZIAMENTI PER LE IMPRESENUOVA LINEA DI CREDITO: si tratta di finanziamenti bancari con l'ausilio dei Fondi Bei e del Fondo Centrale di Garanzia di cui alla L. 662, con l'utilizzo di una linea di credito integrata dalle Banche assegnatarie dei fondi e convenzionate.
    FINANZIAMENTI: I finanziamenti saranno erogati attraverso le Banche convenzionate e sono rivolti alle imprese di dimensioni medio piccole.
    PROGETTI FINANZIABILI: sono finanziabili nuovi progetti e progetti di ampliamento, di qualsiasi importo.
    PROGETTI AMMISSIBILI: oggetto dei prestiti saranno sia nuovi progetti sia quelli in corso non ancora ultimati.
    SETTORI AMMESSI : gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, artigianato, industria, commercio, turismo e servizi.
    INTERVENTI AMMESSI: l’acquisto, la costruzione, l’ampliamento e la ristrutturazione di fabbricati; l’acquisto di impianti, attrezzature, automezzi o macchinari; le spese, gli oneri accessori e le immobilizzazioni immateriali collegate ai progetti, incluse le spese di ricerca, sviluppo e innovazione; la necessità permanente di capitale circolante legata all’attività operativa, liquidità, scorte e altre esigenze.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • Credito di Imposta per Investimenti nel mezzogiorno: nuova procedura

    credito di imposta sud 45Credito di Imposta per Investimenti nel mezzogiorno: dal Mise la nuova procedura  per la fruizione da parte delle piccole e medie imprese del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno ubicate in Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.
    BONUS SUD: pubblicato il decreto direttoriale del 23 aprile 2018 dal Ministero dello Sviluppo economico (MiSE) che ha definito la procedura di ammissione delle PMI alle risorse del PON Imprese e Competitività 2014-2020, relativamente al credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, noto anche come Bonus investimenti Sud.
    ALIQUOTE: grandi aziende 25%; medie imprese si passal 35%;  piccole imprese 45%.
    BENEFICIARI sono tutte le società e gli enti titolari di reddito d’impresa ubicate nelle regioni del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo). 
    CONTRIBUTO: il beneficio consiste nel riconoscimento di un credito d’imposta per l’acquisto di beni strumentali nuovi effettuati tra il 2016 e il 2019 a partire dalla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL, quindi per tutti gli acquisti effettuati successivamente a tale data.
    CONTRIBUTO: la misura dell’agevolazione è differenziata in relazione alle dimensioni aziendali: 45% PMI; 35% Medie Imprese; 25% Grandi Imprese.
    CUMULABILITA': Il Credito di Imposta è anche cumulabile con il superammortamento.
    MASSIMALE: tetto massimo per ciascun progetto d’investimento 3 milioni di euro e 10 milioni per le medie imprese.
    INVESTIMENTI AMMESSI: investimenti facenti parte di un progetto di investimento iniziale relativi all’acquisto, anche tramite leasing, di macchinari, impianti e attrezzature varie destinati a strutture produttive nuove o già esistenti.
    PERIODO AMMESSO: investimenti realizzati a decorrere dal 1° gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2019 effettuati successivamente alla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL.
    DOMANDE: dalla data di pubblicazione della Legge di conversione del DL. fino al31 dicembre 2019.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • LIGURIA (Savona), CAMPANIA (Acerra) e UMBRIA (Terni e Narni) Attivati interventi per le aree di crisi di Savona, Terni-Narni e Acerra

    AREE DI CRISI SAVONA TERNI NARNI E ACERRAAttivati nelle aree di crisi di Savona, Terni-Narni e Acerra gli interventi per promuovere iniziative imprenditoriali finalizzate al rafforzamento del tessuto produttivo locale e all’attrazione di nuovi investimenti.
    RISORSE: Per la concessione delle agevolazioni sono disponibili, a valere sulle risorse della legge n. 181/1989: 20 milioni per l’area di crisi di Savona; 20 milioni per l’area di crisi di Terni-Narni; 6 milioni e 300 mila euro per l’area di crisi di Acerra.
    INIZIATIVE AMMESSE: sono ammissibili alle agevolazioni, purché realizzate nel territorio dei Comuni agevolati, le iniziative che prevedano la realizzazione di programmi di investimento produttivo e/o programmi di investimento per la tutela ambientale, eventualmente completati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione, con spese ammissibili non inferiori a 1,5 milioni di euro.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni sono concesse nella forma del contributo in conto impianti, dell’eventuale contributo diretto alla spesa e del finanziamento agevolato, entro i limiti previsti dal regolamento UE n. 651/2014 (“Regolamento GBER”).
    ITER ISTRUTTORIO. l’iter istruttorio prevede essenzialmente tre fasi:
    - verifica, per tutte le domande presentate, della sussistenza dei requisiti per l’accesso alle agevolazioni;
    - per le sole Aree di Savona e Terni–Narni la definizione della graduatoria, sulla base delle griglie di valutazione definite nei rispettivi Avvisi;
    - valutazione delle domande, secondo l’ordine della graduatoria e fino all’esaurimento dei fondi disponibili.
    DOMANDE: le domande per l’accesso alle agevolazioni potranno essere presentate all’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo di impresa S.p.a. – Invitalia (Soggetto gestore) a partire dal 15 giugno 2018 per l’area di crisi di Acerra e nel periodo 2 luglio-17 settembre 2018 per le aree di crisi di Savona e di Terni-Narni,

     

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IPER E SUPER AMMORTAMENTO: requisiti, modalità di accesso e approfondimenti.

    SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTOIPER E SUPER AMMORTAMENTO: Supportare e incentivare le imprese che investono in beni strumentali nuovi, in beni materiali e immateriali (software e sistemi IT) funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi.
    AGEVOLAZIONE IPER-AMMORTAMENTO: supervalutazione del 250% degli investimenti in beni materiali nuovi, dispositivi e tecnologie abilitanti la trasformazione in chiave 4.0 acquistati o in leasing
    AGEVOLAZIONE SUPERAMMORTAMENTO: supervalutazione del 140% degli investimenti in beni strumentali nuovi acquistati o in leasing. Per chi beneficia dell’iperammortamento possibilità di fruire dell’agevolazione anche per gli investimenti in beni strumentali immateriali (software e sistemi IT).
    CUMULABILITA' : il beneficio è cumulabile con: -Nuova Sabatini; -Credito d’imposta per attività di Ricerca e Sviluppo; -Patent Box; -Incentivi alla patrimonializzazione delle imprese (ACE); -Incentivi agli investimenti in Start up e PMI innovative; -Fondo Centrale di Garanzia
    BENEFICIARI: tutti i soggetti titolari di reddito d’impresa, comprese le imprese individuali assoggettate all’IRI, con sede fiscale in Italia, incluse le stabili organizzazioni di imprese residenti all’estero, indipendentemente dalla forma giuridica, dalla dimensione aziendale e dal settore economico in cui operano.
    Per gli investimenti in iper-ammortamento superiori a 500.000 € per singolo bene è necessaria una perizia tecnica giurata da parte di un perito o ingegnere iscritti nei rispettivi albi professionali attestante che il bene possiede caratteristiche tecniche tali da includerlo negli elenchi di cui all’allegato A o all’allegato B della legge di Bilancio 2017.
    DOMANDA DI ACCESSO:  in fase di redazione di bilancio e tramite autocertificazione.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • FINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: in sole 48 ore.

    anticipo fatture 90 in 48 oreFINANZIAMENTO PER ANTICIPO FATTURE: si tratta della possibilità di ottenere in 48 ore il 90% dell' importo delle tue fatture e il rimanente 10% alla scadenza.
    CESSIONE DEL CREDITO: non si tratta di un conto antipici bancario ma di una cessione di credito, pertanto non influisce su eventuale castelletto o affidamento già concesso con la tua banca, e non costituisce un ulteriore affidamento, pertanto non ci sono limiti massimi. Si tratta di una procedura di factoring.
    GARANZIE: nessuna.
    REQUISITI: il credito deve essere certo ed esigibile e il debitore deve essere affidabile e avere un fatturato minimo di 1.000.000 € e almeno 1 bilancio depositato.
    TEMPI: preventivo entro 48 ore. 
    PREVENTIVO: gratuito, non vincolante e non comporta alcun tipo di notifica né al tuo cliente, né a SIC o centrali rischi private.
    PROCEDURA: anche completamente digitale dal preventivo, alla comunicazione del plafond ammesso e alla quotazione per il finanziamento. 
    FIRMA DEL CONTRATTO anche in modalità telematica con con firma digitale.
    TERRITORIALITA': MISURA OPERATIVA IN TUTTA ITALIA.
    EROGAZIONE DEL SERVIZIO: il prodotto finanziario non è erogato direttamente da Italia Contributi, ma da un operatore finanziario specializzato.
    COSTI: NESSUN COSTO FISSO pagherai solo se accetti il preventivo e se non accetti non paghi nulla.
    ADEMPIMENTI: il tuo cliente continuerà a pagare la fattura regolarmente sul tuo IBAN.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • NUOVA SABATINI: 320 milioni disponibili per le imprese, in tutta Italia, per investimenti in macchinari, impianti, attrezzature, beni strumentali, arredi e tecnologie digitali.

    NUOVA SABATINI 2017 2018NUOVA SABATINI: la legge di Bilancio 2018 ha rifinanziato con 550 milioni di euro e prorogato al 2023 la misura per le agevolazioni alle imprese che effettuano investimenti e ha disposto anche una riserva specifica del 30% per gli investimenti industria 4.0, per i quali è prevista una maggiorazione del contributo del 30%.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: - Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. 
    DOMANDE: misura aperta. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • PRESTITO PER SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

    PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250PRESTITO PER SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE:
    si tratta di un finanziamento per le imprese a tasso fisso o variabile destinato a finanziare l’approvvigionamento di scorte di materie prime e di prodotti finiti o a reintegrare il capitale circolante.
    Il finanziamento, nelle Regioni in cui è possibile, può essere integrato dagli interventi agevolativi previsti dalla Legge 949/52, oppure dale garanzia di cui alla Legge 662 o in alternativa con garanzia confidi.
    BENEFICIARI: ditte individuali, Società di persone e Società d capitali anche neo costituite.
    FINALITA': il prestito “Scorte” finanzia la costituzione di scorte, materie prime e semilavorati oppure la formazione di piccole quantità di scorte e il reintegro del capitale circolante.
    IMPORTO FINANZIABILE: i
    l finanziamento prevede: un importo minimo di 10.000 euro fino ad un importo massimo pari a 1.000.000 euro.
    DURATA: è prevista una durata di 2, 3, 4, 5 anni + periodo di preammortamento.
    E' possibile estendere la durata di 10 anni, in presenza di garanzia reale.
    TASSO: fisso in funzione dell’IRS (parametrato alla durata del finanziamento), variabile in funzione dell’Euribor (parametrato alla periodicità di rata).
    PREAMMORTAMENTO: a rata costante solo interessi in funzione della periodicità.
    MODALITA' DI EROGAZIONE: Il finanziamento è erogato in unica soluzione con accredito in c/c.
    MODALITA' DI RIMBORSO: il rimborso si basa su modello rateale con addebito in c/c.
    PERIODICITA' RATA: la rata può essere rimborsata con modalità diverse in base alle esigenze finanziarie del cliente, ossia mensile, trimestrale o semestrale.
    GARANZIE: il finanziamento può anche essere garantito da ipoteca, pegno, privilegio, fidejussione o garanzia confidi.
    DOMANDE: Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RESTO AL SUD, PUBBLICATE LE FAQ PER LE AGEVOLAZIONI PER I GIOVANI DEL MEZZOGIORNO CHE INTENDONO METTERSI IN PROPRIO.

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD, PUBBLICATE LE FAQ PER LEAGEVOLAZIONI PER I GIOVANI DEL MEZZOGIORNO CHE INTENDONO METTERSI IN PROPRIO.
    RESTO AL SUD: si tratta di un agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi. I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: dal 14 settembre 2018 sarà possibile presentare la richiesta di erogazione del contributo.

    mise voucher digitalizzazione pmi VOUCHER PER LA DIGITALIZZAZIONE DELLE PMI: Il Mise ha pubblicato il Decreto che fissa la data a partire dalla quale è possibile presentare la richiesta di erogazione del Voucher da parte delle imprese assegnatarie delle agevolazioni.
    Le imprese iscritte nel provvedimento cumulativo di prenotazione di cui all’articolo 4, comma l, del decreto direttoriale 24 ottobre 2017 possono presentare le richieste di erogazione a partire dal 14 settembre 2018 ed entro il termine ultimo previsto dall’articolo 6, comma 9, del medesimo decreto, come sostituito dal decreto direttoriale 14 marzo 2018.
    In particolare le imprese che non presentano la richiesta di erogazione delle agevolazioni entro 90 giorni dalla scadenza del termine dei 6 mesi per l’ultimazione del progetto agevolato di cui all’articolo 5, comma 1, lettera b), decadono dalle agevolazioni e le relative risorse finanziarie rientrano nella disponibilità del Ministero.
    È disponibile online l'elenco, consultabile per regione, delle imprese alle quali risulta assegnabile il Voucher per la digitalizzazione delle PMI.
    Nell'elenco non è indicato l'importo del Voucher concedibile, in quanto il Ministero, considerato che il riparto delle risorse oggi disponibili tra le oltre 90.000 domande presentate condurrebbe all'assegnazione di un'agevolazione sensibilmente inferiore a quella richiesta dalla singola impresa, sta verificando la possibilità di integrare la copertura finanziaria dell'intervento.
    In ogni caso, dal 15 marzo 2018 le imprese possono cominciare ad effettuare  le spese programmate nei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico presentati.
    Con un successivo decreto si provvederà a pubblicare l'elenco delle imprese per le quali le previste verifiche sulle dichiarazioni rilasciate all'atto della domanda si saranno concluse positivamente e a indicare l'importo del Voucher assegnato a ciascuna impresa, determinato sulla base delle risorse finanziarie che sarà stato possibile destinare complessivamente all'intervento.
    Leggi tutto l'articolo per scaricare l'elenco delle imprese ammissibili.
    EVENTUALE PRE-FINANZIAMENTO:E' DISPONIBILE PER LE IMPRESE AMMESSE ALLE AGEVOLAZIONI, CHE DESIDERANO UNA ANTICIPAZIONE FINANZIARIA, UN PRE-FINANZIAMENTO A CONDIZIONI ORDINARIE: Chiedi Informazioni

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: pubblicata la nuova guida nazionale per le agevolazioni 2018

    RISTRUTTURAZIONI EDILIZIEBONUS E AGEVOLAZIONI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: pubblicata la nuova guida 2018.
    Si tratta del bonus prorogato al 31 dicembre 2018, della detrazione del 50% per le ristrutturazioni edilizie e per l'acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici. Inoltre gli interventi di riqualificazione energetica possono godere della detrazione fino al 65%.
    L’AGEVOLAZIONE FISCALE SUGLI INTERVENTI DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA è disciplinata dall’art. 16-bis del Dpr 917/86 e consiste in una detrazione dall’Irpef del 36% delle spese sostenute, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 48.000 euro per unità immobiliare.
    DETRAZIONE MAGGIORATA: per le spese sostenute dal 26 giugno 2012 al 31 dicembre 2018 è possibile usufruire di una detrazione più elevata (50%) e il limite massimo di spesa è di 96.000 euro.
    La detrazione deve essere ripartita in 10 quote annuali di pari importo.

    DETRAZIONE IRPEF PER ACQUISTO FABBRICATI: è prevista, inoltre, una detrazione Irpef, entro l’importo massimo di 96.000 euro, anche per chi acquista fabbricati a uso abitativo ristrutturati.
    In particolare, la detrazione spetta nel caso di interventi di restauro e risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, riguardanti interi fabbricati, eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie, che provvedano entro 18 mesi dalla data di termine dei lavori alla successiva alienazione o assegnazione dell'immobile. 
    Indipendentemente dal valore degli interventi eseguiti, l’acquirente o l’assegnatario dell’immobile deve comunque calcolare la detrazione su un importo forfetario, pari al 25% del prezzo di vendita o di assegnazione dell’abitazione (comprensivo di Iva). Anche questa detrazione va ripartita in 10 rate annuali di pari importo.
    Leggi tutto per scaricare la guida.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • Agevolazioni per le imprese confiscate o sequestrate alla criminalità organizzata

    MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

    IMPRESE SEQUESTRATE O CONFISCATE ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA: si è tenuto a Napoli, il 15 marzo 2018, il seminario organizzato dal Ministero dello Sviluppo Economico per illustrare le caratteristiche dell'agevolazione che sostiene le imprese che acquistano o affittano imprese sequestrate o confiscate.
    IMPRESE SEQUESTRATE O CONFISCATE ALLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA: si tratta della concessione di agevolazioni alle imprese oggetto di sequestro o confisca alla criminalità organizzata, alle imprese che acquistano o affittano imprese sequestrate o confiscate, alle cooperative sociali assegnatarie di beni immobili confiscati e alle cooperative di lavoratori dipendenti locatarie di beni aziendali confiscati.
    TERRITORIALITA': le imprese possono essere localizzate su tutto il territorio nazionale e operare in tutti i settori produttivi.
    BENEFICIARI: I soggetti beneficiari delle agevolazioni sono rappresentati da: -imprese che sono state sequestrate o confiscate alla criminalità organizzata: -imprese che hanno acquistato o affittato imprese sequestrate o confiscate o loro rami di azienda: -cooperative sociali assegnatarie di beni immobili confiscati; -cooperative di lavoratori dipendenti dell’impresa confiscata affittuarie di beni aziendali confiscati.
    INTERVENTI AMMESSI: Gli interventi sono finalizzati a sostenere le imprese beneficiarie a fronte di programmi di sviluppo di durata biennale relativi a una o più delle seguenti attività: -investimenti produttivi; -investimenti per la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro;  -interventi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale; -tutela e incremento dei livelli occupazionali ed emersione del lavoro irregolare; -fabbisogno finanziario aggiuntivo, determinato da un insufficiente accesso al credito bancario o dalla sua contrazione.
    AGEVOLAZIONE: finanziamento a tasso zero di importo non inferiore a euro 50.000 e non superiore a euro 700.000, per una copertura fino al totale dell’ammontare del programma di sviluppo presentato. La durata deve essere non inferiore a tre anni e non superiore a dieci anni, comprensivi di un periodo di preammortamento massimo di due anni.
    RISORSE: le risorse finanziarie destinate alla concessione di finanziamenti ammontano complessivamente a euro 48 milioni.
    PROCEDURA: le agevolazioni sono concesse mediante procedura valutativa a sportello.
    DOMANDE: fino ad esaurimento fondi.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE: record per l'Italia nel 2017 con i finanziamenti agevolati tramite i Fondi Europei. Anche nel 2018 domande aperte e fondi disponibili.

    FONDI BEI 2018FINANZIAMENTI PER LO SVILUPPO ALLE IMPRESE: record per l'Italia nel 2017 con i finanziamenti agevolati erogati tramite i Fondi Europei, attraverso la BEi, Banca Europea per gli investimenti.
    Nel 2017 l’Italia è risultata prima nella graduatoria dei Paesi destinatari dei finanziamenti, raccogliendo 12,3 miliardi.
    La quota di capitale più rilevante è stata quella riservata alle imprese, che nel 2017 hanno ricevuto 5,3 miliardi di prestiti e garanzie, concesse a 39.700 Pmi con 542.500 posti di lavoro.
    FINANZIAMENTI BEI: si tratta di finanziamenti a medio e lungo termine per le piccole e medie imprese, che beneficiano della provvista BEI (Banca Europea degli Investimenti).
    BENEFICIARI: il credito è destinato alle PMI operanti nei settori dell’industria, del commercio, del turismo, dei servizi, dell’agricoltura e dell’artigianato.
    VANTAGGI: fondi per finanziare fino al 100% del costo progetti di sviluppo, durata del periodo di ammortamento da un minimo di 2 anni fino a un massimo di 10, risparmio fiscale sui fondi richiesti. 
    Si tratta di finanziamenti a tassi favorevoli ed esenti dall’imposta sostitutiva dello 0,25%.
    SPESE FINANZIABILI: le spese relative a progetti d’investimento sul territorio nazionale, nuove opere e ristrutturazioni, programmi di ricerca e sviluppo diretti a innovazioni di prodotto o processo.
    I finanziamenti sono erogati anche per il sostegno del capitale circolante. 
    Sono esclusi acquisti di terreni e operazioni di natura meramente finanziaria.
    CARATTERISTICHE DEL FINANZIAMENTO: durata: da 24 a 120 mesi, rate: trimestrali o semestrali; importo: da un minimo di 20.000 euro a un massimo di 12.500.000 euro, sino al 100% del progetto; tasso: variabile (Euribor 3 mesi + spread in base classe di merito attribuita al Cliente).
    Naturalmente la valutazione del merito di credito e l’accettazione di ogni singola operazione è di pertinenza esclusiva della Banca convenzionata.
    PROGETTI AMMESSI: i finanziamenti verranno erogati sia per nuovi progetti, che per attività già in corso, a piccole e medie imprese e imprese a media capitalizzazione.
    MASSIMALI: I finanziamenti potranno coprire fino al 100% degli investimenti, di importo massimo pari a 12,5 milioni di euro e duratafino a 10 anni.
    GARANZIE: I progetti delle PMI potranno inoltre accedere alla garanzia del Fondo Centrale di Garanzia di cui alla L.662 ma anche alla garanzia del FEI riservata alle imprese innovative o che denotano l’orientamento delle stesse alla Ricerca, Sviluppo ed Innovazione. 
    VANTAGGI DELLA GARANZIA FEI (Fondo Europeo Innovazione): accesso al credito con garanzia FEI fino al 50%, tasso di interesse fisso ribassato rispetto al mercato e esente dal cumulo sul regime “de minimis”.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: pubblicato l'elenco delle imprese ammissibili, possibile un aumento delle risorse.

    mise voucher digitalizzazione pmi VOUCHER DIGITALIZZAZIONE: pubblicato l'elenco delle imprese ammissibili
    È disponibile online l'elenco, consultabile per regione, delle imprese alle quali risulta assegnabile il Voucher per la digitalizzazione delle PMI.
    Nell'elenco non è indicato l'importo del Voucher concedibile, in quanto il Ministero, considerato che il riparto delle risorse oggi disponibili tra le oltre 90.000 domande presentate condurrebbe all'assegnazione di un'agevolazione sensibilmente inferiore a quella richiesta dalla singola impresa, sta verificando la possibilità di integrare la copertura finanziaria dell'intervento.
    In ogni caso, dal 15 marzo 2018 le imprese possono cominciare ad effettuare  le spese programmate nei progetti di digitalizzazione e di ammodernamento tecnologico presentati.

    Con un successivo decreto si provvederà a pubblicare l'elenco delle imprese per le quali le previste verifiche sulle dichiarazioni rilasciate all'atto della domanda si saranno concluse positivamente e a indicare l'importo del Voucher assegnato a ciascuna impresa, determinato sulla base delle risorse finanziarie che sarà stato possibile destinare complessivamente all'intervento.
    Leggi tutto l'articolo per scaricare l'elenco delle imprese ammissibili.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • EFFICIENZA ENERGETICA, ecco il Fondo Nazionale: pubblicato il decreto attuativo.

    MISE EFFICIENZA ENERGETICAEFFICIENZA ENERGETICA: pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto attuativo del Fondo Nazionale per l’efficienza energetica.
    Il Fondo sostiene gli interventi di efficienza energetica realizzati dalle imprese e dalla Pubblica Amministrazione su immobili, impianti e processi produttivi.
    BENEFICIARI: imprese di  tutti  i  settori,  in  forma  singola  o  in  forma aggregata o associata, per la realizzazione di progetti di investimento.
    INTERVENTI AGEVOLATI: riduzione dei consumi di energia nei processi industriali; realizzazione e ampliamento di reti per il teleriscaldamento: efficientamento di servizi ed infrastrutture pubbliche, inclusa l’illuminazione pubblica; riqualificazione energetica degli edifici.
    RISORSE: per l’avvio della fase operativa, il Fondo potrà contare su 150 milioni di euro già resi disponibili dal Ministero dello Sviluppo economico, che destinerà anche ulteriori 100 milioni di euro nel triennio 2018-2020. Il Fondo sarà, inoltre, alimentato con le risorse messe a disposizione dal Ministero dell’Ambiente. Con i 150 milioni già disponibili si stima una mobilitazione di investimenti nel settore dell’efficienza di oltre 800 milioni di euro.
    AGEVOLAZIONI: a) garanzia su  singole operazioni di finanziamento; b) finanziamento agevolato per gli investimenti, di  importo  non superiore al 70% dei costi agevolabili, a un tasso fisso pari a 0,25% e della durata massima di dieci anni, oltre a un periodo di  utilizzo e preammortamento non superiore a tre anni.
    CAPITALE DELL'IMPRESA: l'impresa beneficiaria deve apportare un contributo  finanziario non inferiore al 15 per cento del costo del progetto.
    GARANZIE: Le garanzie sono concesse fino  all'ottanta per cento dell'ammontare delle operazioni finanziarie per capitale ed interessi, entro i  limiti previsti dalla  vigente normativa comunitaria e comunque fino ad un importo garantito compreso  tra  un minimo di euro 150.000,00 (centocinquantamila) e un  massimo  di  2,5 milioni di euro,
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: sono   concessi da un  minimo di € 250.000,00 (duecentocinquantamila) e ad un massimo di € 4.000.000,00 (quattro milioni), a copertura di un massimo del 70%  dei  costi  agevolabilI.
    CUMULABILITÀ: le agevolazioni concesse alle imprese siano cumulabili con agevolazioni contributive o finanziarie previste da altre normative comunitarie, nazionali e regionali
    GESTIONE OPERATIVA: la gestione del Fondo sarà affidata ad Invitalia che provvederà a pubblicare le modalità operative per la presentazione dei progetti.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • ESDEBITAZIONE E SOVRAINDEBITAMENTO: ora pienamente operativa la L.3/12. Pubblicata circolare 20 dicembre 2017 del Ministero della Giustizia con chiarimenti operativi.

    ESDEBITAZIONE 3ESDEBITAZIONE E SOVRAINDEBITAMENTO: con la pubblicazione della Circolare 20 dicembre 2017, la Legge 27 gennaio 2012, n. 3. relativa alle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento, sono state date risposta a importanti quesiti di ordine fiscale e la Legge entra nella fase di piena operatività.
    LA LEGGE 3/12: si tratta di un importante strumento innovativo seppur ancora poco conosciuto ed utilizzato nel nostro Paese, che permette a soggetti, quali: piccoli imprenditori, professionisti e privati consumatori, di porre rimedio ad una situazione d’insolvenza grave, convogliando tutti i debiti in un’unica procedura, anziché essere bersaglio di tutta una serie indiscriminata di azioni esecutive da parte dei creditori, con l’ulteriore vantaggio di una falcidia degli importi dovuti (con percentuali che variano a seconda del caso e delle tipologie di procedura) e soprattutto di un’esdebitazione totale al termine della stessa.
    BENEFICIARI: Possono accedere alle procedure previste dalla Legge 3/2012 tutti i soggetti che secondo l’ordinamento italiano non rientrano nelle disposizioni previste dalla legge fallimentare, come per esempio persone fisiche, aziende agricole, piccoli imprenditori non fallibili, professionisti, lavoratori autonomi, enti no profit,le start up innovative e imprenditori commerciali cessati da oltre un anno.
    AGEVOLAZIONE: tutte le procedure gestite e concluse secondo il dettato della legge, consentono al debitore l’esdebitazione totale dei debiti residui nei confronti dei creditori concorsuali e non soddisfatti.
    VANTAGGI: il debitore può ottenere la soddisfazione dei creditori attraverso quanto può realmente pagare nella situazione economica attuale.
    Attraverso le procedure di sovraindebitamento è inoltre possibile:
    sospendere le azioni esecutive (pignoramenti, vendite giudiziarie, beni all'asta); dilazionare il pagamento dell’iva; stralciare i debiti chirografari (ovvero i debiti senza ipoteca); anche i crediti privilegiati potrebbero subire un consistente ridimensionamento, se non vi sono ragionevoli possibilità di ottenere un migliori risultato dalla liquidazione del patrimonio; il blocco del decorso degli interessi sui debiti chirografari; infine all’esito, sarà possibile ottenere il blocco delle procedure esecutive e l’esdebitazione nel caso di regolare adempimento del piano anche per i debiti non soddisfatti.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RESTO AL SUD E BANCA PER IL MEZZOGIORNO: attiva la piattaforma per la richiesta del finanziamento.

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD: agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    BANCA PER IL MEZZOGIORNO: attivata la piattaforma per la richiesta del finanziamento.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi. I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • Start Up Innovative già costituite da meno di 5 anni o costituende: pubblicata la circolare con le semplificazioni. Domande a sportello.

    SMART START ITALIA GIOVANI E DONNESMART&START ITALIA: pubblicato la circolare operativa che semplifica gli incentivi a sostegno delle startup innovative.
    PRINCIPALI NOVITA': nuove modalità di rendicontazione, ampliamento della platea dei destinatari, finanziamento per le attività di marketing e marchi e proroga per l’iscrizione al registro speciale delle imprese, sono queste alcune delle novità introdotte dal Decreto Mise del 9 agosto 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, a sostegno delle startup innovative.
    in particolare le novità più importanti sono le seguenti: possono accedere alle agevolazioni anche le società costituite da non più di 60 mesi; sono ammissibili al finanziamento gli investimenti per marketing e web marketing; sono finanziabili anche i marchi (oltre ai brevetti e alle licenze); è introdotta un’ulteriore modalità di rendicontazione su presentazione di fatture non quietanzatele (purchè nell’arco di 45 giorni dall’accreditamento delle somme da parte di Invitalia venga dimostrato l’avvenuto pagamento); per i team di persone,l’iscrizione al Registro speciale delle startup innovative non deve essere dimostrata alla firma del contratto, ma è posticipata alla prima richiesta di erogazione delle agevolazioni.
    BENEFICIARI: Smart & Start Italia finanzia le start-up innovative , iscritte nell’apposita sezione speciale del registro delle imprese,  che presentano un progetto imprenditoriale caratterizzato da un significativo contenuto tecnologico e innovativo, e/o  mirato allo sviluppo di prodotti, servizi o soluzioni nel campo dell’economia digitale, e/o  finalizzato alla valorizzazione economica dei risultati del sistema della ricerca pubblica e privata. Le società devono essere di piccola dimensione ed essere costituite da non più di 48 mesi.
    PER RICHIEDERE LE AGEVOLAZIONI NON SARÀ NECESSARIO AVER GIÀ COSTITUITO LA SOCIETÀ: possono accedere a Smart&Start Italia anche persone fisiche (compresi i cittadini stranieri in possesso del "visto start-up") che intendono costituire una start-up innovativa. La costituzione della nuova società sarà richiesta, infatti, solo dopo l’approvazione della domanda di ammissione alle agevolazioni. Possono ottenere le agevolazioni Smart&Start Italia anche le imprese straniere, che si impegnano a istituire almeno una sede sul territorio italiano.
    PROGRAMMI AMMESSI: Smart&Start Italia agevola progetti che prevedono programmi di spesa di importo compreso tra 100 mila e 1,5 milioni di euro (al netto dell’iva), per acquistare beni di investimento e sostenere costi di gestione aziendale.
    AGEVOLAZIONE CONCESSA: Smart&Start Italia  riconosce un mutuo senza interessi della durata massima di 8 anni di valore pari al 70% delle spese ammissibili. L’importo del finanziamento agevolato è pari all’80% delle spese ammissibili nel caso in cui la  società sia interamente costituita da donne o da under 36 oppure preveda la presenza di almeno un esperto con titolo di dottore di ricerca (o equivalente) da non più di 6 anni e impegnato stabilmente all'estero in attività di ricerca o didattica da almeno un triennio.
    CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO: Per le startup con sede in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia è previsto un contributo a fondo perduto pari al 20% del mutuo.
    DOMANDE: Smart&Start Italia è una misura a sportello, non ci sono graduatorie e le richieste sono esaminate in base all’ordine cronologico di arrivo. La risposta viene data entreo 45 giorni.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro, senza garanzie, anche per liquidità. Domande a sportello.

    PULSANTE FINANZIAMENTO LIQUIDITAFINANZIAMENTI PER LIQUIDITA': fino a 60.000 euro anche per liquidità. Domande a sportello.
    Si tratta di finanziamenti senza garanzie reali concesse ai possessori di un reddito di qualsiasi tipologia e senza vincoli di destinazione.
    AGEVOLAZIONE: mancanza di richiesta di garanzie reali.
    BENEFICIARI: Privati, imprenditori e professionisti, anche pensionati, che siano in possesso di un reddito di qualsiasi tipologia.
    REQUISITI: assenza di eventi negativi pregiudizievoli o segnalazioni alla centrale rischi.
    FINALITA': qualsiasi finalità, anche per incrementare il capitale proprio.
    CUMULABILITA': il presente finanziamento è cumulabile con qualsiasi altra agevolazione regionale, statale o europea, e pertanto essendo esente da aiuti di stato è possibile utilizzarlo anche come quota di capitale proprio necessaria all'accesso ai progetti che prevedono contributi a fondo perduto quale quota di capitale proprio a carico del richiedente.
    TERRITORIALITA': lo strumento è operativo in tutto il territorio nazionale.
    MASSIMALE FINANZIABILE: fino a 60.000 euro.
    IMPORTI SUPERIORI: per richieste di importo superiore a 60.000 euro e per finalità diverse dalla liquidità,  sono possibili altre agevolazioni o forme di finanziamento, con caratteristiche differenziate a seconda degli importi richiesti e delle finalità.
    GARANZIE: in certi casi, per le imprese, può essere richiesta la garanzia agevolata di cui alla L.662/90 o di un confidi.
    TEMPISTICA  DI EROGAZIONE: pochi giorni.
    RESTITUZIONE: fino a 10 anni.
    DOMANDE A SPORTELLO.
    COMMERCIALISTI E CONSULENTI DELLE IMPRESE: iscrizione gratuita al canale on line a loro dedicato (leggi tutto).

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • Resto al Sud conquista i giovani: 5.143 domande in compilazione, di cui 875 già presentate.

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD: agevolazioni per i giovani di Campania, Sicilia, Calabria, Sardegna, Abruzzo, Puglia, Molise, Basilicata.
    A tre settimane dall’apertura dello “sportello” web, sono 5.143 le domande già presentate o in compilazione per “Resto al Sud”, l’incentivo del governo rivolto ai giovani under 36 che vogliono fare nuove imprese nel Mezzogiorno.
    I progetti finora ricevuti da Invitalia sono 875 ed è già in corso la valutazione in base all’ordine cronologico di arrivo. Entro il 15 febbraio, quindi con un forte anticipo rispetto ai tempi previsti, saranno anche approvate le prime iniziative.
    Le oltre 800 proposte di nuove imprese già presentate prevedono investimenti per 56,3 milioni di euro, con richieste di agevolazioni per 26,5 milioni e la creazione di  3.201 nuovi posti di lavoro.
    Il finanziamento medio richiesto è di circa 66.000 euro per progetto.
    Le agevolazioni coprono fino al 100% delle spese: il 35% a fondo perduto, il 65% con un finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia delle Pmi. I relativi interessi saranno a carico dello Stato.
    Tra le otto regioni interessate dall’incentivo, al primo posto c’è la Campania con il 49,3% delle domande, seguita da Sicilia (15,8%), Calabria(13,2%), Sardegna (8%), Abruzzo (6,8%), Puglia(3,6%), Molise (1,7%), Basilicata (1,6%)
    Il settore turistico-culturale è il più rappresentato con quasi il 43% dei progetti, al secondo posto le attività manifatturiere (27%), quindi i servizi alla persona (13%).
    Il 37% dei proponenti si colloca nella fascia d’età 30-35 anni e il 38% di essi ha un elevato livello di istruzione (laurea, master, dottorato di ricerca).
    Significativa la quota di under 25, che arrivano al 32% del totale.
    “Con Resto al Sud – afferma l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri, mettiamo in condizione i giovani di inventarsi un lavoro e non semplicemente di aspettarlo o di essere costretti a cercarlo lontano dalla propria terra d’origine. I numeri ci confermano che nel Mezzogiorno c’è una forte vocazione imprenditoriale da incoraggiare e sostenere, anche con l’obiettivo di consolidare i segnali di crescita provenienti dal tessuto economico meridionale. Per il secondo anno consecutivo, infatti, il Sud è cresciuto più del Nord. Siamo convinti, prosegue Arcuri, che gli under 36 stiano cogliendo l’opportunità di avviare un’impresa con un incentivo che per la prima volta può coprire il 100% degli investimenti e che consente di abbattere il muro, spesso invalicabile soprattutto nel Mezzogiorno, dell’accesso al credito”.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • CULTURA CREA 2018: incentivi per il settore culturale e turistico rivolto alle imprese e ai soggetti no profit nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

    CULTURA CREA 2018Cultura Crea programma di incentivi 2018 per il settore culturale e turistico rivolto alle imprese e ai soggetti no profit nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.
    Cultura Crea è gestito da Invitalia e promosso dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) per sostenere la filiera culturale e creativa delle regioni interessate e consolidare i settori produttivi collegati, rafforzando la competitività delle micro, piccole e medie imprese.
    LINEE DI INTERVENTO: Gli incentivi prevedono tre linee di intervento per:
    • supportare la nascita di nuove imprese nei settori "core" delle cosiddette industrie culturali, promuovendo processi di innovazione produttiva, di sviluppo tecnologico e di creatività;
    • consolidare e sostenere l'attività dei soggetti economici esistenti nella filiera culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tradizionali e tipici, promuovendo la realizzazione di prodotti e servizi finalizzati all'arricchimento, diversificazione e qualificazione dell'offerta turistico-culturale degli ambiti territoriali di riferimento degli attrattori;
    • favorire la nascita e la qualificazione di servizi e attività connesse alla gestione degli attrattori e alla fruizione e valorizzazione culturale, realizzate da soggetti del terzo settore.
    CONTRIBUTO E AGEVOLAZIONI: finanziamento agevolato a tasso zero e contributo a fondo perduto sulle spese ammesse, con una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità.
    MASSIMALE : gli incentivi, concessi nell’ambito del regolamento de minimis, possono coprire fino all’80% delle spese totali, elevabili al 90% in caso di premialità.
    RISORSE: le risorse disponibili ammontano complessivamente a circa 107 milioni di euro.
    DOMANDE: a sportello fino ad esaurimento delle risorse

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • Europa, Medicina innovativa: opportunità anche per le Pmi con la nuova call 2018.

    euroma imi 2 medicina innovativaIMI 2 BANDO PER LE PMI: Europa, Medicina innovativa, incoraggiata la partecipazione delle PMI.
    Si tratta di "Innovative Medicines Initiative 2", il partenariato pubblico-privato europeo per la medicina innovativa che ha pubblicati i contenuti provvisori degli argomenti relativi ai finanziamenti disponibili per il bando 2018.
    RISORSE : il programma europeo Horizo 2020 dispone di 1,6 miliardi di €.
    ARGOMENTI: sono i seguenti topics provvisori su cui dovranno convergere i progetti di finanziamento: 1) Targeted immune intervention for treatment of non-response and remission; 2) Non-invasive clinical molecular imaging of immune cells; 3) Development of a platform for federated and privacy-preserving machine learning in support of drug discovery; 4)Centre of excellence – remote decentralised clinical trials.
    PARTECIPAZIONE DELLE PMI: La partecipazione delle PMI ai progetti IMI2 è fortemente incoraggiata.
    PERCHÉ UNA PMI DOVREBBE PARTECIPARE A UN PROGETTO IMI? I progetti IMI sono incentrati sul trasferimento di eccellenti risultati eccellenti dal settore della ricerca al settore di sviluppo produttivo, sicuramente una grande opportunità per le PMI:  - Partnership collaborative uniche nella ricerca e sviluppo farmaceutico; - Collaborazione con grandi case farmaceutiche che consente l'accesso a tutta la catena del valore della scoperta di farmaci; -possibilità di costruire reti di ricerca e di business.
    Le piccole e medie imprese, infatti, avranno la possibilità di collaborare con grandi aziende farmaceutiche, ampliando così il proprio network e sviluppando nuove collaborazioni.
    CONTRIBUTO:è previsto un contributo pari al 100% dei costi ammissibili.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • NAZIONALE, MISE: al via il bando per la presentazione di progetti per la costituzione di Centri di competenza ad alta specializzazione previsti dal Piano nazionale Industria 4.0. Domande fino al 30 aprile 2018.

    MISE CENTRI DI COMPETENZA AQD ALTA SPECIALIZZAZIONEMISE: COSTITUZIONE DEI CENTRI DI COMPETENZA AD ALTA SPECIALIZZAZIONE
    E' online il bando per la presentazione di progetti per la costituzione di Centri di competenza ad alta specializzazione previsti dal Piano nazionale Industria 4.0.
    Si tratta di poli di innovazione costituiti nella forma di partenariato pubblico-privato da almeno un organismo di ricerca e da una o più imprese.
    FINALITA': i Centri di competenza hanno come finalità l'orientamento e la formazione delle imprese (in particolare Pmi) e l'attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in ambito 4.0
    ATTIVITA' AMMESSE: I centri di competenza dovranno svolgere attività di orientamento e formazione alle imprese nonché di supporto nell'attuazione di progetti di innovazione, ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione, da parte delle imprese fruitrici, in particolare delle Pmi, di nuovi prodotti, processi o servizi (o al loro miglioramento) tramite tecnologie avanzate in ambito Industria 4.0.
    BENEFICIARI: operatori pubblici e privati (imprese e altri operatori economici, inclusi quelli che svolgono attività di intermediazione finanziaria e/o assicurativa, associazioni di categoria nazionali o territoriali, etc.), con la partecipazione di almeno un organismo di ricerca.
    CONTRIBUTO: i benefici sono concessi nella forma di contributi diretti alla spesa in relazione a: 
    COSTITUZIONE E AVVIAMENTO DEL CENTRO DI COMPETENZA: nella misura del 50 per cento delle spese sostenute, per un importo complessivo non superiore a 7,5 milioni di euro.
    PROGETTI DI INNOVAZIONE, RICERCA INDUSTRIALE E SVILUPPO SPERIMENTALE: presentati dalle imprese, nella misura del 50 per cento delle spese sostenute, per un importo massimo non superiore a 200 mila euro per progetto.
    RISORSE DISPONIBILI: 20 milioni di euro per il 2017 e 20 milioni di euro per il 2018.
    DOMANDE: dal 1 febbraio 2018 al 30 aprile 2018.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO

    CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • BEI e Banca del Mezzogiorno e MCC: 50 milioni di euro per finanziamenti alle piccole e medie imprese.

    fondi bei bdm mcc 2018 per le pmi e medie imprese italianeBEI e Banca del Mezzogiorno e MCC: 50 milioni di euro per finanziamenti alle piccole e medie imprese.
    Entra in vigore l'accordo tra Banca europea degli Investimenti (BEI) e Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale per la concessione di finanziamenti e PMI e MidCap.
    BENEFICIARI: L’iniziativa è volta alle Imprese italiane, con particolare riguardo alle PMI e alle Mid-Cap su cui la Banca, come sviluppato nel nuovo Piano Industriale 2018-2020, recentemente approvato a seguito del passaggio azionario ad Invitalia, concentrerà l’attività creditizia rivolta prevalentemente a sostegno dell’economia meridionale.
    PROGETTI AMMESSI: Banca del Mezzogiorno erogherà finanziamenti sia per nuovi progetti, che per attività già in corso, a piccole e medie imprese e imprese a media capitalizzazione.
    FINANZIAMENTI: I finanziamenti potranno coprire fino al 100% degli investimenti, di importo massimo pari a 12,5 milioni di euro e duratafino a 12 anni.
    GARANZIE: I progetti delle PMI potranno inoltre accedere alla garanzia del Fondo Centrale.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • EUROPA. HORIZON 2020, "PROGRAMMA PRIMA": inviti a presentare proposte 2018. Il bando verrà pubblicato il giorno 8 febbraio 2018.

    PRIMA CALL FOR PROPOSAL 2018EUROPA. HORIZON 2020, "PROGRAMMA PRIMA": inviti a presentare proposte 2018.
    In arrivo il primo bando annuale 2018 per il programma PRIMA , The Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area, che è in pubblicazione il prossimo 8 febbraio.
    PROGRAMMA PRIMA nasce con l’obiettivo di costruire conoscenza e soluzioni innovative in R&I per  il settore agro alimentare e della gestione delle acque nell’area mediterranea.

    PRIMA promuove attività di ricerca e di innovazione congiunta tra i paesi del Mediterraneo, con l'obiettivo di sviluppare soluzioni innovative e sostenibili in agricoltura, la produzione alimentare e la fornitura di acqua, favorendo l'applicazione da parte delle comunità, le imprese ei cittadini.
    AMBITO DI APPLICAZIONE E OBIETTIVI: sviluppare soluzioni innovative e promuovere la loro adozione per migliorare l'efficienza e la sostenibilità delle produzioni alimentari e fornitura di acqua, al fine di sostenere un benessere e di sviluppo socio-economico inclusivo nel Mediterraneo, nel quadro di una cooperazione rafforzata euromediterranea.
    IL NETWORK: PRIMA attualmente può contare sulla partecipazione di 19 paesi euro-mediterranei, tra cui 11 paesi UE (Croazia, Cipro, Francia, Germania, Grecia, Italia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia e Spagna) e 8 paesi non UE (Algeria , Egitto, Israele, Giordania, Libano, Marocco, Tunisia e Turchia).
    L'ANNUAL WORK PLAN 2018: interesserà la Sezione 1 e la Sezione 2 del Programma:
    SEZIONE 1: Bandi transnazionali per azioni RIA e IA gestiti e finanziati dalla Fondazione PRIMA con il contributo di Horizon 2020, con regole di accesso al finanziamento mutuate da Horizon 2020.
    SEZIONE 2: Bandi transnazionali gestiti dalla Fondazione PRIMA e finanziati dagli Stati partecipanti a livello nazionale.
    Le scadenze della prima fase di sottomissione sono previste in primavera 2018, tra fine marzo ed inizio Aprile.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • NUOVA SABATINI: RIFINANZIATA E PROROGATA LA MISURA PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE CHE EFFETTUANO INVESTIMENTI

    NUOVA SABATINI 2017 2018NUOVA SABATINI: la legge di Bilancio 2018 ha rifinanziato con 550 milioni di euro e prorogato al 2023 la misura per le agevolazioni alle imprese che effettuano investimenti e ha disposto anche una riserva specifica del 30% per gli investimenti industria 4.0, per i quali è prevista una maggiorazione del contributo del 30%.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI: La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature, hardware, software ed in tecnologie digitali.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: -Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto.
    I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.
    DOMANDE: misura aperta. Procedura a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • BANCA DEL MEZZOGIORNO CONVENZIONATA CON INVITALIA PER EROGARE LA QUOTA DI FINANZIAMENTO A TASSO ZERO SULLA MISURA "RESTO AL SUD"

    RESTO AL SUD INVITALIABANCA PER ILMEZZOGIORNO-MEDIOCERDITO CENTRALE
    ha sottoscritto la convenzione con Invitalia per l'erogazione del finanziamento impegnandosi a concludere l'istruttoria entro 45 giorni e ha pubblicato le condizioni operative per ottenere l'erogazione del finanziamento a tasso zero.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici. 
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE:DAL 15 GENNAIO 2018. La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • INPS INCENTIVO NAZIONALE ASSUNZIONE SUD: RIFINANZIATO PER IL 2018

    INPS INCENTIVO OCCUPAZIONE SUD 2018INCENTIVO ASSUNZIONE SUD: è stato rifinanziato dalla Legge di Bilncio per tutto l'anno 2018 che ha introdotto anche modifiche migliorative.
    Si tratta dell'incentivo all'occupazione introdotto con il Job Act di cui al Decreto del Ministero del Lavoro del 21 novembre 2016, che prevede per i datori di lavoro che assumono tra il 1 gennaio e il 31 dicembre 2018 un bonus di 8.060 € per ogni nuovo assunto.
    BENEFICIARI: i datori di lavoro privati che effettuano nuove assunzioni  o che trasformano un contratto da tempo determinato in tempo indeterminato, in una delle regioni ammesse, a prescindere dalla residenza del lavoratore.
    REQUISITI: l’incentivo è riconosciuto ai datori di lavoro che assumano persone disoccupate in possesso delle seguenti caratteristiche: a) giovani di età compresa tra i 16 anni e 24 anni; b) lavoratori con almeno 25 anni, privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi. I soggetti non devono aver avuto un rapporto di lavoro negli ultimi sei mesi con il medesimo datore di lavoro.
    IMPORTO DELL’INCENTIVO: l’importo dell’incentivo è pari alla contribuzione previdenziale a carico del datore di lavoro, con esclusione di premi e contributi dovuti all’INAIL, nel limite massimo di 8.060 euro annui per lavoratore assunto.
    PROCEDURA: domanda bonus assunzioni Sud 2018 all’Inps e procedere con le nuove assunzioni entro una settimana dalla comunicazione di accettazione della richiesta da parte dell’INPS.
    MODALITA' DI FRUIZIONE DELL'INCENTIVO: tramite conguaglio nelle denunce contributive mensili trasmesse all'Inps dalle aziende.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RESTO AL SUD: pubblicata la circolare attuativa con criteri e modalità operative. Domande dal 15 gennaio 2018.

    RESTO AL SUD INVITALIARESTO AL SUD: ABRUZZO, BASILICATA, CALABRIA, CAMPANIA, MOLISE, PUGLIA, SARDEGNA E SICILIA. Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la circolare attuativa con criteri e modalità operative.
    CIRCOLARE ATTUATIVA: CHIARIMENTI.
    In particolare con la Circolare sono stati chiariti i requisiti di ammmissione all'agevolazione, l'eleco delle spese ammissibili e non ammissibili, i criteri di valutazione, le modalità di erogazione delle somme concesse, i possibili casi di revoca e le modalità di vigilanza.
    BANCA PER ILMEZZOGIORNO: ha sottoscritto la convenzione con Invitalia per l'erogazione del finanziamento impegnandosi a concludere l'istruttoria entro 45 giorni.
    RICORDIAMO CHE RESTO AL SUD è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno, gestita da Invitalia, finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE:DAL 15 GENNAIO 2018. La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • MISE: Grandi progetti Ricerca & Sviluppo,domande dal giorno 8 gennaio 2018.

    RICERCA E SVILUPPO MISEMISE: GRANDI PROGETTI RICERCA & SVILUPPO: con il decreto del Ministro dello sviluppo economico sono stati rilanciati gli interventi agevolativi in favore dei progetti di R&S di Agenda digitale e Industria sostenibile con le risorse del FRI, il Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e gli investimenti di Cassa depositi e prestiti, e del FCS, il Fondo per la crescita sostenibile del Mise.
    RISORSE: agli interventi sono stati infatti destinati 350 milioni di euro del FRI, per la copertura del finanziamento agevolato, e 100 milioni di euro del FCS, per la copertura del contributo alla spesa.
    MODIFICHE APPORTATE: con lo stesso decreto è stata inoltre introdotta un’importante modifica nelle misure di aiuto rispetto agli interventi fin qui attuati.
    CONTRIBUTO: Il contributo alla spesa viene elevato al 20% dei costi agevolabili (rispetto al 10% per le grandi imprese e al 15% per le piccole e medie imprese), mentre il finanziamento agevolato viene fissato nella misura compresa tra il 50% e il 60% per le grandi imprese e tra il 50% e il 70% per le piccole e medie imprese (finora era compreso tra il 50% e il 70% per tutte le imprese). Il tasso d’interesse resta pari al 20% di quello di riferimento, con un minimo dello 0,8%.
    ENTRATA IN VIGORE: le modifiche saranno applicate alle nuove domande di Agenda digitale e Industria sostenibile, che, come indicato nel decreto del Direttore generale per gli incentivi alle imprese 18 dicembre 2017 potranno essere presentate a partire dall’8 gennaio 2018.
    DOMANDE: lo sportello resterà aperto tutti i giorni lavorativi, dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Già da oggi sarà possibile, tramite la piattaforma informatica del Soggetto gestore, cominciare a predisporre le domande.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • FONDI BEI, FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE IMPRESE. Minimo 500.000.

    FINANZIAMENTI FONDI BEI 2018 PER LE PMIBANCA EUROPEA PER GLI INVESTIMENTI (BEI):  rinnovato l’impegno per le piccole e medie imprese per finanziamenti alla PMI tramite le bance convenzionate.
    NUOVI FONDI DISPONIBILI: si tratta di finanziamenti assistiti dal fondo nazionale di garanzia che copre fino al 80% dell'importo richiesto.
    IMPORTO DEL FINANZIAMENTO: minimo 500.000 euro
    FATTURATO MINIMO: 5 MILIONI
    OGGETTO DEI PRESTITI: saranno sia nuovi progetti, sia quelli in corso non ancora ultimati, di importo non inferiore a 500.000 euro con durata massima di 15 anni.
    SETTORI AMMESSI: gli interventi sono destinati ad aziende attive in tutti i settori produttivi: agricoltura, industria, commercio, turismo e servizi; sono esclusi dall’ambito dell’accordo i progetti di puro investimento finanziario e/o immobiliare.
    DOMANDA: procedura aperta,domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • ISMEA: al via la "Banca nazionale delle Terre Agricole". Aperta la procedura di messa in vendita di 8.000 ettari pronti ad essere coltivati. Mutui agevolati per i giovani agricoltori under 40.

    ismea banca nazionale delle terre agricoleBANCA NAZIONALE DELLE TERRE AGRICOLE
    Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto che è stata aperta oggi la procedura di messa in vendita di 8mila ettari della Banca nazionale delle terre agricole pronti a essere coltivati.
    OBIETTIVO: Favorire lo sviluppo di nuove realtà agricole nei territori.COME FUNZIONA: sul sito di Ismea sono disponibili tutte le informazioni, dalla posizione alle caratteristiche naturali, le tipologie di coltivazioni e i valori catastali.
    DOVE SONO I TERRENI: Nel complesso in Italia si contano ben 8.174 ettari di terreno agricolo.
    MUTUI AGEVOLATI PER I GIOVANI: possibilità di mutui a condizioni più favorevoli da parte di ISMEA se la richiesta è effettuata da under 40.
    LA PROCEDURA: La procedura prevede un percorso semplice:
    Da dicembre: manifestazione d'interesse per uno o più lotti sul sito della Banca della Terra;
    Da febbraio: procedura competitiva a evidenza pubblica tra coloro che hanno manifestato interesse.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RIPRENDE "Marchi +3", IL CONTRIBUTO DEL MINISTERO PER LE PMI PER LO SVILUPPO E L'ESTENSIONE DEL PROPRIO MARCHIO NAZIONALE.

    MARCHI3 2018 MISE"MARCHI +3": riprende il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico in favore delle piccole e medie imprese per l'estensione del proprio marchio nazionale a livello comunitario ed internazionale.
    FINALITA':supportare le imprese, in particolare le PMI, per la valorizzazione dei titoli della proprietà industriale. In particolare si intende supportare le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero.
    BENEFICIARI: micro, piccole e medie imprese con sede legale e operativa in Italia. iscritte nel registro delle imprese, attive e in regolacon il pagamento del diritto annuale, che siano titolari del marchio oggetto della domanda di agevolazioni.
    REQUISITI: aver ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI (Romarin) per la Misura B e di aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito.
    MISURE AGEVOLATIVE: MISURA A - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea presso EUIPO (Ufficio dell’Unione Europea per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici; MISURA B - Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali presso OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) attraverso l’acquisto di servizi specialistici.
    CONTRIBUTO: L’agevolazione è concessa fino all’80% (90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio.
    CONTRIBUTO MASSIMO: MISURA A - L’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a € 6.000,00 per domanda relativa ad un marchio depositato presso l’EUIPO.
    CONTRIBUTO MASSIMO: MISURA B - Per le domande di registrazione internazionale depositate dal 1o giugno 2016 l’importo massimo dell’agevolazione è pari a: - € 6.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi un solo Paese; - € 7.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi due o più Paesi.
    DOMANDE: le domande potranno essere presentate a partire dal 7 marzo 2018.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • "RESTO AL SUD": PUBBLICATO nella G.U. IL Regolamento attuativo. PREVISTI CONTRIBUTI PER GIOVANI IN Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Domande dal 15 gennaio 2017

    RESTO AL SUD INVITALIA"RESTO AL SUD": pubblicato nella G.U. il Decreto attuatativo. Entrata in vigore 6 novembre 2017. Domande dal 15 gennaio 2017.
    "RESTO AL SUD" è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno e che sarà gestita da Invitalia, ed è finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    SPESE AMMESSE: a) opere edili nel limite massimo del trenta per cento del programma di spesa;b) macchinari, impianti ed attrezzature nuovi di fabbrica; c) programmi informatici e servizi per le tecnologie dell'informazione e della telecomunicazione (TIC) connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; d) spese relative al capitale circolante inerente allo svolgimento dell'attivita' d'impresa nella misura massima  del venti per cento del programma di  spesa;sono  ammissibili le spese per materie prime, materiali di consumo, semilavorati e prodotti  finiti, utenze e canoni di locazione per immobili, eventuali  canoni di leasing, acquisizione di garanzie assicurative funzionali all'attivita' finanziata.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni e con 2 anni di pre ammortamento.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE:DAL 15 GENNAIO 2018. La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • NUOVO SERVIZIO DI RICERCA CONTRIBUTI

    ricerca contributiDISPONIBILE IL SERVIZIO PERSONALIZZATO DI RICERCA CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI
    Se avete un progetto imprenditoriale ma non sapete come trovare i contributi o i finanziamenti che vi occorrono per realizzare la vostra idea, allora questo servizio vi sara' molto utile perche' saremo noi a cercare la misura agevolativa disponibile.
    COME FUNZIONA Acquisiamo le vostre indicazioni di base e prendiamo nota di ciò che vi interessa in particolare. Predisponiamo una scheda di ricerca. Fissiamo un appuntamento telefonico pre una consulenza preliminare.con un nostro professionista.
    ESECUZIONE RICERCA: eseguiamo una ricerca approfondita fra tutti i bandi aperti, europei, nazionali e regionali. Selezioniamo quelli che potrebbero essere adatti al vostro caso. Eventualmente proponiamo aggiustamenti e modifiche al vostro progetto per renderlo ammissibile alle condizioni richieste dai vari bandi.
    RISULTATI: vi presentiamo i risultati della ricerca, illustrandovi le caratteristiche delle varie misure disponibili. In particolare mettendo in evidenza i benefici e le condizioni richieste per poter presentare le domande. I risultati della ricerca possono essere presentati tramite appuntamento telefonico.

    PULSANTE GIALLO APPROFONDISCI.150

     

  • RESTO AL SUD": DOMANDE DAL 15 GENNAIO 2018

    RESTO AL SUD INVITALIA "RESTO AL SUD": dal 15 gennaio sarà possibile presentare le domande a Invitalia per gli incentivi Resto al Sud. Sono escluse le attivita' commerciali e le libere professioni. Questa e' stata una scelta politica importante per dare priorita' ai settori che piu' trainano lo sviluppo".
    RICORDIAMO CHE L'AGEVOLAZIONE "RESTO AL SUD" è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno e che sarà gestita da Invitalia, ed è finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE:DAL 15 GENNAIO 2018. La domanda si presenta esclusivamente online. Le domande sono valutate in ordine cronologico di arrivo.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • IN ARRIVO "RESTO AL SUD" E "BANCA DELLE TERRE" le nuove agevolazioni verranno presentati ufficialmente il 27 novembre.

    RESTO AL SUD INVITALIALE NUOVE OPPORTUNITÀ PER I GIOVANI MERIDIONALI: "Resto al Sud" e "Banca delle terre” sono le ultime misure prese dal Governo a favore dei giovani meridionali che saranno al centro dell’incontro che si terrà a Napoli, lunedì 27 novembre 2017.
    L'appuntamento, promosso dal Ministro per la Coesione territoriale e il Mezzogiorno Claudio De Vincenti, si svolgerà a Castel dell'Ovo, "Sala Italia", dalle 10.00 alle 17.00. I lavori saranno aperti dal Ministro De Vincenti, dal Ministro delle Politiche Agricole Maurizio Martina, dal Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca e dal Sindaco Luigi De Magistris. Seguirà l’intervento di Domenico Arcuri, Amministratore delegato di Invitalia, con le testimonianze di imprenditori finanziati con le agevolazioni gestite dall’Agenzia. Poi due tavole rotonde, dedicate alle due misure, che vedranno la partecipazione di esperti, economisti, esponenti del mondo dell'associazionismo e del terzo settore. In chiusura, il Ministro De Vincenti tirerà le fila del confronto attraverso le domande del Direttore de "Il Mattino" Alessandro Barbano, del Direttore de "Il Corriere del Mezzogiorno" Enzo D'Errico e del Responsabile della redazione di Napoli di "Repubblica" Ottavio Ragone.
    RICORDIAMO CHE L'AGEVOLAZIONE "RESTO AL SUD" è la nuova misura per under 35 del Mezzogiorno e che sarà gestita da Invitalia, ed è finalizzata a incentivare i giovani all’avvio di attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno.
    BENEFICIARI: imprenditori under 35 residenti o non residenti nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, che abbiano già avviato o intendono avviare un'impresa nelle suddette regioni. Se non residenti, dovranno trasferire la loro residenza entro 60/120 giorni dalla comunicazione di ammissione alla agevolazione.
    SETTORI AMMESSI: Sono  finanziate  le  attivita'  imprenditoriali  relative   a produzione di beni nei  settori dell'artigianato, dell'industria, della pesca, dell'acquacoltura e le attività rivolte alla  fornitura  di  servizi, compresi i servizi turistici.
    SETTORI ESCLUSI: attività professionali e commercio.
    CONTRIBUTO: l’incentivo prevede un finanziamento fino ad un massimo di 50 mila euro per ciascun richiedente, con una quota a fondo perduto del 35 per cento e il restante 65 attraverso un prestito a tasso zero da restituire in 8 anni.
    TETTO MASSIMO: nel caso in cui l’istanza sia presentata dal più soggetti già costituiti o che intendano costituirsi in forma societaria, ivi incluse le società cooperative, l’importo massimo del finanziamento erogabile è pari a 50 mila euro per ciascun socio.
    DOMANDE: in attesa della pubblicazioni del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico che stabilirà la data di apertura dei termini di presentazione delle domande.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • NUOVA SABATINI: FINANZIAMENTI A TASSO ZERO PER INVESTIMENTI: a novembre 143 milioni ancora disponibili per le imprese.

    NUOVA SABATINI 2017 2018FINANZIAMENTI A TASSO ZERO PER LE IMPRESE.
    FINALITA': migliorare l’accesso al credito per investimenti produttivi delle piccole e medie imprese.
    CONTRIBUTI:La Nuova Sabatini concede contributi dal Ministero dello sviluppo economico a fronte di finanziamenti bancari quinquennali per l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature.
    BENEFICIARI: La misura è rivolta alle micro, piccole e medie imprese operanti in tutti i settori, inclusi agricoltura e pesca, e prevede l’accesso ai finanziamenti e ai contributi a tasso agevolato per gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché per gli investimenti in hardware, software ed in tecnologie digitali.
    FINANZIAMENTI AGEVOLATI: -Finanziamenti di importo non superiore a 2 milioni di euro a fronte degli investimenti sopra descritti, anche frazionato in più iniziative di acquisto. -I finanziamenti possono coprire fino al cento per cento dei costi ammissibili ed hanno una durata massima di cinque anni dalla stipula del contratto.
    Sono ammessi alle agevolazioni gli investimenti avviati successivamente alla data della domanda di accesso ai benefici e conclusi entro dodici mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento.
    DOMANDE: misura aperta. Procedura a sportello fino ad esaurimento fondi.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCO CHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO  
  • IMPRESE SOCIALI E ONLUS: al via la nuova misura per il rafforzamento dell'economia sociale. Contributi alle imprese sociali, cooperative, consorzi e onlus

    MISE ECONOMIA SOCIALEAGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA DIFFUSIONE E IL RAFFORZAMENTO DELL’ECONOMIA SOCIALE
    Per promuovere la diffusione e il rafforzamento dell’economia sociale con decreto del Ministro dello sviluppo economico è stato istituito un niovo regime di aiuto volto a sostenere la nascita e la crescita delle imprese operanti, in tutto il territorio nazionale, per il perseguimento di meritevoli interessi generali e finalità di utilità sociale.
    BENEFICIARI, sono tre le tipologie di beneficiari: 1) imprese sociali di cui al decreto legislativo n. 112/2017 (ex D.Lgs n.  155/2006) e ss.mm.ii. costituite in forma di società; 2) cooperative sociali di cui alla legge n. 381/1991 e ss.mm.ii. e relativi consorzi, che con D.Lgs 112/2017 hanno acquisito di diritto la qualifica di imprese sociali; 3) società cooperative aventi qualifica di ONLUS ai sensi del decreto legislativo n. 460/1997 e ss.mm.ii.
    AGEVOLAZIONE: L’agevolazione consiste in un finanziamento agevolato per la realizzazione di programmi di investimento finalizzati alla creazione o allo sviluppo di imprese operanti nell’ambito dell’economia sociale, in qualunque settore e su tutto il territorio nazionale.
    CONTRIBUTO: per i programmi che prevedono investimenti non superiori a 3 milioni di euro e che rientrano nel campo di applicazione del regolamento (UE) n. 1407/2013, al finanziamento agevolato può essere aggiunto un contributo non rimborsabile, nel limite massimo del 5% delle spese ammissibili complessive.
    DE MINIMIS: le agevolazioni sono concesse a titolo di “de minimis” ai sensi dei Regolamenti (UE) n.1407/2013, n. 1408/2013 e n. 717/2014).
    SPESE MASSIME E MINIME AMMISSIBILI: i programmi di investimento devono presentare spese ammissibili, al netto IVA, non inferiori a 200.000,00 euro e non superiori a 10.000.000,00 di euro.
    FINANZIAMENTO AGEVOLATO: al tasso agevolato di 0,5%, ha una durata non superiore a 15 anni, comprensiva di un periodo di preammortamento massimo di 4 anni.
    FINANZIAMENTO BANCARIO: al finanziamento agevolato deve essere associato un finanziamento bancario, a tasso di mercato e di pari durata, erogato dalla banca finanziatrice individuata dall’impresa nell’ambito dell’elenco delle banche che hanno aderito alla Convenzione Ministero-ABI- CDP del 28 luglio 2017 (pdf).
    UNICO CONTRATTO DI FINANZIAMENTO: Il finanziamento agevolato e il finanziamento bancario saranno regolati in modo unitario da un unico contratto di finanziamento gestito dalla banca finanziatrice, per una copertura delle spese ammissibili pari all’80%, di cui la quota di finanziamento bancario sarà pari al 30% e la quota di finanziamento agevolato sarà pari al 70%.
    RISORSE FINANZIARIE DISPONIBILI: la misura è dotata di 223 milioni di euro, di cui 200 milioni di euro per la concessione dei finanziamenti agevolati e 23 milioni di euro per la concessione dei contributi in conto capitale.
    DOMANDA: procedura aperta, domande a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • CALABRIA, nuovo bando per la creazione di microimprese innovative

    calabria bando start up e spinoff dalla ricercaCALABRIA, pubblicato in pre-informazione il nuovo bando per la creazione di microimprese innovative.
    FINALITA': la Regione Calabria punta ad agevolare la nascita di nuove imprese innovative attraverso un programma integrato di orientamento, formazione, affiancamento, tutoraggio e incentivazione finalizzato a sostenere startup promosse da laureati e spin-off della ricerca.
    Si tratta del sostegno allo alla creazione di nuove imprese innovative promosse da laureati e la realizzazione di spin off della ricerca promosse da operatori della ricerca.
    ARTICOLAZIONE DEGLI INTERVENTI: il programma di intervento è articolato in due fasi: FASE UNO: presentazione e selezione di proposte di idee imprenditoriali da parte dei soggetti proponenti che, se selezionati, beneficeranno dell’erogazione di un ciclo breve di formazione sulla cultura d’impresa, di servizi di assistenza e affiancamento per la predisposizione di un piano d’impresa.
    FASE DUE: concessione di incentivi “de minimis” per l’avvio dell’attività imprenditoriale.
    RISORSE: La dotazione finanziaria ammonta a euro 10.000.000,00 divisi in due call da euro 5.000.000,00 l'una per il 2017 e per il 2018.
    BENEFICIARI FASE UNO STARTUP: persone fisiche in possesso di laurea e/o gruppi/team costituiti da persone fisiche, la cui maggioranza dovrà essere costituita da laureati; SPIN-OFF: operatori della ricerca e/o gruppi/team costituiti da persone fisiche all’interno dei quali sia presente almeno un operatore della ricerca.
    BENEFICIARI FASE DUE: nuove micro e piccole imprese costituite dai soggetti partecipanti alla Fase 1.
    CONTRIBUTO: la misura massima di aiuto concedibile è fissata al 70% delle spese ammissibili ed entro il limite di € 200.000 nell’arco di tre esercizi finanziari.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

     

  • RICERCA E SVILUPPO: agevolazioni in favore di progetti di ricerca e sviluppo. Al via gli Accordi per l’innovazione, rifinanziati con 206 milioni.

    RICERCA.SVILUPPO ACCORDI PER LINNOVAZIONE.250 2017MISE, ACCORDI PER L’INNOVAZIONE: al via gli Accordi per l’innovazione, rifinanziati con 206 milioni. Stabilite con il Decreto 25 ottobre 2017 le modalità di accesso. Le nuove disposizioni sono applicate alle proposte progettuali che saranno presentate dalla data DEL 31 ottobre 2017.
    PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO: si tratta della agevolazioni in favore di progetti di ricerca e sviluppo che prevedono la concessione ed erogazione delle agevolazioni per progetti di R&S nell'ambito di Accordi di Innovazione sottoscritti dal MISE con le Regioni, le Province autonome e altre amministrazioni pubbliche eventualmente interessate e i soggetti proponenti. Il provvedimento si applica alle proposte progettuali presentate dal 31 ottobre 2017.
    FINALITA': gli Accordi per l'innovazione devono essere diretti a sostenere interventi di rilevante impatto tecnologico in grado di incidere sulla  capacità competitiva  delle imprese anche al fine di salvaguardare i  livelli occupazionali e accrescere la presenza delle imprese estere nel territorio nazionale.
    BENEFICIARI: le imprese di qualsiasi dimensione, con almeno due bilanci approvati, che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane o di servizi all’industria (attività di cui all’art. 2195 del codice civile, numeri 1, 3 e 5) nonché attività di ricerca. Le imprese proponenti possono presentare progetti anche in forma congiunta tra loro e/o con Organismi di ricerca, fino a un numero massimo di cinque co-proponenti. In tali casi, i progetti devono essere realizzati mediante il ricorso allo strumento del contratto di rete o ad altre forme contrattuali di collaborazione quali, ad esempio, l’accordo di partenariato e il consorzio.
    PROGETTI AMMESSI: progetti riguardanti attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti, tramite lo sviluppo di una o più delle tecnologie identificate dal Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione 2014 – 2020 “Orizzonte 2020”, quali: -Tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC); - Nanotecnologie; - Materiali avanzati; - Biotecnologie; -Fabbricazione e trasformazione avanzate; - Spazio; -Tecnologie volte a realizzare i seguenti obiettivi della priorità “Sfide per la società” prevista dal Programma Orizzonte 2020
    SPESE AMMISSIBILI: i progetti di ricerca e sviluppo devono prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a 5 milioni di euro e non superiori a 40 milioni di euro, avere una durata non superiore a 36 mesi ed essere avviati successivamente alla presentazione della proposta progettuale al Ministero dello sviluppo economico.
    ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA: ai fini dell’accesso alle agevolazioni previste dal DM 24 maggio 2017 è necessario che sia definito l’Accordo per l’innovazione tra il Ministero dello sviluppo economico e le Regioni e le province autonome interessate e/o il soggetto proponente.
    ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA NEGOZIALE: i soggetti proponenti devono presentare al Ministero dello sviluppo economico una proposta progettuale. il Ministero dello sviluppo economico, ricevuta la proposta progettuale, provvede ad avviare la fase di interlocuzione con le regioni e le province autonome e a valutare la validità strategica dell’iniziativa proposta. Nel caso in cui le valutazioni si concludano con esito positivo si procede alla definizione dell’Accordo per l’innovazione.
    CONTRIBUTO: le agevolazioni consistono in: un contributo diretto alla spesa per una percentuale minima pari al 20 per cento dei costi e delle spese ammissibili (a cui si può aggiungere una quota variabile definita in relazione alle risorse finanziarie regionali disponibili); - un finanziamento agevolato, nel caso in cui sia previsto dall’Accordo, nel limite del 20 per cento dei costi e delle spese ammissibili (a cui si può aggiungere una quota variabile definita in relazione alle risorse finanziarie regionali disponibili). 
    RISORSE DISPONIBILI: Le risorse disponibili ammontano ora a oltre 206 milioni di euro.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

  • SMART&START ITALIA: pubblicate importanti modifiche agli incentivi Smart&Start Italia.

    SMART START ITALIA GIOVANI E DONNESMART&START ITALIA: pubblicato il Decreto che semplifica gli incentivi a sostegno delle startup innovative, da oggi più facile realizzare i progetti.
    PRINCIPALI NOVITA': nuove modalità di rendicontazione, ampliamento della platea dei destinatari, finanziamento per le attività di marketing e marchi e proroga per l’iscrizione al registro speciale delle imprese, sono queste alcune delle novità introdotte dal Decreto Mise del 9 agosto 2017, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, a sostegno delle startup innovative.
    DECRETO MISE DEL 9 AGOSTO 2017: il Decreto semplifica il precedente DM del 24 settembre 2014 e va incontro alle esigenze espresse dalle imprese, sia in termini di liquidità, sia ammettendo al finanziamento spese divenute ormai strategiche per una startup innovativa, sia favorendo i diritti di proprietà industriale.
    NOVITA': in particolare le novità più importanti sono le seguenti:
    BENEFICIARI: possono accedere alle agevolazioni anche le società costituite da non più di 60 mesi;
    SPESE AMMESSE: sono ammissibili al finanziamento gli investimenti per marketing e web marketing e sono finanziabili anche i marchi (oltre ai brevetti e alle licenze).
    RENDICONTAZIONE: è introdotta un’ulteriore modalità di rendicontazione su presentazione di fatture non quietanzatele (purchè nell’arco di 45 giorni dall’accreditamento delle somme da parte di Invitalia venga dimostrato l’avvenuto pagamento).
    ISCRIZIONE AL REGISTRO SPECIALE: per i team di persone,l’iscrizione al Registro speciale delle startup innovative non deve essere dimostrata alla firma del contratto, ma è posticipata alla prima richiesta di erogazione delle agevolazioni.
    DOMANDE: a sportello.

    CHIEDI INFORMAZIONI 200PX 5 BIANCOCHIEDI APPUNTAMENTO 200 PX BIANCO

     

  • IL NUOVO CONTRATTO DI SVILUPPO: arriva fast track e i tempi si accorciano

    CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0IL NUOVO CONTRATTO DI SVILUPPO è un importante strumento di politica industriale del nostro Paese per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni nel settore industriale, compreso il settore agroalimentare, turistico, tutela ambientale, risparmio energetico, nonchè ricerca e sviluppo.
    LOCALIZZAZIONE: le risorse finanziarie sono destinate per l’80% al Mezzogiorno e per il 20% alle regioni del Centro-Nord e potranno essere incrementate ulteriormente con i fondi della programmazione comunitaria e nazionale.
    Il Contratto di Sviluppo è il principale strumento di incentivazione destinato alle imprese che, singolarmente o in forma associata intendono realizzare investimenti di grande dimensione nel nostro Paese nei settori industriale, turistico e della tutela ambientale.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori.
    INVESTIMENTO MINIMO DELL'IMPRESA PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, Trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni:
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.
    BENEFICIARI: imprese italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI : le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: -Finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; -Contributo in conto interessi; -Contributo in conto impianti; -Contributo diretto alla spesa.
    ITALIA CONTRIBUTI E' COORDINATORE PER LA REALIZZAZIONE DI DIVERSI CONTRATTI DI SVILUPPO: CONTATTATECI PER INFORMAZIONI SUI CONTRATTI DI SVILUPPO

    PULSANTE CONTRATTI DI SVILUPPO RETTANGOLARE CHIEDI INFO

     

  • IL NUOVO CONTRATTO DI SVILUPPO: con fast track i tempi si accorciano

    CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018IL NUOVO CONTRATTO DI SVILUPPO è un importante strumento di politica industriale del nostro Paese per realizzare investimenti strategici e innovativi di grandi dimensioni nel settore industriale, compreso il settore agroalimentare, turistico, tutela ambientale, risparmio energetico, nonchè ricerca e sviluppo.
    LOCALIZZAZIONE: Le risorse finanziarie sono destinate per l’80% al Mezzogiorno e per il 20% alle regioni del Centro-Nord e potranno essere incrementate ulteriormente con i fondi della programmazione comunitaria e nazionale.
    Il Contratto di Sviluppo è il principale strumento di incentivazione destinato alle imprese che, singolarmente o in forma associata intendono realizzare investimenti di grande dimensione nel nostro Paese nei settori industriale, turistico e della tutela ambientale.
    L’INVESTIMENTO MINIMO DELL' INTERO PROGETTO: 7,5 milioni per l'agroalimentare e 20 milioni per gli altri settori.
    INVESTIMENTO MINIMO DEL PROMOTORE: settore industriale: 10 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 3 milioni; Turismo: 5 milioni; Tutela ambientale: 10 milioni:
    INVESTIMENTO MINIMO DELLE IMPRESE ADERENTI: settore industriale: 1,5 milioni, trasformazione prodotti agricoli: 1,5 milioni; Turismo: 1,5 milioni; Tutela ambientale: 1,5 milioni.
    BENEFICIARI: imprese, italiane ed estere.
    CONTRATTO DI RETE: il contratto di sviluppo potrà inoltre essere realizzato da più soggetti in forma congiunta tramite lo strumento del contratto di rete.
    CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO E FINANZIAMENTI AGEVOLATI : le agevolazioni sono concesse nelle seguenti forme, anche in combinazione tra loro: -finanziamento agevolato, nei limiti del 75% delle spese ammissibili; -contributo in conto interessi; -contributo in conto impianti; -contributo diretto alla spesa.

CONTRATTO DI SVILUPPO INDUSTRIALE

CONTRATTI DI SVILUPPO INDUSTRIALE

chiedi appuntamento 2 Giallo

CERCA

IMPRESE SOCIALI

MISE IMPRESE SOCIALI 250

 

CONTRATTO DI SVILUPPO TURISTICO

CONTRATTI DI SVILUPPO TURISTICO

NUOVA SABATINI

NUOVA SABATINI 2017 2018

CONTRATTO DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO 4.0 2018

MACCHINARI INNOVATIVI

MACCHINARI INNOVATIVI SUD 2019

RICERCA E SVILUPPO

RICERCA E SVILUPPO SCIENZA DELLA VITA

IMPRESE AGROINDUSTRIALI

CONTRATTO DI SVILUPPO AGROINDUSTRIALE 250

INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE

INTERNAZIONALIZZAZIONE SPESE PROMOZIONALI INSERIMENTO MERCATI EXTRA UE 250

cooperazione allo sviluppo

COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO BANDO 2018

Patrimonializzazione delle Pmi Esportatrici

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PATRIMONIALIZZAZIONE.PMI 250

MARCHI+3

MARCHI3 2018 MISE

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

PULSANTE FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

AGEVOLAZIONI PER L'EXPORT

INTERNAZIONALIZZAZIONE FINANZIAMENTI E AGEVOLAZIONI 250

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO

INVITALIA NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO 2017

ANTICIPO FATTURE

anticipo fatture 90 in 48 ore

START UP INNOVATIVE

SMART START ITALIA GIOVANI E DONNE

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

CESSIONE CREDITI VERSO ENTI PUBBLICI

CESSIONE PRO SOLUTO 250

FONDI EUROPEI PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE

RESTO AL SUD

RESTO AL SUD INVITALIA

PRESTITO SCORTE E CAPITALE CIRCOLANTE

PRESTITO SCORTE E CIRCOLANTE 250X250

BONUS SUD - CREDITO DI IMPOSTA 45%

CREDITO.DI.IMPOSTA.INVESTIMENTINEL.MEZZOGIORNO 45

Iscriviti alla Newsletter

IMPRESE E COOPERATIVE SOCIALI

MISE ECONOMIA SOCIALE

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

HORIZON 2020 SME INSTRUMENTS

Banca nazionale delle Terre Agricole

ismea banca nazionale delle terre agricole

ACCORDI PER L'INNOVAZIONE

RICERCA.SVILUPPO ACCORDI PER LINNOVAZIONE.250

CONTRATTI DI SVILUPPO

CONTRATTI DI SVILUPPO PULSANTE QUADRATO

PROGRAMMI EUROPEI A GESTIONE DIRETTA

programmi europei a gestione diretta

MIUR: RICERCA E SVILUPPO

MIUR BANDO RICERCA E SVILUPPO SPERIMENTALE

Zona Franca Sisma Centro Italia

MISE.zona franca urbana sisma centro italia

ISMEA NUOVO INSEDIAMENTO GIOVANI IN AGRICOLTURA

ISMEA.NUOVO.INSEDIAMENTO.GIOVANI.AGRICOLTURA LOTTO 3 PROROGA

LOMBARDIA ARTIGIANATO

Lombardia.Artigianato.Investimenti 200

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CONTRATTO DI SVILUPPO TUTELA AMBIENTALE

CREDITO DI IMPOSTA 50%

CREDITO DI IMPOSTA 50

SMART & START ITALIA 2017

SMART.E.START.250

IPER E SUPER AMMORTAMENTO

SUPER AMMORTAMENTO E IPER AMMORTAMENTO

BEI LIFE4ENERGY

LIFE4ENERGY.JPG FINANZIAMENTI EFFICIENZA ENERGETICA IMPRES

CONTRATTI DI SVILUPPO PER LA TUTELA AMBIENTALE

MISE TUTELA AMBIENTALE ENERGIA E GAS

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

PIEMONTE RISPARMIO ENERGETICO ENTI LOCALI PIEMONTESI

PIEMONTE RIDUZIONE CONSUMI ENEGETICI

FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

NUOVE IMPRESE A TASSO ZERO PER DONNE E GIOVANI

INVITALIA.NUOVE.IMPRESE.TASSO.ZERO

Beni Sequestrati alla Criminalità

MISE BENI SEQUESTRATI ALLA CRIMINALITA ORGANIZZATA

AGEVOLAZIONI INTERNAZIONALIZZAZIONE E EXPORT

mise.internazionalizzazione

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI


HORIZON 2020 - PON IMPRESE & COMPETITIVITA'

PON 2014 2020 RICERCA SVILUPPO

CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

MICROCREDITO E FINANZIAMENTI PER LIQUIDITA'

BENI CULTURALI: IMPRESE CREATIVE

PON.FESR.CULTURA

LIFE (2014-2020) Programma per l’ambiente e l’azione per il clima

AMBIENTE.PROGRAMMA.LIFE

No Profit, Sociale e Volontariato

NOPROFIT.SOCIALE.VOLONTARIATO

Selfiemployment - Microcredito ai Giovani

SELFIEMPLOIEMENT.GIOVANI.NEED.UNDER.29

FINALITA

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER PMI

SETTORI

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI

Agevolazioni inserimento sui mercati esteri

INTERNAZIONALIZZAZIONE.CREDITI.ESPORTAZIONE

CERCA

Partecipazione a Fiere

INTERNAZIONALIZZAZIONE.PRIMA PARTECIPAZIONE.FIERE.E.MOSTRE

FONDI BEI: FINAZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI

CERCA

Iscriviti alla Newsletter

FINANZIAMENTI ALLE IMPRESE FEMMINILI

FINANZIAMENTI PER LE IMPRESE

Zona Franca Sisma Centro Italia

MISE.zona franca urbana sisma centro italia

HAI UN PROGETTO DI IMPRESA? CHIEDI INFORMAZIONI

RICHIEDI INFORMAZIONI